Dubbi sulla nostra relazione, è doc?

Inviata da Rosa il 8 mag 2018 2 Risposte  · Terapia di coppia

Salve, sono fidanzata da 11 anni con il mio ragazzo, un rapporto unico, abbiamo superato tutto insieme, momenti e scelte difficili, abbiamo gli stessi interessi, ci divertiamo e soprattutto insieme ci sentiamo forti. Un anno fa mio fratello cominciò a cercare casa e io proposi al mio ragazzo di andare con lui così senza impegno potevamo iniziare a guardarci intorno anche noi, l'ha fatto ma era un po' restio e triste..era plausibile perchè è figlio unico, ha lavorato per 2 anni in un altro paese e finalmente era riuscito ad avere il trasferimento e tornare a casa da appena un mese. Il problema si aggrava quando si presenta un' opportunità imperdibile a Settembre: è in vendita la casa dei nostri sogni e decidiamo di comprarla ma lui non sembra contento. Attribuisco la tristezza sempre al motivo già detto prima ma a Gennaio finalmente mi dice cos'ha realmente; mi dice che prova una sensazione di disagio, prima pensava anche lui che fosse solo la casa ma adesso sta capendo che forse non prova per me le stesse cose che provava prima. Inizia un calvario, fatto di pause di riflessioni, momenti felici alternati a momenti di disperazione, io gli sono sempre vicino anche se mi dice che a volte sente che la nostra relazione ha qualcosa di sbagliato, che ha paura del futuro con me, che non sa se mi ama ancora. Diventa contraddittorio, prima dice queste cose e poi dice che lui razionalmente sa che io sono la cosa più bella che gli sia capitata nella vita, che vorrebbe che tutto tornasse come prima, che cmq lui farebbe di tutto per me, che lui vuole tutte le cose che insieme abbiamo sempre progettato ma che ha questa sensazione che non lo molla e non lo fa vivere tranquillamente la nostra storia. Alla fine per la disperazione ci siamo lasciati, è stato straziante, ma lui il giorno dopo è tornato dicendo che voleva stare con me, che lui sa di amarmi anche se c'è questa brutta sensazione. Adesso stiamo insieme, gli ho chiesto di farsi aiutare da uno specialista ma lui lo considera un fallimento, è una persona che ha sempre risolto i suoi problemi da solo e non so come convincerlo senza diventare io "la cattiva". Informandomi su internet ho infine paura che si tratti di doc da relazione visto che lui anni fa mi ha confessato che aveva disturbi comulsivi (non diagnosticato) ma che con me erano completamente spariti perchè si sentiva protetto..ora però stanno tornando perchè sente che la situazione tra noi è instabile. I disturbi sono sempre portati dalla paura di farsi male, di ammalarsi ecc. Cosa ne pensate?Come posso aiutarlo?Come devo comportarmi?Grazie per l'aiuto.

disagio

Miglior risposta

Buon giorno Rosa,
nel caso del suo fidanzato mi sembra di capire che ci siano delle situazioni che non siano state superate . Lungo il corso della nostra vita la nostra mente non elabora sempre in maniera funzionale quello che ci accade e quest situazioni rimangono "attive" e continuano a guidare in maniera automatica i nostri comportamenti.
E' necessario risalire alle cause, agli eventi scatenanti che hanno innescato e continuano ad innescare situazioni di disagio.
Solo una persona estranea alla relazione può, con degli strumenti particolari (ad esempio l'EMDR in questo caso) aiutare il suo fidanzato a tornare alle situazioni di innesco e procedere ad una elaborazione dell'informazione. disfunzionale.
In questi anni lo studio sulla mente ha fatto progressi da gigante e non si può più pensare allo psicologo o allo psicoterapeuta come un interlocutore che ci convince a parole, oggi ci sono degli strumenti efficaci di terapia che permettono la simulazione delle onde del sonno, ad esempio, per aiutare la rielaborazione attraverso gli emisferi cerebrali.
Quello che lei può fare è procurare una corretta informazione scientifica sugli effetti, in questo caso dell'emdr ( sui siti emdr Italia) sui comportamenti compulsivi e sui traumi e rivolgersi con fiducia ad un professionista certificato.
Auguri

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Con una consulenza breve strategica, che ha una efficacia elevata sui doc. In che modo convincerlo? Forse col dubbio che lei non possa più restare con lui senza soffrire e che quindi per il suo bene agirà di conseguenza.

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

9 MAG 2018

Logo Monticone Alessandra Monticone Alessandra

171 Risposte

70 voti positivi

Domande simili:

Vedi tutte le domande
Doc,dubbi ossessivi sulla relazione

2 Risposte, Ultima risposta il 13 Gennaio 2015

Doc o non doc, dubbi e ossessioni

10 Risposte, Ultima risposta il 14 Luglio 2017

DOC da relazione o disinnamoramento?

5 Risposte, Ultima risposta il 05 Febbraio 2016

Confusione nella relazione: odi et amo, doc e depressione

2 Risposte, Ultima risposta il 15 Gennaio 2019

Dubbi su doc

2 Risposte, Ultima risposta il 05 Aprile 2018

doc da relazione? non so che fare

1 Risposta, Ultima risposta il 21 Gennaio 2019

Non so se sia DOC da relazione, ma mi sta uccidendo

2 Risposte, Ultima risposta il 20 Marzo 2018

Doc o semplice fine della relazione

9 Risposte, Ultima risposta il 06 Febbraio 2016

Ansia acuta, credo di avere doc da relazione.

2 Risposte, Ultima risposta il 13 Settembre 2018