Disturbo del sonno

Inviata da LELISSA · 1 mag 2020 Psicologia infantile

Buonasera vorrei avere informazioni e/o consigli per aiutare il mio bambino di 10 anni che non vuole andare a letto e si addormenta con molta difficoltà

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 5 MAG 2020

Salve signora, il sonno rappresenta per il bambino un modo per recuperare le energie e diventa accessibile se ci si sente compresi e accuditi, ma sopratutto sereni. Solitamente quando il bambino non dorme è perché subisce delle "interferenze emotive" intese anche come preoccupazione. Quando una mamma a volte è troppo apprensiva il bambino quando si allontana vive questo evento come traumatico e fa fatica a rilassarsi. Ad addormentarsi. Il sonno è uno spazio in cui si perde il contatto con la realtà è bisogna 'lasciarsi andare'. Mi verrebbe da chiedere, quanto lei si lascia andare? Le auguro una buona giornata.

Dott. Pierluigi Dattoli Psicologo a Pescara

17 Risposte

15 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 MAG 2020

Cara Lelissa , occorrerebbero maggiori informazione per poterla aiutare al meglio . Sul funzionamento di suo figlio, le dinamiche familiari serali , le relazioni . Generalmente a 10 anni è un etá in cui i bambini hanno accettato e creato un sufficiente equilibrio per quanto riguarda il sonno e L‘addormentamento. Può essere che suo figlio stia vivendo un particolare momento è ciò si riflette sul sonno . La vita familiari ? Voi genitori ? Dinamiche in Casa?
Generalmente il sonno viene alterato nei bambini in situazioni di difficoltà , è il loro modo di comunicarlo.

Rimango a disposizione per eventuale chiarimento .

Un abbraccio

Dott.ssa Alice Perotti Psicologo a Piacenza

34 Risposte

18 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 MAG 2020

Gent. Sig.ra, il sonno molto spesso e’ la cartina tornasole di altri aspetti emotivo-affettivi. Sarebbe sicuramente utile ricostruire le modalità specifiche dell’addormentamento e tanti altri fattori della anamnesi del bambino per potere dare un giudizio. Se vuole sono a disposizione per un consulto on line.
Distinti saluti.

Dott.ssa Maria Laura Battistini Psicologo a Parma

4 Risposte

1 voto positivo

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 MAG 2020

Dovrebbe capire se è un problema insorto successivamente alle restrizioni per il Covid-19 oppure esiste da prima. In ogni caso potrebbe essere utile consultare uno psicoterapeuta dell'età evolutiva.

Anonimo-178303 Psicologo a Ciampino

97 Risposte

34 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 MAG 2020

Gentile Lelissa,
certamente dietro questo comportamento del suo bambino relativamente alla difficoltà di addormentarsi ci sono delle cause specifiche che comportano ansia.
Tali cause dovrebbero essere esplorate, analizzate e neutralizzate tramite un percorso di psicoterapia di famiglia che suggerisco di intraprendere.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7180 Risposte

20401 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 MAG 2020

Buongiorno Lelissa,
il momento di andare a dormire rappresenta il passaggio dalla luce all'oscurità, per i bimbi lasciarsi andare può essere difficoltoso cosi come per gli adulti. E' una paura fisiologica legata altresì alla crescita evolutiva del bambino.
Sondi il terreno con il proprio figlio chiedendo cosa lo spaventa o cosa teme, probabilmente l'ansia tende ad alzarsi all'avvicinarsi della sera. Ascolti con attenzione, ma non insista se non ha voglia di parlarne. E' necessario aiutarlo a capire cos'e questa paura, insieme a suo figlio tenti di dare un nome a queste emozioni, sensazioni, pensieri che prova rimandando che è qualcosa del tutto normale. Lo faccia sentire sicuro, è importante per lui sapere che voi genitori siete al suo fianco per sostenerlo. Possono poi esserci degli eventi stressanti che possono creare disagio emotivo nel bimbo come ad esempio qualcosa che è accaduto nell'ambiente familiare (lutti, separazioni, nascite o altro), allora in tal caso occorre lavorare sul disagio emotivo specifico. Se la problematica non rientra e ha la sensazione di un disagio maggiore, le consiglio di rivolgersi ad una psicologa che saprà orientarla e sostenerla in questo momento.
Resto a disposizione,
cordialmente
dr.ssa Donatella Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2757 Risposte

2254 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia infantile

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia infantile

Altre domande su Psicologia infantile

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 25700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17450

psicologi

domande 25700

domande

Risposte 90500

Risposte