Disturbi alimentari in una psicoterapeuta

Inviata da riccardo · 1 ago 2016 Anoressia

Ho un quesito piuttosto delicato perchè l'interessata è una neolaureata psicologa, specializzanda psicoterapeuta. Presenta i classici sintomi dell'anoressia nervosa, perdita di peso (20% del suo peso abituale), eccesso di attività fisica, dieta ferrea ipersalutista, irritabilità. Per la specializzazione in corso è in terapia, lo psicologo che la segue può accorgersi del problema pur se non dichiarato? La famiglia è molto preoccupata come può intervenire? Non si può con lei neppure sfiorare l'argomento, il terapeuta potrebbe consigliare anche la famiglia? Grazie per i consigli che ci darete.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 3 AGO 2016

Gentile Riccardo,
lo psicologo che segue la persona in questione può accorgersi della perdita di peso, ma tenga presente che per giungere all'anoressia occorrono anche altri sintomi, ad esempio amenorrea. Inoltre, per rendersi conto del problema, bisogna considerare che se la ragazza prima della perdita di peso, era in sovrappeso, forse dopo un calo del 20% del peso di partenza non apparirà emaciata e questo potrebbe non allarmare chi la segue in terapia. Queste considerazioni sono finalizzate a far capire che dovrebbe essere sempre il paziente a esporre le problematiche esperite, perchè altrimenti potremmo trovarci di fronte ad una persona che non ha alcuna motivazione al percorso di cura; in questo caso anche consigli del terapeuta ai familiari (impossibili nella situazione in questione senza un esplicito consenso della paziente maggiorenne) potrebbero essere visti come attacchi e mancanze di comprensione.
A mio avviso l'unica strada resta quella del dialogo con la ragazza, forse esprimendole di nuovo le preoccupazioni e le osservazioni fatte prima o poi si aprirà un inizio di consapevolezza e di motivazione a farsi aiutare.
Cordialmente
Dott.ssa Annalisa Caretti

Studio Dott.ssa Annalisa Caretti Psicologo a Verbania

127 Risposte

111 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 AGO 2016

Gentile Riccardo,
la psicoterapia personale richiesta durante il quadriennio di specializzazione degli psicologi ha proprio lo scopo di far emergere ed elaborare tematiche e problemi irrisolti del futuro psicoterapeuta.
Pertanto è auspicabile e probabile che il tema della magrezza e del comportamento alimentare in questa ragazza sarà evidenziato e trattato.
In ogni caso è indispensabile sempre una buona motivazione per non commettere omissioni in psicoterapia anche quando il paziente è un/una giovane psicologo/a.
Se lei Riccardo è una persona affettivamente vicina a questa giovane collega può solo provare a sensibilizzarla dicendosi preoccupato, data l'eccessiva magrezza e la dieta ferrea, per la sua salute psico-fisica nonostante sia una neo-psicologa.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7345 Risposte

20689 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 AGO 2016

Purtroppo aspettarsi che chi studia psicoterapia non abbia nessun problema e' come pretendere che un medico che si sta specializzando in oculistica abbia 10/10.
Laurea in psicologia o non laurea, il problema va risolto come chiunque altro

Anonimo-157342 Psicologo a Montebelluna

554 Risposte

442 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 AGO 2016

Buongiorno Riccardo, trattandosi di una persona adulta (che sia anche dell'ambito psicologico, per me, non fa tutta questa differenza), l'eventuale sensibilità al disturbo alimentare dovrebbe essere affrontato all'interno della sua psicoterapia. Informazioni, decisioni, o altro, compiuto "alle spalle" della persona non portano mai benefici, anzi, sono da evitare, senza se e senza ma. Il collega che ha in terapia la futura collega psicoterapeuta, sicuramente, starà valutando la situazione ed anche il "come" e "quando" sarà meglio far emergere la situazione. Bisogna avere fiducia (anche se, posso intuire, che per familiari ed amici, potrebbe essere difficile, soprattutto se sentono un'urgenza) nel professionista, nel lavoro clinico e nel familiare che sta in questo percorso. Affinché il lavoro terapeutico sia il più efficace possibile, la motivazione a trattare di determinati argomenti deve sempre essere interna, più che suggerita (quando non costretta) dall'esterno, pur con le migliori intenzioni.
Buona fortuna
dott. Massimo Bedetti
Psicologo/Psicoterapeuta
Costruttivista-Postrazionalista Roma

Dott. Massimo Bedetti Psicologo/Psicoterapeuta Psicologo a Roma

729 Risposte

1105 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Anoressia

Vedere più psicologi specializzati in Anoressia

Altre domande su Anoressia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18000

psicologi

domande 27750

domande

Risposte 95650

Risposte