Dubbi sull'università

Inviata da Giada · 16 mag 2017 Orientamento scolastico

Salve. Racconto in breve la mia storia. Mi sono iscritta all'università, triennale e ora sono al secondo anno. Preciso che ho preso la decisione di iscrivermi a settembre, dopo la maturità al liceo, senza pensare veramente e coscientemente a cosa stavo andando incontro.
Il primo anno ho dato in totale tre esami, ottenendo quindi 18 crediti su 60. Essendo una studentessa fuori sede ero spesso lontano da casa e forse non avendo ancora ben capito come funzionasse l'università e quanta responsabilità ci fosse dietro la scelta di iscrivermi ad essa ho preso tutto molto alla leggera e il risultato del primo anno si può cosi riassumere in: disastro.
Ho iniziato il secondo anno mettendoci tutto l'impegno possibile affinchè io potessi recuperare il più possibile i crediti persi. A metà ottobre mi è venuta la mia crisi d'ansia; tachicardia, sudorazione fredda, paura, tremori, agitazione a mille. Passo in farmacia, acquisto delle compresse alle erbe (Quetidia), alla fine mi è passato. Ho pensato fosse per il troppo stress legato alla vita frenetica della città, alle tante ore passate all''università, allo studio delle varie materie. Ho passato tutto l'inverno a studiare e ho dato 3 esami, obbligatori, consigliati al primo anno, due da 12 crediti e uno da 6. Ho passato quello da 12 crediti (scritto) temuto da molti con un voto basso (21), ma la gioia è stata tanta perchè non mi aspettavo di passarlo. Molto probabilmente l'ho passato perchè era scritto, se fosse stato orale non sarebbe andata sicuramente cosi e posso anche spiegare il perchè di tale convinzione. Tutti gli esami che ho dato sono stati orali, tranne questo e tutti questi esami mi hanno lasciato solo un'emozione: insoddisfazione. Insoddisfazione perché non sono mai riuscita a dare il meglio di me nei colloqui orali e se l'anno scorso questa insoddisfazione non ha avuto lunga vita perchè non avevo per la testa in modo serio l'università, quest'anno mi è pesata molto ed ecco che una settimana dopo l'ultimo esame di quest'inverno (dove ho preso 25, non meritato, ma solo grazie alla bontà riconosciuta da tutti, da molti anni, del professore, e dove sono sorti i primi dubbi tra la mia rabbia e la mia frustrazione come ad esempio "io lascio tutto" "non è la mia strada" legati anche al fatto che ho preso voti uguali agli esami che ho dato l’anno prima e per i quali avevo studiato molto meno e sicuramente con meno impegno, ma passati sempre con una “spinta” di clemenza da parte del professore di turno che a volte me lo ha anche esplicitato che “i libri non bisogna aprirli, ma anche studiarli”) mi è venuto un secondo attacco d'ansia.
Da qui in poi è stato un lento declino. Ho ripreso le lezioni, ma la voglia iniziale era scomparsa, ho cominciato a rattristarmi e a vivere nei miei dubbi e nei pensieri sempre più cupi e a non stare bene neanche fisicamente, con lo stomaco sempre sottosopra e con la paura di avere qualcosa di fisico che si è sommato al resto e così l'ultimo attacco d'ansia di qualche settimana fa è stato "nefasto": per una settimana ho pianto e basta, ho fatto gli esami del sangue che hanno confermato che sono in salute, ma sono entrata nel labirinto della paura; paura di avere un altro attacco, paura di non stare bene, paura di avere l'ansia in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo, tanto che mi pesa fare un viaggio in treno di tre ore (sto male solo a pensarci) o a uscire in generale, perchè inevitabilmente la mia mente va a pensare a me che potrei stare male, che potrebbe salirmi l'ansia, che potrei non essere in grado di reagire e facendo così ovviamente è come se mi volessi far venire l'ansia di proposito. Così disperata ho chiesto aiuto ad una psicoterapeuta e alla sua terapia breve strategica per combattere questo problema. Il punto è: se io penso di lasciare l'università il mio cuore è più "leggero", anche se sono consapevole dell'importanza di una laurea e del fatto che molto probabilmente tutto ciò è legato al fatto che non riesco a gestire bene la situazione vedendo solo il lato negativo di tutto, ossia che sono in ritardo con gli esami e quindi che non concluderò sicuramente nei tre anni, che sono stanca di stare male e di non avere soddisfazioni, che voglio avere qualcosa che mi appaga invece di sentire questo constante peso addosso. So anche che questa situazione mentale che si è venuta a creare e che io stessa alimento prima o poi finirà, ma il pensiero costante dell’università e dell’ansia in sé mi sta distruggendo piano piano facendomi pesare anche le più piccole cose, come stare con gli amici o uscire a camminare o farmi un tranquillo viaggio in treno. Vorrei sapere la prima impressione che viene leggendo questa mia storia, vorrei solo avere la conferma di non essere totalmente condizionata dal mio malessere nel dire queste cose, nel voler lasciare il mio percorso di studi, anche perché ripeto se io penso a me con un lavoro vicino anche alla mia famiglia sento solo sensazioni positive. Grazie dell’attenzione.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 18 MAG 2017

Gentile Giada,
innanzi tutto vorrei dirti che il tuo percorso universitario non mi sembra cosí fallimentare come dici. Certo, è vero che non hai dato tutti gli esami previsti nei tempi prestabiliti dall'universitá, ma questo non significa che il tuo percorso di studi sia un fallimento. Io penso che a l'universitá pretenda troppo da molti studenti. Tu cerca semplicemente di studiare con i tuoi tempi. Ognuno ha il suo percorso e lo fa con i suoi tempi, per cui lascia da parte i confronti e le pretese altrui e studia come riesci. Non è la fine del mondo se invece di laurearti in tre anni ci metti un po' piú tempo. Alla fine il risultato è lo stesso (la laurea) sia che tu ci abbia messo tre anni, sia che tu ci abbia messo di piú.
Probabilmente pretendi molto da stessa e stai attribuendo molta importanza alle tempistiche universitarie e ai risultati: lascia da parte anche queste pretese.
Vorrei poi dirti un'altra cosa: nessuno studente studia mai il programma alla perfezione e ci sono studenti che come te si trovano meglio a sostenere esami scritti anziché orali. Tu da questo punto di vista non sei diversa da altri, il problema e ció che ti fa stare male è probabilmente il fatto che hai pretese molto elevate su te stessa e sui risultati che dovresti raggiungere.
Ottima la tua scelta di rivolgerti a una psicoterapeuta strategica: sono certa che saprá fornirti utili strategie per fronteggiare eventuali attacchi, la paura che si ripresentino e le difficoltá legate all'universitá.
Ti auguro tutto il meglio.

Cordiali saluti,

dott.ssa Elisa Canossa, psicologa psicoterapeuta a Padova e Sustinente (MN)

Dott.ssa Elisa Canossa - Studio di psicologia e psicoterapia Psicologo a Sustinente

726 Risposte

2184 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 MAG 2017

Gentile Giada,
probabilmente sei troppo esigente e severa con te stessa sicchè quello che fai non ti sembra mai abbastanza e pensi sempre di non meritare i risultati positivi che con impegno riesci ad ottenere.
Oltre a ciò hai sviluppato parecchia ansia psicosomatica tanto da rischiare l'attacco di panico.
Ovviamente, lasciare l'Università sarebbe una pessima decisione nè servirebbe , come forse credi, a farti sentire meglio.
Pertanto, l'unica cosa saggia da fare è portare avanti gli studi e intraprendere un percorso di psicoterapia che possa farti acquisire più sicurezza e autostima in modo da saper gestire al meglio gli inevitabili momenti di ansia in determinate situazioni di stress (esami o altro).
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6974 Risposte

19369 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 MAG 2017

Cara giada, non sarà per caso che lei pretende un pò troppo da se stessa? che magari è giudicante in quello che fa? che sente la necessità di dover raggiungere solo il massimo e la perfezione? di non meritare nessun traguardo?

la inviterei a riflettere sui suoi sintomi, che potrebbero forse essere sotto controllo con i farmaci, ma non scompariranno, anzi...si ripresenteranno ogni qual volta i suoi pensieri prenderanno il sopravvento. la invito a pensare ad una Psicoterapia che potrebbe aiutarla molto...

Eleonora de gaetani

Dott.ssa Eleonora de Gaetani Psicologo a Ugento

20 Risposte

2 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 MAG 2017

Cara Giada, sembra proprio che tu sia entrata nella spirale dell'ansia. Scrivi di esserti rivolta ad una terapeuta breve strategica. Penso che ti possa aiutare. Evitare ciò che ci crea ansia sul momento può sembrare risolutivo ma poi l'ansia aumenta e prende spazio. Prima di lasciare il percorso di studi avvia il percorso di esperienze che lei ti proporrà per vincere le tue ansie. C'è sempre una via di uscita.

Dott. Andrea Bottai Psicologo a Firenze

22 Risposte

22 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Altre domande su Orientamento scolastico

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16650

psicologi

domande 23050

domande

Risposte 84400

Risposte