Dubbi su identità

Inviata da Ale · 23 nov 2020

Buonasera,
Ho 21 anni, sono un ragazzo "particolare".
Presento caratteristiche femminili come la voce e l'aspetto, fin da piccolo mi identifico in personaggi femminili. Da sempre, per non dilungarmi troppo ho sempre fatto scelte da ragazza, ritenute normali per me. Come tutt'ora. Oltre a ciò ho sempre avuto un rifiuto nel vedere le mie parti intime. Con vari complessi etc...
Adesso invece che sono più grande la cosa sembra ancora più amplificata. Un po' per l'esterno, ogni giorno succede di essere scambiato x ragazza, ma più per me. Non so come descrivermi è molto difficile. Ma è come se fossi una ragazza in corpo da "ragazzo". Tra virgolette perchè non é tipico da ragazzo. Ho delle forme tipicamente femminili, fianchi larghi, una prima ? Insomma ho dei pettorali che sembrano una prima di seno abbondante. Cosce "piene" , vita stretta. Su internet ho trovato varie informazioni riguardo ció tra cui: sindrome di klinefelter, androginia, ermafroditismo, disforia di genere.
Escludo l'ultima, perchè non sono una ragazzo "normale" che si sente donna, ma ho proprio alcune caratteristiche (se si può dire). Cosa potrebbe essere ? E se non fosse nulla di tutto ció ? Questa cosa mi preoccupa un po'. Secondo me qualcosa c'è. E lo spero...

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 24 NOV 2020

Ciao Ale. Poni aspetti importanti, non necessariamente coerenti tra loro: l'identità di genere (come ti senti: maschio, femmina, altro, ecc...), la conformazione delle variabili biologiche del corpo sessuato (che possono combinarsi in modi altri rispetto ai due considerati solitamente più frequenti), con le sue forme, e l'espressione e i ruoli di genere (le scelte che fai, come le persone ti vedono e ti "scambiano", ecc). Le sindromi che riferisci (tranne la disforia di genere) sono conosciute come variazioni non patologiche delle modalità con cui gli elementi biologici si combinano in modi altri rispetto a quelli più noti. Fino al 2% delle persone ne hanno una (conta che è la stessa percentuale di persone che nascono con i capelli rossi!).
Il consiglio è di rivolgerti a un endocrinologo che possa farti svolgere un test del carotipo, e visite di imaging interno. E' comprensibile che Tu voglia risposte e che abbia finalmente voglia di comprendere cosa accade. L'ideale sarebbe rivolgersi a un centro multidisciplinare che Ti prenda in carico sotto tutti i punti di vista, anche quello psicologico. In base ai risultati dei test potrai riorientarti verso questa o altre spiegazioni. In bocca al lupo! DP

Dott. Daniel Michael Portolani Psicologo a Brescia

998 Risposte

1022 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18600

psicologi

domande 29700

domande

Risposte 100950

Risposte