Dubbi sulla relazione psicoterapeutica

Inviata da Honey91 · 14 apr 2015 Orientamento professionale

Salve,sono una ragazza ,entrata in terapia poco meno di un anno.
ultimamente sto avendo dei dubbi su alcuni comportamenti di tipo professionale della mia terapeuta.
Adopera il metodo Sistemico- Relazionale-familiare
Per esempio :
- mi ha dato la disponibilità,se necessario,nel chiamarla o contattarla .Inizialmente parlavamo anche su whatsapp in situazioni di bisogno,mentre quando la telefonavo non era mai disponibile a rispondere,anche in orari idonei.
- A volte durante la terapia tende a fare paragoni con gli altri suoi pazienti .
- ci sono cose se tu accenni l'argomento ti interrompe e non ne vuole parlare a fondo (sesso,suicidio,alimentazione).
- A volte ho la sensazione che prende troppo con superficialità cio' che le dico.
- A volte mi dice di essersi affezionata a me ed anche io mi sono molto legata (probabile transfert) questo può compromettere il rapporto terapeutico?
Lo Psicoterapeuta può affezionarsi,in termini di affetto e nient' altro al paziente rispettando le regole del codice deontologico?
Di tutti questi suoi atteggiamenti che ho esposto sono poco professionali? Possono compromettere il percorso terapeutico ?
Lei evidenzia che ho una scarsa fiducia nei suoi confronti,può essere anche causa di questi comportamenti?
Attendo risposte,grazie.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 15 APR 2015

Carissima,
premetto che il nostro è un mestiere tra i più difficili ed anche quando in terapia rutto va come deve andare si sollevano i dubbi dei nostri pazienti, in quanto emergono gli introietti che hanno causato il loro disagio. Entrano in gioco i fattori transferali e tutto sembra complicarsi. Quindi, da come ti leggo e ti sento, ti suggerisco di dire apertamente alle tua terapeuta quanto hai espresso a noi. Probabilmente avevi bisogno di una gomitatina ed io ho fatto questo. Resto comunque a disposizione per ulteriori comunicazioni.
Dott.ssa Carla Panno
psicologa-psicoterapeuta

Dott.ssa Carla Panno Psicologo a Milano

1057 Risposte

681 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

22 APR 2015

salve, deve sapere che esistono diversi approcci psicoterapici con riferimenti teorici differenti e a volte opposti; la relazione terapeutica va instaurata in funzione del tipo di psicoterapia applicata.
l'approccio che maggiormente tutela il paziente da coinvolgimenti con lo psicoterapeuta è la psicoanalisi (Freud per intenderci) che è cosa ben diversa rispetto alle altre forme di psicoterapia, spesso confuse con la psicoanalisi ma che non hanno nulla o poco in comune con essa.

Dott. Vincenzo Messineo, psicologo, psicoterapeuta, psicoanalista Psicologo a Sant'Agata Li Battiati

2 Risposte

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 APR 2015

Gentile Honey,
da quello che scrive l'atteggiamento della sua terapeuta la lascia un pò perlplessa. Non entro in merito rispetto ai comportamenti della collega ai quali lei Honey si riferisce in quanto ogni relazione terapeutica é unica e viene calibrata su ogni singolo paziente, valorizzando la specificità della persona, mantenendo sempre un atteggiamento etico ed empatico. Penso che l'unico criterio utile da considerare sia come lei si sente nella relazione con la terapeuta. E' fondamentale sperimentare un sentimento di fiducia e di affiliazione per concedersi nel comunicare, in modo autentico e sincero, i propri pensieri e sentimenti. Allo stesso modo, sarebbe molto interessante parlare direttamente con la sua terapeuta, dicendole apertamente, cosa pensa e quali sono i suoi dubbi. Credo che sarebbe una buona opportunità per conoscervi meglio.
Gentili saluti.
Dott.ssa Anna Gallucci

Dott.ssa Anna Gallucci, Psicologa - Psicoterapeuta Psicologo a Vicenza

126 Risposte

80 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 APR 2015

Cara Honey
a mio parere questi comportamenti della terapeuta in questione non sono esattamente "centrati" circa il lavoro che state facendo cioè denotano confusione.
Tuttavia tu dovresti parlare con lei e chiedere chiarimenti in merito.
La Psicoterapia è fatta dall'incontro tra due persone e il fatto di riuscire a comunicare in modo aperto è di fondamentale importanza soprattutto quando ci sono comportamenti che non risultano chiari e mettono, in qualche modo, in allarme.
Quando dico "comunicare in modo aperto" intendo soprattutto comunicare rispetto alla comunicazione stessa (Cioè metacomunicazione per usare un termine specifico).
Nel percorso che psicoterapeuta e paziente fanno insieme l'Alleanza Terapeutica nasce e si sviluppa sulla chiarezza e si rafforza o indebolisce se la chiarezza aumenta o si oscura.
Quindi cerca sempre chiarezza.
Un caro saluto
Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicoterapeuta in Ravenna

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

7322 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 APR 2015

Gent.ma Honey, ha posto una serie di ottime domande che danno di sé l'immagine di persona con una spiccata consapevolezza e fa anche trasparire un'ottima motivazione alla terapia, tutti ingredienti molto importanti per il cambiamento. Non ha esplicitato per quale problema lei è in terapia per cui resta difficile esprimere un parere sulla relazione terapeutica, ma sappia che la chiarezza è un altro degli ingredienti di un buon rapporto terapeutico finalizzato all'efficacia della terapia.
Ho l'impressione - un'impressione che deriva da ciò che ha scritto quindi può essere falsata - che insieme alla sua terapeuta non avete concordato la direzione di dove andare e cosa lei voglia ottenere dalla terapia. Se così fosse tenga presente che il percorso terapeutico si fa in due ma la parte più grande la fa il paziente e non può aspettarsi che sia il terapeuta a "guarirla".
Spero di esserle stato di aiuto.
Cordialità Lorenzo Colangelo

Dott. Lorenzo Colangelo Psicologo a Ancona

15 Risposte

9 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 APR 2015

salve,
quello che lei scrive e descrive non rappresenta a mio avviso alcuna violazione deontologico professionale.
Come lei stessa dimostra di sapere utilizzando tra parentesi il termine transfert, la relazione terapeutica è molto complessa ed articolata e il cuore del lavoro si svolge proprio sul piano relazionale e su come, all'interno della cornice del setting ed esclusivamente entro i confini che questa prevede e concede, si analizza ciò che "accade" in seduta tra paziente e terapeuta.

Consideri tutte queste sue riflessioni ed emozioni materiale prezioso su cui lavorare insieme alla sua terapeuta.
Buon lavoro

Anonimo-126894 Psicologo a Roma

272 Risposte

164 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 APR 2015

Gentile Honey, per quanto lo psicologo stia esercitando una professione, ciò non lo esclude dalla possibilità di provare emozioni, ed eventualmente anche affetto, nei confronti del paziente. Ciò che fa certamente la differenza è la capacità del terapeuta di essere consapevole di tali emozioni in modo da mantenere l'attenzione completa sul paziente e sul suo percorso di crescita. Affronti i suoi dubbi con la sua terapeuta al fine di comprendere quanto sta accadendo fuori, e conseguentemente dentro di lei.
Cordiali saluti,
Dott.ssa Bottosso

Dott.ssa Eleonora Bottosso Psicologo a Guastalla

27 Risposte

21 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 APR 2015

Gentile Honey, le consiglio di esplicitare i suoi dubbi, il suo vissuto al suo terapeuta. È normale affezionarsi al proprio terapeuta o al proprio paziente, ma questo non vuol dire non essere professionali!

Dott.ssa Giuseppina Gaudino Psicologo a Cesena

5 Risposte

6 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento professionale

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento professionale

Altre domande su Orientamento professionale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29600 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18600

psicologi

domande 29600

domande

Risposte 100800

Risposte