Dubbi sul futuro

Inviata da Alberto. 11 gen 2018 · 9 Risposte · Orientamento professionale

Buongiorno, sono molto combattuto in questa fase della mia vita perché non so che fare del mio futuro. Appena finite le superiori ho iniziato a lavorare nell'attività di mia madre, un ristorante. Dopo un paio di anni peró ho deciso di iscrivermi all'università, per il manifestarsi di un desiderio di indipendenza . Ora sono al 4° anno di medicina, ho 26 anni, e continuo quando posso a lavorare con mia madre. Il problema nasce dal fatto che sono ormai a un bivio: devo decidere se lasciare completamente il lavoro o lasciare l'università !
Qualche anno fa sarei stato sicuro della risposta, perché odiavo quel lavoro; oggi invece penso che mi dispiacerebbe vedere chiudere o vendere il locale per mancanza del cambio generazionale.
Non so davvero cosa fare: inoltre ho conosciuto una ragazza con la quale mi piacerebbe passare il resto della vita, lei naturalmente vorrebbe andare a convivere con me, ma se continuassi l'università probabilmente non avrei la forza economica di affrontare questo passo. Insomma ho paura di perdere la ragazza, di perdere l'attività di mia madre, ma d'altro canto mi piace molto quello studio. Non so dove sbattere testa...

Argomenti simili

9 Risposte

  • Miglior risposta

    Caro Alberto,
    al giorno d’oggi le pressioni, così come gli stimoli, sono vari e variegati al punto da poter generare una gran confusione, anche solo apparente. La tua scelta di abbandonare una strada già battuta e conosciuta, ovvero il lavoro nel ristorante di tua madre, per una ancora da tracciare e definire, ma totalmente nelle tue mani, è stata una scelta coraggiosa e, a quel che sostieni, anche azzeccata dato che ti piace molto ciò che studi. Attualmente, però, è come se tu cercassi di farti largo tra distinte sensazioni: senso di colpa, desiderio di indipendenza, paura di sbagliare… A tal proposito ti consiglierei di rivolgerti ad uno Psicologo della tua zona per un consulto, così da poter avere un aiuto esterno nel provare a capire quale sia la strada migliore da prendere ai fini del tuo reale benessere.

    Cordialmente,
    Dott. Colamonico Damiano

    Pubblicato il 14 Gennaio 2018

    Logo Dott. Damiano Colamonico

    334 Risposte

    572 Valutazioni positive

Spiega il tuo problema alla nostra comunità di psicologi!

Qual è la tua domanda? Psicologi esperti in materia risolveranno i tuoi dubbi.
Controlla se esistono domande simili a cui si è già risposto:
    • Scrivi correttamente: evita errori ortografici e non scrivere tutto in maiuscolo
    • Esprimiti in maniera chiara: usa un linguaggio diretto e con esempi concreti
    • Sii rispettoso: non utilizzare un linguaggio inadeguato e mantieni le buone maniere
    • Evita lo SPAM: non inserire dati di contatto (telefono, e-mail, etc.) né pubblicità

    Se desideri ricevere una consulenza clicca qui
    Come desideri inviare la tua domanda?
    Rimuovere
    Nome (sarà pubblicato)
    Indirizzo email dove desideri ricevere la risposta
    Perchè possano attenderti telefonicamente
    Per selezionare gli esperti della tua zona
    Per selezionare gli esperti gli esperti più adatti
    • 12950 Psicologi a tua disposizione
    • 14650 Domande inviate
    • 65350 Risposte date
    • Gentile Alberto,
      la preoccupazione per il futuro è comune a molte persone che si trovano di fronte a delle scelte, non si ha la certezza di ciò che succederà e per questo può spaventare. Per quanto riguarda l’ambito lavorativo, nella vita quotidiana il lavoro occupa uno spazio molto importante, amare od essere appassionati al proprio lavoro può determinare uno stato di benessere psicologico che poi influenzerà anche gli altri ambiti della propria vita. Per cui il mio consiglio è quello di soffermarsi a pensare a cosa amerebbe fare realmente: per la facoltà di medicina ormai è a buon punto e se alla base c’è una reale passione per la stessa può proseguire il suo percorso, se invece ritiene che mantenere l’attività di famiglia la renderebbe felice, scelga questo. Non escluda la possibilità di mantenere entrambe con modifiche di gestione od organizzazione. Provi anche con liste di vantaggi e svantaggi concreti ed emotivi per valutare la situazione migliore per sé.
      Se dovesse rendersi conto di non riuscire a prendere da solo una decisione così importante, può sempre valutare un percorso terapeutico che possa aiutarla sia nella scelta professionale che di vita.
      Restiamo a sua disposizione,
      Saluti
      Dott.ssa De Luca Alice e Dott.ssa Brambilla Veronica esperta Centro Synesis Psicologia

      Pubblicato il 29 Gennaio 2018

      Logo Synesis Psicologia® Arcore

      30 Risposte

      2 Valutazioni positive

    • Gentile Alberto,
      mi sembra che lei stia mettendo a confronto due possibilità di lavoro molto diverse tra di loro ed immagino che sia figlio unico perchè si sente coinvolto in prima persona nella responsabilità di dover portare avanti l'attività di sua madre.
      Partendo dal presupposto che le piace lo studio della medicina e l'idea di poter fare il medico e considerando gli sforzi fatti per superare il test di ingresso e per arrivare al quarto anno, direi che sarebbe un errore abbandonare per scegliere di lavorare nel ristorante.
      D'altra parte, se non ci sono altri familiari disponibili a collaborare, l'alternativa non deve essere necessariamente quella di chiudere o vendere il locale ma può essere anche quella di assumere del personale o dare l'esercizio in gestione mantenendone la proprietà.
      Quanto alla sua ragazza che già preme per andare a convivere con lei che ha appena 26 anni, penso che debba contare anche quello che desidera lei, Alberto, perchè per certe decisioni bisogna andarci cauti e la relazione di coppia dovrebbe essere paritaria senza pressioni o condizionamenti da una parte o dall'altra.
      A mio avviso è indispensabile che lei si prenda del tempo per riflettere bene prima di decidere e magari ne parli per tutto il tempo necessario con uno psicoterapeuta che potrà aiutarla a pensare in merito a questa e ad altre tematiche della sua vita.
      Cordiali saluti.
      Dr. Gennaro Fiore
      medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

      Pubblicato il 12 Gennaio 2018

      Logo Dott. Gennaro Fiore

      4944 Risposte

      13976 Valutazioni positive

    • Caro Alberto,
      al giorno d’oggi le pressioni, così come gli stimoli, sono vari e variegati al punto da poter generare una gran confusione, anche solo apparente. La tua scelta di abbandonare una strada già battuta e conosciuta, ovvero il lavoro nel ristorante di tua madre, per una ancora da tracciare e definire, ma totalmente nelle tue mani, è stata una scelta coraggiosa e, a quel che sostieni, anche azzeccata dato che ti piace molto ciò che studi. Attualmente, però, è come se tu cercassi di farti largo tra distinte sensazioni: senso di colpa, desiderio di indipendenza, paura di sbagliare… A tal proposito ti consiglierei di rivolgerti ad uno Psicologo della tua zona per un consulto, così da poter avere un aiuto esterno nel provare a capire quale sia la strada migliore da prendere ai fini del tuo reale benessere.

      Cordialmente,
      Dott. Colamonico Damiano

      Pubblicato il 11 Gennaio 2018

      Logo Dott. Damiano Colamonico

      334 Risposte

      572 Valutazioni positive

    • Gentile Alberto, capisco la sua situazione. Non risulta facile, infatti, prendere decisioni che (probabilmente) condizioneranno il proprio futuro e quello delle persone care. Affrontare i suoi dubbi con un valido psicologo potrebbe aiutarla a compiere la scelta più "giusta" per lei e a comunicarla alle persone coinvolte.
      Resto a disposizione.
      Cordiali saluti,
      Dr.ssa Isabella Brega

      Pubblicato il 12 Gennaio 2018

      Logo Dott.ssa Isabella Brega

      31 Risposte

      104 Valutazioni positive

    • Io credo che lei corra il rischio di perdere di vista se stesso per percorrere strade in cui in futuro potrebbe non riconoscersi.
      Credo che lei debba innanzitutto chiedersi quali sono i suoi sogni e poi parlare apertamente con la sua famiglia e la sua compagna, confrontandosi sui suoi reali desideri e cercando soluzioni insieme per non perdere tutto come lei teme.

      Pubblicato il 12 Gennaio 2018

      Logo Dott.ssa Lucia Ariano

      3 Risposte

    • Buon giorno Alberto,
      e se ci fosse una terza via?
      Probabilmente un sostegno psicologico, in questa fase critica, potrebbe aiutarla ad individuarla.
      Le faccio i miei migliori in bocca al lupo,
      cordiali saluti.
      Dott.ssa Patrizia Borrelli

      Pubblicato il 12 Gennaio 2018

      Logo Dott.ssa Patrizia Borrelli

      65 Risposte

      172 Valutazioni positive

    • Buongiorno Alberto,
      innanzitutto la ringrazio per aver condiviso la sua storia.
      Spesso nella vita, quando siamo di fronte ai cambiamenti, ci troviamo di fronte a dei veri e propri dilemmi personali: da che parte vado? Cosa lascio e cosa tengo? Che direzione sento più mia?
      In questi dilemmi è difficile capirci e, perché no, anche vedere strade alternative.
      Credo quindi che possa valutare l'idea di un percorso terapeutico che le permetta di comprendere questi bivi di fronte ai quali si trova e individuare modi diversi di vivere quelle che già immagina, o addirittura costruire nuove strade da percorrere.

      Le auguro una buona giornata
      Dott. Alessandro Busi - Padova

      Pubblicato il 12 Gennaio 2018

      Logo Dott. Alessandro Busi psicologo-psicoterapeuta

      27 Risposte

      16 Valutazioni positive

    • Buonasera Alberto. Ho la sensazione che lei si ponga in una situazione di "tutto bianco o tutto nero" da quello che scrive. Le consiglio di valutare le sfumature intermedie e di fare una valutazione con sé stesso in merito a ciò che desidera. Si prenda del tempo e valuti l'inizio di un percorso psicologico che potrebbe aiutarla a trovare la soluzione che cerca. Le faccio i miei auguri, Dott.ssa Cascone Veronica, Bologna.

      Pubblicato il 11 Gennaio 2018

      Logo Studio di psicologia Cascone Veronica

      34 Risposte

      6 Valutazioni positive

    Domande simili: Vedi tutte le domande