Doc omosessuale o omosessualità latente?

Inviata da Francesco il 10 mag 2018 Disturbo ossessivo compulsivo

Cari dottori, è la terza volta che vi scrivo e spero in una vostra risposta. Ho già spiegato il mio problema ma per essere più sintetico mi sono espresso male e la vostra risposta mi ha fatto sprofondare nella tristezza.Da premettere che sono abbastanza ansioso e ossessivo. Soffro di doc omosex o almeno credo, e alterno fasi in cui ho continui pensiero intrusivi e idee fisse e altri in cui mi sento completamente depresso, la cosa va avanti da circa sette mesi. Non so se questo è perché proprio in quel periodo mi sono laureato e ho iniziato un nuovo percorso con molte insicurezze e ho cambiato amicizie e ho vissuto una turbolenta storia con una ragazza. Fatto sta che la paura di essere gay ha accompagnato tutta la mia adoloscenza ma prima era in modi molto tranquilli ora è davvero peggiorata. Può essere dovuta al fatto di una omosessualità repressa oppure è tutta una costruzione mentale in cui sofuno rimasto ingabbiato? Non ho mai avuto una attrazione per un uomo o desifderato un contatto, mi capita solo di provare pseudo erezioni quando si tratta di parlare di omosessualità o alla vista di materiale omosex, usato per testarmi ovviamente ma su cui non ho mai nutrito particolare fantasia. Mi capita spesso di avere attacchi di agorafobia e di ansia quando parlo con qualcuno. Spero in una vostra risposta.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Francesco,
I suoi pensieri ossessivi, l’incertezza sulla sua sessualità o presunta omosessualità sono condizioni che mi sembra si porta dietro da tempo e che credo siano all’origine dei suoi stati depressivi/ansiosi che si stanno strutturando nel tempo e inficiano la qualità della sua vita.
mi sembra che ciocche descrive di se meriti un aiuto psicologico concreto, non esiti a chiederlo.
Un cordiale saluto
Elisabetta Ciaccia

Dott.ssa Elisabetta Ciaccia studio di psicologia Psicologo a Milano

217 Risposte

48 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Caro Francesco, posso comprendere il disagio che sta vivendo. Proprio per questo motivo, e considerando che è da sette mesi che non riesce a comprendere cosa le stia accadendo, è necessario che lei intraprenda quanto prima un percorso psicoterapeutico che possa aiutarla in tale direzione.
Se desidera mi contatti pure per un appuntamento.

Dott.ssa Alessandra Mallo Psicologo a Aprilia

19 Risposte

2 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Francesco,
Proprio per la portata della sua domanda e del suo dubbio, non può esistere uno psicologo professionista che si assuma la deliberata responsabilità di darle una risposta concreta senza prima averla incontrata personalmente.
L’identitá sessuale é un aspetto pregnante è significativo della personalità di un individuo.
A mio avviso lei Francesco ha il dovere di farsi carico della sua domanda e di andarci a fondo se vuole ritrovare un equilibrio e vivere la sua vita con spiona soddisfazione.
Se veramente lei desidera comprendere meglio cosa le sta accadendo occorre che si prenda il tempo e si dedichi uno spazio psicologico e terapeutico .
Il suo stato emotivo e psicologico non derivano dalle nostre risposte ma dal suo non dare priorità a questa rilevante questione.
Un caro saluto
Dott.ssa Nicolini Fabiana

Dott.ssa Fabiana Nicolini Psicologo a Bologna

124 Risposte

42 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Francesco.
La figura dello psicologo illuminato che detiene la verità è che dispensa dictat su come dovrebbero andare le relazioni e su come si dovrebbe funzionare, è un retaggio culturale, a mio avviso.
La conoscenza del proprio funzionamento è prima di tutto un processo, che può essere più ricco se condiviso con chi ha strumenti teorici, tecnici e scientifici per farlo. In conclusione, Le posso solo suggerire di trovare le risposte a queste domande all'interno di una relazione terapeutica. Cordialità.

Dott. Leonardo Distefano Psicologo a Parma

3 Risposte

2 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Disturbo ossessivo compulsivo

Vedere più psicologi specializzati in Disturbo ossessivo compulsivo

Altre domande su Disturbo ossessivo compulsivo

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15250

psicologi

domande 19650

domande

Risposte 77150

Risposte