Dubbi sulla sessualità, bugie e sensi di colpa

Inviata da Eri · 27 feb 2017 Orientamento sessuale

Buonasera psicologi,
Il motivo per cui ho deciso di scrivere qui è perché mi trovo in una bruttissima situazione che io stessa mi sono creata e dalla quale non riesco più ad uscire. Premetto che è una storia molto lunga e mi scuso già da ora per il tempo che andrò a rubare. Mi vergogno tantissimo per quello che ho fatto, e non posso parlarne con nessuno perché so che, giustamente apparirei come una pazza, psicopatica, bugiarda e cattiva. Ma non è così. Sono una ragazza di 24 anni, nella mia vita ho avuto una sola storia importante durata 6 anni e finita 2 anni fa. Da allora non mi sono più impegnata ad avere frequentazioni o conoscenze, questo perché (ed è anche il motivo per cui ho chiuso la precedente relazione) ho iniziato ad avere dubbi sulla mia sessualità. Il mio paese d'origine è un piccolo paesino di 1000 abitanti dove la mentalità è molto arretrata, dove tutti sono pronti a criticare e giudicare e l'omosessualità è considerata qualcosa di anomalo. Anche la mia famiglia è molto chiusa mentalmente e considera l'omosessualità come qualcosa di assurdo e anormale. Attualmente vivo in una città per motivi di studio. Prima di intraprendere la carriera universitaria ero una studentessa modello. Ma l'inizio dei miei dubbi sessuali hanno bloccato anche la mia carriera universitaria. Attanagliata dai dubbi 12mesi fa ho deciso di iscrivermi ad una chat di incontri lesbici. Dopo due giorni ho conosciuto una ragazza con la quale non mi sono presentata per quella che realmente sono (forse per paura di far apparire la mia persona come lesbica, non lo so, so solo che ho fatto la cavolata più grande della mia vita). Le ho mentito su tutto, nome, data di nascita, città d'origine, le ho detto che lavoro, ho mentito sul nome e lavoro dei miei genitori, sulla mia immagine fisica. Le ho persino mentito sulla mia sessualità, le ho detto che avevo già avuto storie lesbiche, quando in realtà non è così e che i miei genitori non accettavano la cosa. Non so perché l'ho fatto, non me lo so spiegare, so solo che ho fatto la cavolata più grande della mia vita. Ma me ne pento ogni giorno. Con questa ragazza,più grande di me ( ha 32 anni) si è creata fin da subito sintonia, complicità, abbiamo passato gli ultimi 12 mesi a sentirci assiduamente con messaggi e chiamate che duravano dalle 3 ore in su. Abbiamo parlato di sentimenti , di desideri, di passione, e del desiderio di incontrarci. Lei è una persona stupenda, buona di cuore e d'animo. Per ben 3 volte lei è venuta in una città in cui gli ho detto che stavo nella speranza di incontrarmi, ma io ho sempre rifiutato, perché ho avuto molta paura dopo tutte le menzogne che le ho raccontato. Più volte ho provato a dirle la verità a raccontarle tutto, a farmi conoscere per quella che realmente sono, ma non ci sono riuscita. Ho cercato di essere sincera tante volte, ma poi lei mi diceva: "non so molto di te, ma mi fido ciecamente di te e di quello che mi dici, e sai che mi è difficile perché in giro c'è troppa gente pazza e fuori di testa che finge di essere altro". Così non sono mai riuscita a dirle la verità, perché ho pensato che appena gli avessi raccontato tutto mi avrebbe preso per una pazza e per una folle. Ho avuto troppa paura di deluderla, di apparire come una pazza, paura che lei mi rifiutasse, e più passavano i giorni e i mesi e più la cosa si è fatta sempre più difficile. Io non so cosa provo realmente per lei,.se è amore o altro, so solo che provo delle emozioni e sensazioni molto forti e che le voglio un gran bene, su questo non ho mai mentito. Non ho mai mentito sui i miei sentimenti verso di lei, che sono sinceri e reali. Un mese fa mi ha dato un ultimatum, o mi facevo vedere o chiudevamo tutto. Io non mi sono presentata all'incontro. Ho avuto paura e sono stata una codarda. Qualche giorno fa mi ha scritto che sta frequentando un'altra persona nonostante abbia ancora me dentro, perché ha bisogno di una persona che le sta accanto e non solo via telefono. Volevo dirle tutto, ma ho paura di farla soffrire ulteriormente, di ferirla, di mostrare che la persona di cui si è "innamorata" in realtà non esiste. Più volte mi ha detto che tiene moltissimo a me e che prova cose forti. Non riesco a darmi pace. A perdonarmi per quello che le ho fatto. Mi sento una persona orribile e meschina. Mi sto tormentando. Non so come accidenti mi sono infilata in questa situazione, ho perso il lume della ragione, e mi sento davvero una persona orribile. Due giorni fa ho anche avuto attacchi di panico e sono svenuta in bagno. Non so come muovermi e cosa fare. Vorrei dirle tutto, presentarmi a lei per quella che realmente sono, ma non ho il coraggio. Non ho coraggio di dirle che fondamentale la persona a cui ha dato affetto, tempo e comprensione in questo anno, non sono io.
O meglio lo sono nei sentimenti, ma non in tutto il resto. Fondamentale lei non conosce niente di me come persona, mentre io tutto. Ho paura di una sua reazione, che non mi riesca a capire, e sono sincera anche io al suo posto mi considererei una pazza, fuori di testa, bugiarda e cattiva. Ma giuro che mai avrei voluto farle del male, mi sono solo ritrovata bloccata in questa situazione. Ora non so cosa fare, a parte che sto male per averla persa, mi sento in colpa e un peso sulla coscienza per averle mentito e ingannata. Potrei tacere e cercare di andare avanti ma non so se riuscirei a perdonarmi, per di più se lei dovesse scoprire la mia vera identità da altre persone e non da me sarebbe peggio, perché in tal caso mi odierebbe ancor di più. Non so proprio cosa fare, mi trovo in un tunnel senza luce e via d'uscita. Purtroppo sono una persona debole caratterialmente e non so se riuscirei a reggere un confronto con lei e a spiegarmi bene e farmi capire da lei, che al mio contrario è una persona molto forte, decisa e con un carattere che prende fuoco molto facilmente.
Mi sento veramente male. Non so cosa fare, come agire, non vedo soluzioni per quello che ho fatto e non mi capacito di come io sia riuscita ad essere così cattiva e fare una cosa del genere con i sentimenti di un'altra persona.
Spero di poter ricevere qualche spunto di riflessione o qualcosa che mi faccia prendere una decisione.
Vi ringrazio anticipatamente.
Cordiali saluti







Ps: so che molto probabilmente mi sarà consigliato un percorso terapeutico, ci avevo pensato anche io, ma purtroppo non me lo posso permettere

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 28 FEB 2017

Salve Eri
Ridefinendo la sua situazione mi sembra di aver capito che per salvaguardare "qualcosa", plausibilmente l'orientamento sessuale che gli altri, famiglia e compaesani, si aspettano da lei, ha omesso il suo orientamento anche a una persona esterna, che la avrebbe , magari, accettata. Sicuramente la situazione sentimentale che sta vivendo genera malessere, tristezza e colpa, come riferisce, però vorrei farle una domanda: all'inizio, come sottolineavo prima, lei ha detto di voler nascondere le informazioni circa la sua sessualità a persone che "non capirebbero" per via della cultura e della mentalità non proprio da openmind; cosa sarebbe successo se lei non avesse mentito e avesse incontrato questa persona vivendosi questa storia? Queste omissioni, in realtà, cosa sottendevano?
Sicuramente, come diceva, in questi casi è consigliabile un percorso che la aiuti a ridefinire la sua situazione e aiutandola a gestire questi aventi e le emozioni annesse. Se non può sostenere le spese, esistono servizi pubblici a cui fare riferimento.
Resto a disposizione
Dottssa Fabrizia Tudisco psicologa Napoli

Dott.ssa Fabrizia Tudisco Psicologo a Napoli

503 Risposte

953 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento sessuale

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento sessuale

Altre domande su Orientamento sessuale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24700

domande

Risposte 88200

Risposte