Dubbi sul futuro e insoddisfazioni del presente

Inviata da Giulia · 11 mag 2015 Crisi esistenziale

Ho 20 anni e sono gran parte delle volte insoddisfatta e frustrata della mia vita. Forse lo sono sempre stata. Almeno non sono mai stata serena del tutto. Al tempo stesso godo di buona salute e ho una famiglia che mi vuole bene e spesso mi sento in colpa quando penso di essere "infelice".
"Hai tutto quello che hai bisogno, non ti manca niente, perché sei triste?" "Sei sempre giù per delle stupidaggini, c'è di peggio nel mondo!". Queste sono le parole che mi ronzano in testa dalle parole dei miei genitori che mi rivolgevano da bambina quando tutti i miei compagni di classe delle elementari mi isolavano e mi evitavano a scuola.
Forse per questo cerco a tutti i costi di essere accettata e vivo nella costante paura di essere rifiutata dagli altri (in primis dai miei genitori) o di essere esclusa (quando sono in un ambiente nuovo), anche se ora tendo a comportarmi anche in maniera quasi opposta.
Quest'estate ho perso una delle mie vecchie e poche amiche d'infanzia. E' morta di anoressia nervosa e ho scoperto dopo la sua morte che mi detestava perché era convinta che l'avessi abbandonata. Al momento della sua morte aveva chiuso i rapporti con me e non sapevo ancora il perché di tutto ciò. L'unica cosa che sapevo è che non era in sé e speravo che un giorno, una volta guarita o stata meglio, avremmo ripreso il nostro dialogo. Non sapevo come starle vicina, ogni mio aiuto sembrava che finisse nel vuoto, o peggio, avevo paura che potesse ferirla ulteriormente. La vedevo distaccata a scuola e mi respingeva, ma credevo che fosse dovuta alla malattia. A causa di ciò ho perso un'altra mia cara amica che mi ha voltata le spalle, perché convinta della stessa idea. Forse a causa di questo non riesco ad instaurare un rapporto di amicizia, almeno quelli intimi. Sì, esco con più persone rispetto a prima, ma sono solo rapporti superficiali, faccio fatica ad entrare in confidenza con loro. Non riesco a legarmi con le mie compagne dell'università. Sono io che tendo ad isolarmi.
Mi sento anche spaesata, per anni speravo che il futuro mi avrebbe riservato una vita migliore, ma non è mai stato così. Come avevo detto prima, alle elementari vivevo sempre da emarginata. La mia famiglia non mi capiva mai e mi lanciava sempre delle critiche. L'unica cosa in cui credevo di essere brava era nello studio. Ero bravissima a scuola e sia le maestre (e poi professori) che i miei genitori mi lodavano per questo. Lo facevo con piacere, con curiosità e soddisfazione, fino a quando sono entrata al liceo. Ogni anno grazie ai miei voti ricevevo una borsa di studio. Da allora lo studio, prima unica fonte in cui potevo affermarmi era diventato una specie di obbligo. Dovevo studiare perché così non avrò voti alti, e se non avrò voti alti non avrò la borsa, e se non avrò la borsa i miei genitori si arrabbieranno con me, non mi considereranno più degna della loro stima. Non avevo un hobby, non avevo amici, o meglio pochi, e non ho mai avuto un ragazzo (ho avuto qualche spasimante, ma nessuno di loro mi ha mai convinta del tutto e se mostrava qualche interesse ero la prima a dire "cosa ci trovi di tanto bello in me?" e ho sempre quel desiderio di sabotare tutti i miei possibili flirt e di scappare, tirarmi indietro, quando il rapporto si faceva "serio". Anzi visto i miei problemi, credo che non riuscirò nemmeno a trovare la persona giusta, anzi neanche un ragazzo con cui instaurare un rapporto amoroso. Anzi quando trovo un ragazzo che mi interessa penso sempre "Questo ragazzo è al di fuori delle tue possibilità, non ti considererà nemmeno." "Pretendi troppo." "Ti rifiuterà di sicuro. Ci sono molte altre ragazze più carine, intelligenti e simpatiche di te. Guarderà di sicuro loro." "Sei fin troppo brutta per lui, ti considererà ripugnante." "Avrà sicuramente una ragazza, lascia perdere." e distoglievo subito ogni interesse nei suoi confronti, trovando necessariamente anche un difetto che mi permettesse di respingerlo nella mia mente), quindi lo studio era l'unica cosa che ero in grado di fare bene. Sapevo di avere altri talenti e interessi, ma i miei genitori per timore che questi potessero influire sui miei risultati scolastici, mi hanno sempre impedito di coltivarli. Anche ora vivo con la frustrazione di non averli coltivati, di essere sempre stata accondiscende con i miei genitori, sacrificando la mia felicità personale per evitare altre tensioni i famiglia anziché combattere per quelle poche azioni, seppur minuscole, potevano contribuire alla mia serenità. Ho passato la mia adolescenza quasi sempre sui libri. Si, uscivo con quei pochi amici che avevo, ma sporadicamente e con molte restrizioni (anche ora ho paura di chiedere ai miei di uscire, anche se godo di molta più libertà di prima). Quando cerco di recuperare e coltivare i miei interessi trovo sempre difficili portarli avanti, alla prima difficoltà finisco sempre per mollare tutto. L'unica cosa che mi permetteva di sopportare tutto questo era il mio grande sogno: passare il test di ammissione a Medicina per poi laurearmi e svolgere la professione. Continuavo a ripetere a me stessa: "Tutti questi sacrifici non saranno vani" "Sopporta, il futuro andrà per il meglio". L'anno scorso provai il test. Avevo sacrificato molte cose, come ho detto prima, per questo, anche il mio ultimo anno di scuola (il test era in Aprile) e non sono passata. Mi è crollato il mondo. Mi sentivo spaesata, non sapevo più a cosa aggrapparmi. Mi sentivo intrappolata, volevo mollare tutto: la mia famiglia, la scuola, l'ambiente in cui vivevo. Ogni tanto lo penso anche adesso. I miei risultati scolastici andavano a rotoli, i miei compagni mi denigravano perché hanno sempre detto che non avrei mai passato il test di ammissione e che non sono mai stata intelligente, ma solo favorita dai professori, non parlavo quasi più con la mia compagna di classe che era diventata ormai anoressica. Non avevo voglia di fare più niente. Mi sentivo una fallita, incapace di fare più niente. Tutta la mia famiglia si aspettava che prendessi almeno 90/100 alla maturità. E ho preso 82. I miei non mi hanno detto niente visto quello che ho passato, ma vedevo chiaramente in loro la loro insoddisfazione. Spesso mio padre mi rinfaccia il mio voto che ho preso alla maturità quando mi lamento con loro che faccio fatica a concentrarmi quando studio per un esame universitario o quando si lamentano che ho perso la voglia di studiare e che non mi impegno più come prima. Forse per ripagare questa insoddisfazione ho fatto richiesta per una borsa di studio universitario. Mi hanno accettata, ma mi sono pentita di questa scelta. Ho commesso lo stesso errore del liceo. Alle superiori, la ricerca di avere a tutti i costi dei voti alti era uno delle mie maggiori fonti di stress, anche perché mi ero resa conto che c'erano cose altrettanto importanti oltre allo studio. Ora studio Farmacia, facoltà che mi lascia del tutto indifferente (né la detesto, ma nemmeno mi appassiona), tendo a distrarmi durante le lezioni, quando apro un libro di testo provo una sorta di repulsione e faccio fatica a concentrarmi. E' come se la mia mente fosse regredita rispetto al liceo. La mia mente era molto più ben disposta allo studio nonostante le difficoltà. Mi risultava più facile studiare una materia, anche quelle che mi piacevano meno. Da quando mi sono iscritta all'università non ho passato nemmeno un esame e ho mentito alla mia famiglia su questo. Dovrei passare almeno quattro esami per tenere i soldi della borsa di quest'anno. Ripeto a me stessa che posso farcela, scrivo sempre dei messaggi motivazionali e li attacco sempre nella mia stanza, sui miei quaderni, sul mio telefono, ma senza risultati. La mia mente è annebbiata.

Voglio vivere la mia vita più serenamente, voglio realizzarmi, essere più positiva sul mio futuro, prendere in mano il mio destino, avere più amici (e magari anche un ragazzo).

Chiedo scusa per la lunga lettera, sarei più che felice di ricevere almeno una risposta al riguardo.
Sto vivendo uno dei periodi più peggiori della mia esistenza. Non so cosa fare della mia vita (se non riesco a passare gli esami o trovare un motivo che mi permetta di restare a farmacia, se non dovessi entrare a medicina dubito fortemente di poter proseguire questo percorso) sono spaesata, mi sembra che tutto stia andando a rotoli. Non so cosa fare del mio futuro.
Non so come uscirne e nessuno sembra vederlo.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 13 MAG 2015

Cara Sara
questa tua lettera mi ha fatta sentire molto vicina a te alla tua solitudine vissuta con così lucida consapevolezza; fatti ed eventi che ti hanno chiusa in questo "circolo dello studio per soddisfare aspettative" dei genitori e di altri, per soddisfare te stessa e per la "borsa di studio" (peraltro molto utile oggi).
In questa tua lettera si riescono a comprendere le motivazioni di tutti, quelle dei tuoi genitori, dei tuoi amici e soprattutto le tue.
La visione che sei riuscita a dare è completa, equilibrata e indica che, nonostante il tuo sconforto, tu non ti sei chiusa in forme difensive di cinismo o quanto altro e vivi con sensibilità estrema perfino il tuo stesso malessere.
Per questi motivi ti dico che sei: una grande!!!
Sai capita spesso alle persone molto dotate come te di ritrovarsi chiuse in questi circoli, sono le aspettative degli altri a dare un grande contributo alla chiusura nel circolo vizioso del "fare sempre meglio" e però altre cose restano indietro, i tuoi hobbies ad esempio (e non ci dici nemmeno di cosa si tratta tanto li hai rimossi).
Carassima Sara, certo non conterà molto il dirti di ri-partire; ri-partire da qui, da questa tua insoddisfazione.
Ri-partire da una nuova leggerezza, da una scrollata di spalle, da una posizione di "incoscienza" del tutto nuova che sia come riaprire una fonte di gioia ora chiusa dentro di te.
Se, lasciandoti, un poco più andare, sbloccherai questa sorgente di vita e la farai zampillare, questa travolgerà tutto questo passato pesante, ti sentirai ripulita, quasi un pò vuota (gli orientali conoscono bene il potere del vuoto), e ci sarà una rinascita.
Di questo hai bisogno e questo puoi fare ora.
Lasciare andare tutto il passato e coltivare in te la sensazione del nuovo e di tutto quello che di bello e di buono ti aspetta nella vita.
Lasciati sorprendere!
Quei tuoi Hobbies lasciati in disparte...sicura non contengano la parte più vitale e le tue caratteristiche migliori?
Qualsiasi cosa siano, dissotterrali !
Saranno la " tua ascia di guerra" per andare avanti in una nuova vita.
Auguri
Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicoterapeuta in ravenna

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6941 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 LUG 2017

Cara Sara,
non deve essere stato facile vivere in questa situazione.
Le consiglio di richiedere il supporto di uno psicologo di tipo cognitivo comportamentale. Avrà il giusto sostegno e guida per poter ritrovare un equilibrio e iniziare a pensare a se stessa.
Un saluto
Dott.ssa Ilaria Albano
Psicologo a Roma

Dott.ssa Ilaria Albano Psicologa Psicologo a Milano

269 Risposte

319 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 MAG 2015

Carissima Sara,
dal suo racconto emerge una straordinaria forza che le ha permesso di aderire perfettamente alle aspettative degli altri per moltissimi anni. E' stata una bambina e una ragazza impegnata e diligente, come le chiedevano di essere.
Poi, l'emergere di stati d'animo e ambizioni importanti hanno complicato un po' le cose.
La trovo in mezzo a due spinte diametralmente opposte: da una parte continuare ad assecondare le aspettative dei suoi genitori, per sentirsi ancora appartenente e accolta nella sua famiglia. Dall'altra andare alla ricerca del proprio progetto di vita, assecondando i propri desideri per il futuro, una spinta emancipativa forse, che porta verso l'autonomia, strada che certamente fa più paura e che teme possa portarla ad essere un'esclusa, anche dalla sua famiglia. Potrebbero essere proprio queste due spinte che la tengono bloccata e immobile in questo particolare momento della sua vita.
Tuttavia, la mia è una lettura molto superficiale rispetto a quanto ho letto nella sua lettera, quindi darle un consiglio che possa cambiare la sua vita oggi sarebbe impossibile. Sarebbe molto interessante poter allargare il campo di osservazione, cercando di capire anche la vita della sua famiglia, le relazioni, gli eventi che l'hanno segnata. Posso quindi, in quest'ottica, consigliarle di rivolgersi ad un terapeuta sistemico relazionale, che la guiderà in un'analisi e verso una rilettura dei significati e delle relazioni che caratterizzano la sua vita familiare.
Un caro saluto
Dott.ssa Cristina Battista

Dott.ssa Cristina Battista Psicologo a Scanzorosciate

1 Risposta

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

12 MAG 2015

Sara,
della tua lunga lettere mi hanno colpito due cose soprattutto, la lunghezza, che, ne sono certo, ha fatto desistere tanti colleghi dal leggerla tutta, e la tua frase finale che dice che nessuno sembra vedere la soluzione. Due cose che, credi anche a questo, tagliano le gambe a tanti possibili aiuti ti possono arrivare.
La tua è una situazione dolorosa, c'è da crederci, ed è tanto più dolorosa quanto più pare che tu dopo tutto non creda, e in parte non voglia, che un cambiamento possa davvero avvenire. Attenta, non voglio responsabilizzarti per questa cosa, quello che voglio dire è che per così tanto tempo ti è stato insegnato ad erodere la tua autostima che ora sei semplicemente diventata brava in ciò che hai appreso. Il consiglio dei miei colleghi, quello di intraprendere una psicoterapia, ha ovviamente un senso importante e profondo. Non mi sento di darti indirizzi particolari, solo scegli un professionista con il quale creare una proficua e piacevole alleanza terapeutica perché se è vero che in terapia possono emergere dei vissuti dolorosi, è anche vero che è un percorso che per la maggior parte del tempo fa stare bene, meno tristi e, mi permetto di dire, anche più divertiti ... se non fosse così, beh, nessuno alla fine andrebbe dallo psicoogo e tutti ne avrebbero terrore (cosa che succede giusto a coloro che mai ci sono andati).
Immagino che se tu dovessi parlare con un terapeuta avresti tantissime cose da raccontare, ed è giusto che certi colloqui si svolgano nei luoghi più corretti. La tua storia è complessa ed è ostico dirti qualcosa che forse non sai già, dato che sei una persona molto consapevole. Se proprio dovessi darti una dritta mi orienterei verso il basilare, che di solito viene evitato perché troppo ovvio.
Torna all'essenziale, Sara. Fatti delle passeggiate e guarda le persone e mentre fai tutto questo respira con calma. Sentiti una persona che fa parte delle persone. Gira, sorridi a qualcuno, guarda i colori delle cose e i modi buffi e teneri con i quali interagiscono gli altri. Al tuo dolore hai dedicato anche troppa attenzione, ora è il momento di rivolgere gli occhi altrove.
Poi le cose accadono, un po per caso, un po' per noi.

cari saluti
Dott. Alessandro Pedrazzi

Alessandro Pedrazzi Psicologo a Milano

54 Risposte

48 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

12 MAG 2015

Gentile Sara, condivido pienamente la risposta del collega. Molte sono le questione che lei solleva nel suo scritto. Credo debba intraprendere al più presto una psicoanalisi, in modo da poter far emergere la sua soggettività e riappropriarsi del suo desiderio.
Se desidera chiedere altro sono qui.
Dott.ssa Russo

Dr.ssa Antonella Russo Psicologo a Roma

51 Risposte

32 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 MAG 2015

Buongiorno gentile Sara,
la sua sofferenza è reale in quanto lei la prova e non le serve darsi spiegazioni retoriche su come è cresciuta in quanto non può più negare a se stessa questa sofferenza. C'è molto più che una scarsa autostima, c'è una necesità di poter finalmente prendere in mano le redini della sua vita senza fatalismi (aspettare che qualcosa venga da fuori). Il suggerimento è quello di intraprendere un percorso di psicoterapia ad orientamento psicodinamico dove sarà ascoltata con sensibilità e aiutata ad elaborare le difficoltà relazionali che semberebbero di antica data, rislenti, cioè, alla sua infanzia. Nello stesso tempo, riuscirà a trovare la forza per affrontare il presente come fosse il portale che l'aprirà al suo futuro e non a quello di altri secondo aspettative compiacenti e dipendenti.
Se è di Roma, resto a sua disposizione per quanto sopra accennato.
Cordiali saluti
Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Roma

Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Roma

1714 Risposte

2821 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Crisi esistenziale

Vedere più psicologi specializzati in Crisi esistenziale

Altre domande su Crisi esistenziale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22900 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16550

psicologi

domande 22900

domande

Risposte 84200

Risposte