DOC: quale terapia?

Inviata da Vincenzo Naso il 3 ott 2017 Psicologia risorse umane e lavoro

Buona sera,
credo di soffrire di doc e pensandoci oggi credo che alcuni comportamenti ossessivi siano iniziati da bambino, per poi avere un'esplosione qualche anno fa. Dopo un periodo bruttissimo, il problema è rientrato. Sono poi stato bene, a volte i pensieri tornavano, ma riuscivo a gestirli. All'incirca un mese fa, complice un periodo di forte stress combinato al venir meno dei miei meccanismi di difesa (praticavo lo yoga e la meditazione), le ossessioni sono tornate. Sono stato molto male e ho capito che era il caso di chiedere aiuto. Non sono mai stato da uno psicologo, e credevo giunta l'ora di farlo e cercando in rete ho visto che le terapie più consigliate sono la cognitivo comportamentale e la strategica ed ora il dubbio mi attanaglia: quale delle due è migliore? La mia determinazione è stata poi minata da un altro dubbio in questi giorni. Ho avuto due "illuminazioni" che hanno più o meno scardinato due ossessioni e mi sento meglio e questo mi ha fatto pensare che forse potrei fare a meno della terapia (che mi preoccupa molto per i costi), che magari riprendendo lo yoga e la meditazione potrei superare la cosa da solo. Tutto sembra tornare alla normalità, secondo voi è comunque il caso di iniziare la terapia?
Vi ringrazio molto per l'attenzione. Se poteste poi indicarmi qualche psicologo che si occupa di doc a Catania ve ne sarei molto grato.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Buonasera Vincenzo, in teoria sì, uno dei modelli terapeutici consigliati per il Doc è proprio quello Cognitivo-Comportamentale, soprattutto la variante Standard. Però bisogna tenere a mente alcune questioni. Ad es, lei si è fatto una auto-diagnosi o qualche medico (soprattutto specialista) l'ha aiutata in questo? Nel primo caso, come può immaginare, queste diagnosi personali non hanno molto valore (magari sarà anche giusta, ma deve essere fornita da uno specialista dopo una valutazione altrettanto specifica). Poi, in realtà, come abbiamo già detto più volte in altri post, non è un problema di capire quale sia la teoria migliore per il Doc, ma trovare il clinico "giusto" per lei. Questo, a mio parere, dovrebbe essere il suo primo parametro di ricerca: fare uno o più colloqui e vedere con quale terapeuta di sente più sicuro, ascoltato, protetto, in sintonia affettiva, etc. Per le spese eccessive, si può rivolgere alla sua ASL di competenza oppure, ultimamente, stanno aumentando dei centri privati che hanno tariffe calmierate a seconda dell'Isee della persona. Il fatto delle "illuminazioni che più o meno le hanno scardinato due ossessioni" vorrei non commentarlo, molto sinceramente. Credo che sia più un suo timore di esposizione e coinvolgimento emotivo piuttosto che altro. Lo Yoga le potrebbe essere utile, ma in una fase successiva all'aver compreso i significati emotivo-cognitivi della sua sintomatologia e della coerenza di funzionamento della stessa.
Buona fortuna,
dott. Massimo Bedetti
Psicologo/Psicoterapeuta
Costruttivista-Postrazionalista Roma

Dott. Massimo Bedetti Psicologo/Psicoterapeuta Psicologo a Roma

672 Risposte

961 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Vincenzo,
concordo pienamente con quanto riferito dai colleghi soprattutto in merito all'autodiagnosi. Sarebbe importante che la diagnosi venisse fatta sempre dal Professionista anche semplicemente perchè spesso uno stesso sintomo lo si trova in patologie differenti ed è solo un ascolto attento del racconto che la persona porta in seduta e la sua contestualizzazione che permette allo psicologo di inquadrare il problema e prospettare un'adeguata terapia.
Visto che il disagio da Lei riferito si presenta in determinati momenti della Sua vita, consultare uno psicologo La aiuterebbe quanto meno a comprendere quando e come si presenta il sintomo, in relazione a quali eventi di vita e a come questi La impattano dal punto di vista emotivo e perchè, arrivando ad una gestione ottimale dello stesso e alla remissione.
Un cordiale saluto,
Dott.ssa Giovanna Viscanti

Dott.ssa Giovanna Viscanti Psicologo a Catania

4 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentilissimo Vincenzo, concordo con quanto già risposto sul fatto che un disturbo psicologico non può essere auto-diagnosticato. La terapia è un possibile percorso, ma non l’unico, scelto sulla base di una completa valutazione psicologica individuale che solo lo psicologo è in grado di stabilire, attraverso strumenti specifici della propria professione.
Prima di pensare a una terapia o a quale tipo di terapia intraprendere, se fossi nei suoi panni, cercherei innanzitutto di capire meglio assieme al supporto di un professionista il quadro generale della sua situazione personale. Questo primo passo potrebbe aiutarla ad orientarsi meglio nelle scelte future da prendere in considerazione anche in funzione di una preoccupazione per i costi del tutto giustificata.
Le auguro di trovare la strada giusta per lei.
Dott. Riccardo Bulgarelli
Psicologo

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro Vincenzo,
mi sembra che la risposta alle sue domande sia nelle domande stesse, vale a dire che aver compreso di aver bisogno di aiuto e subito dopo metterlo in dubbio, o struggersi al pensiero della scelta tra un orientamento e l'altro sia già l'espressione piena del suo disagio. Non indugi ulteriormente nel tentativo malsano di voler controllare ogni cosa e si lasci aiutare. Il fatto che abbia avuto delle "illuminazioni" importanti vuol dire soltanto che lei ha, nel suo bagaglio interiore, le capacità e la sensibilità giusta per fare un ottimo lavoro su se stesso, non che debba continuare a farlo in solitudine. E si ricordi che la terapia può avere i suoi costi, ma anche una vita di sofferenze ne ha.
Un cordiale saluto,
Dott.ssa T.Cianchelli

Dott.ssa Tullia Cianchelli Psicologo a Terni

5 Risposte

6 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia risorse umane e lavoro

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia risorse umane e lavoro

Altre domande su Psicologia risorse umane e lavoro

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15300

psicologi

domande 19750

domande

Risposte 77300

Risposte