Dubbi sul percorso universitario

Inviata da Sara · 14 lug 2018 Orientamento scolastico

Buonasera, volevo parlarvi del “problemino” che mi sta tormentando da qualche settimana. Ho appena finito le superiori, ho frequentato un liceo classico, questa scuola non mi ha dato nulla, ho solo trovato dei buoni amici, nulla di più; non rimpiango questa scelta, in fin dei conti a 13 anni non ero ben consapevole del mio futuro e non mi piace pensare troppo al passato. Durante quest’ultimo anno scolastico, ho scoperto per caso il mio interesse verso la chimica (disciplina che, nel mio liceo, non hanno mai insegnato come si deve), ho recuperato studiando da sola tutta la chimica che si fa alle superiori, studiando anche alcuni argomenti di biologia. Da febbraio ho iniziato a dire ai miei genitori di voler iscrivermi a questa facoltà, loro erano e sono tuttora fortemente contrari, mi scoraggiano e credono che debba prendere una materia in campo umanistico, dato che ho frequentato il liceo classico e che in matematica non sono mai andata bene. In realtà, durante il corso della mia vita, ho sempre creduto di essere più portata verso le materie umanistiche, non ho mai studiato matematica e gli insegnanti che ho avuto non avevano neanche un metodo pe far appassionare i ragazzi a questa materia (poi, purtroppo, nel mio liceo, le materie scientifiche non venivano neanche considerate). Ho passato tutto l’anno ad approfondire chimica, mi piace studiarla, interrogarmi su tutto ciò che leggo, ma la mia più grande paura è matematica. Nella facoltà di chimica, ci sono due esami di matematica, ciò mi preoccupa davvero moltissimo, infatti nonostante abbia finito gli esami di maturità da poco, ho ricominciato a studiare. Devo dire che studiare matematica da sola non è una passeggiata, anzi, ciò mi sta provocando molta ansia e paura. Paura di non farcela, paura di deludere i miei genitori che già fanno molti sforzi per mantenere all’universita mia sorella, a cui non si può dire nulla perché è molto studiosa ed è avanti con gli studi universitari. Ho paura di non essere come mia sorella, di non raggiungere buoni risultati, di non farcela e di arrivare a quello che è il mio più grande incubo: cambiare facoltà. Come vi dicevo, i miei credono che io debba fare una facoltà umanistica e che nella nostra famiglia, nessuno sia portato per le facoltà scientifiche. Ma io non ce la faccio proprio a studiare discipline come Giurisprudenza, una disciplina che non mi trasmette nulla. Lettere è una facoltà molto bella, ma io nella mia vita, non voglio fare l’insegnate. Mi immagino come chimico al CERN o come ricercatrice in qualche grande laboratorio universitario, già la parola “CHIMICA” mi mette i brividi, è bellissima. (So benissimo che per i chimici le aspettative in campo lavorativo non sono granché, spesso vengono sfruttati ma alla fine i sogno sono tutto ciò che mi resta). Quindi, in tutta questa confusione, volevo chiedervi qualche consiglio. Dovrei ascoltare i miei genitori? E se hanno ragione? Ogni giorno penso che tutti siano migliori di me, che tutti siano più intelligenti e a volte penso “sicuramente nella facoltà di chimica saranno tutti geni, io non posso competere con loro, meglio se lascio perdere”. Questo senso di inferiorità mi sta davvero portando ad un malessere generale che non mi sta facendo vivere l’estate in maniera tranquilla. Spero possiate aiutarmi.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 17 LUG 2018

Gentile Sara,
la scelta della facoltà universitaria è carica di dubbi sia sulla sua correttezza, sia sui possibili impieghi futuri.
Sicuramente il liceo classico, predispone a discipline di carattere umanistico, ma se lei sente che i suoi interessi ed attitudini sono orientati verso la chimica, forse dovrebbe seguire il suo istinto.
Provi a parlare con serenità ai suoi genitori, motivando le motivazioni alla base della sua scelta. Se lei dimostrerà tenacia ed impegno, riusciranno a capire e sostenere la sua decisione.
I miei migliori auguri
Dott.ssa Vanda Braga

Dott.ssa Braga Vanda Psicologo a Rezzato

1360 Risposte

1232 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 LUG 2018

Buongiorno Sara, comincia a dividere i pensieri sulla scelta della facoltà, dai giudizi su te stessa. Il tuo obiettivo non deve essere quello di essere una studentessa migliore di altre, tua sorella per prima, ma di fare un percorso di studi che risponda ai tuoi interessi, e all'idea di ciò che ti piacerebbe essere da grande. L'incertezza e l'indecisione fanno parte di tutte le scelte che dobbiamo affrontare nella vita, e sicuramente in ogni scelta lasciamo qualcosa, dobbiamo imparare a stare con il limite , ma questo limite non rappresenta la persona. Una consulenza mirata potrebbe essere un aiuto. Un saluto Roberta Bani

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Altre domande su Orientamento scolastico

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24700

domande

Risposte 88200

Risposte