Dopo 3 anni dalla fine terapia sogno ancora lo psicoterapeuta

Inviata da Elettra · 3 mar 2020 Psicoterapia

Buongiorno gentili dottori, ho già chiesto consulti per mia mamma ma questa volta voglio parlare di me. Sono una donna di 42 anni con due figli maggiorenni. Per farla molto breve vengo da una famiglia totalmente anafettiva ( non si poteva ridere piangere abbraccirsi tanto meno baciarsi ) , sono stata all'età di 10 anni molestata da mio nonno materno a cui volevo molto bene. Il tutto è stato messo subito a tacere da mia madre la quale mi ha chiesto cosa era successo per poi non proferire mai più parola. Crescendo ho sempre cercato attenzioni da parte dell'altro sesso usando il mio corpo nella speranza di ricevere amore in cambio. All'età di 20 anni mi innamoro di un uomo di 40 single senza ex mogli ne figli. Lui è molto dolce e premuroso , rimango incinta e decidiamo di costruirci una famiglia. Poco dopo lui.però si ammala di due importanti patologie ed i ruoli si ribaltano. Sono io che devo sostenerlo e convincerlo a curarsi. Dopo 10 anni finalmente si convince ed arriva anche un trapianto che gli ridona la vita. Nel frattempo io sviluppo ( ma erano già latenti fin da piccola ) pensieri intrusivi. Ho paura di "contaminare " la gente. Ho paura di fare involontariamente del male a qualcuno. All'apice di questo disturbo ( che tengo tutto per me tant'è che nessuno intorno a me ne coglie qualcosa ) mi rivolgo ad uno psicoterapeuta. E qui inziamo i guai. Prima reazione forse scontata mi "innamoro " dello psi. Gliene parlo. Trovo dall'altra parte una grossa rigidità che mi fa pensare di aver provato qualcosa di " brutto ". Per tutta la durata della psicoterapia, 2 anni, mi sento ridicola ,sbagliata, inappropriata e invadente (per i sentimenti ) e mantengo una distanza sempre più ampia esattamente come vedo fare lui. Per 2 anni non verso una lacrima, faccio la brava paziente che non rompe le scatole non fa capricci e non fa richieste : praticamente tutto quello che mi è stato inculcato fin da piccola. Eppure un giorno mi " accusa "di fare richieste di coccole che lui non può soddisfare. Io rimango basita, non capisco da cosa lo percepisca ma so che è vero. Così le volte dopo sto attenta a quello che dico , non voglio che si senta infastidito. Per concludere arrivo ad dover interrompere le sedute per motivi economici ( per tirare avanti avevo chiesto anche un finanziamento ma più di così non riuscivo a fare ) e vengo serenamente accompagna alla porta. Io sorrido, ringrazio e me ne vado col mio.fardello e tanta amarezza. Ad oggi lo sogno ancora in diverse circostanze . Mi chiedo e vi chiedo se è forse perché il percorso non si è concluso ma interrotto con gli ultimi soldi del finanziamento. O se ci può essere una altra ipotesi. Grazie e cordiali saluti.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 3 MAR 2020

Gentile Elettra,
probabilmente entrambi i fattori che lei ha citato alla fine del suo post (interruzione forzata delle sedute e rifiuto ricevuto) possono spiegare il fatto che ancora sogna il terapeuta.
Lei comunque non dice se la sua sintomatologia ossessivo-compulsiva è scomparsa o persiste tuttora.
In questo secondo caso è evidente che sarebbe opportuno un secondo percorso terapeutico.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7411 Risposte

20814 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 MAR 2020

oihdai9shioasfoiasjsfioaejfipojaspifjaip

Dott.ssa Laura Tavano Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Chieri

3 Risposte

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 MAR 2020

safadasdadadada

Dott.ssa Laura Tavano Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Chieri

3 Risposte

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 MAR 2020

Cara Elettra,
Per L interpretazione dei sogni occorrerebbe capire nel dettaglio . Potrebbero rappresentare una situazione che lei ritiene inconclusa oppure una vecchia “dinamica “ relazionale che il suo inconscio ripropone sistematicamente.
Mi dispiace molto per il suo vissuto relativo alla terapia. Il mio consiglio è comunque quello di non arrendersi e trovare nuovo contesto . Non si fermi ! ! Forza

Dott.ssa Alice Perotti Psicologo a Piacenza

34 Risposte

19 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicoterapia

Vedere più psicologi specializzati in Psicoterapia

Altre domande su Psicoterapia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 28400 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18200

psicologi

domande 28400

domande

Risposte 97500

Risposte