Disagio sociale

Inviata da Clarissa · 5 mag 2016 Autostima

Vi spiego il più brevemente possibile il mio problema: mi trovo a disagio con le altre persone.
Da un po' di anni, dall'inizio del liceo, mi trovo a disagio e provo molta ansia ad interagire con le persone che non conosco bene, come i miei compagni di classe o sconosciuti.
Da alcuni di mesi mi sono accorta di aver un problema serio e non una semplice timidezza: Balbetto o non riesco a parlare quando sono davanti a una o a più persone che non conosco bene, mi sudano le mani, divento rossa.
Queste caratteristiche si verificano quando compio una semplice azione, come leggere ad alta voce, affrontare una interrogazione orale o camminare sola per strada.
Ieri stavo per svenire durante la lezione di inglese, mentre leggevo.
Mi vergogno molto del mio problema, vorrei chiedere aiuto ai miei amici o famigliari ma non trovo il coraggio, vorrei andare da uno psicologo ma ne ho il terrore.
Come posso fare?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 5 MAG 2016

Cara Clarissa,
di sicuro sei molto giovane ma è chiaro che il corteo di sintomi che hai ben descritto è comunque molto invalidante per cui urge fare qualcosa!
Perchè gli psicologi ti fanno così paura? Ne hai conosciuto qualcuno che ti ha spaventata?
Penso di no e penso che la tua è semplicemente paura di una esperienza/situazione nuova aggiunta forse alla paura di essere giudicata.
Per la seconda cosa mi sento di rassicurarti perchè ti assicuro che nella mente di qualsiasi psicologo non c'è la volontà di giudicare e condannare una persona in difficoltà ma quella di aiutarla a superare i suoi disagi.
Quanto alla paura di una esperienza/situazione nuova, qui occorre un piccolo sforzo da parte tua che è indispensabile per poter iniziare un lavoro necessario a farti acquisire un buon livello di autostima e a farti superare l'ansia sociale.
Pertanto ti incoraggio a chiedere ai tuoi genitori di appoggiarti nella decisione di iniziare un percorso di psicoterapia preferibilmente cognitivo-comportamentale con annesso training di assertività e di abilità sociali.
Un caro saluto.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

7088 Risposte

20221 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

17 MAG 2016

Gentile Clarissa,
Il disagio che lei avverte è molto frequente tra i giovani, in particolare modo potrebbe essere inquadrato in una fobia che ha origini apprese e in terapia cognitivo comportamentale si chiama "apprendimento disfunzionale che ha avuto rinforzi positivi nel tempo", protraendosi perché ha avuto appunto dei vantaggi nel suo mantenimento. I sui vantaggi quali sono? Cosa ottiene non esponendosi al pubblico? Sicuramente un abbassamento dell'ansia, che più viene protratto e più si autoalimenta nel comportamento che lei attua. Bene, le dico che in psicoterapia esistono delle tecniche per far sì che lei possa fronteggiare questo problema ed ottenere ottimi risultati per il miglioramento della qualità della sua vita. Nel suo caso chiedere aiuto a un terapeuta è già una strategia per fronteggiare l'ansia che la caratterista e quindi un significativo passo avanti per la soluzione al problema, peraltro risolvibile in poco tempo. In fondo non ha niente da perdere e tutto da guadagnare a lungo termine.
In bocca al lupo.
Un caro saluto.
Dott.ssa Raffaella Di Rosa
Psicologa clinica e dell'età evolutiva, esperta in Psicodiagnosi e Psicoterapia cognitivo - comportamentale a Villaricca (Na).

Dott.ssa Di Rosa Raffaella Psicologo a Villaricca

97 Risposte

44 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 MAG 2016

Salve Clarissa,
se la tua scuola ne dispone uno, potresti rivolgerti ad uno sportello di ascolto, lì puoi trovare un professionista che ti accoglie e insieme potete comprendere come far fronte a questa tua difficoltà. La sensazione di svenimento che hai provato indica che il tuo stress sta raggiungendo livelli alti e il tuo fisico, o meglio il tuo cervello, sta chiedendo help. Capisco anche che non sai come affrontare l'argomento con i tuoi genitori ma sei stata bravissima a spiegarlo per iscritto a noi. Usa allora questa forma per chiedere un aiuto. Scrivi ai tuoi genitori, oppure scrivi al professore referente della classe, o quello che ti ispira più fiducia. Hai fatto il primo passo. Non ti scoraggiare.
L. Moschin

Dott.ssa Moschin Lisetta Psicologo a Samarate

12 Risposte

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 MAG 2016

Buongiorno Clarissa,
Dalle sue parole emerge la sensazione dolorosa di non riuscire a condividere l'esperienza con gli altri e il senso di inadeguatezza e di non appartenenza che genera in lei sofferenza e la porta a comportamenti che accentuano il suo malessere (evitamenti, sudorazione mani, balbettare).
Anche se so che per lei e'difficile iniziare una psicoterapia, io la consiglio in quanto può sperimentare la condivisione dei suoi vissuti e delle sue emozioni in un contesto non critico ne'giudicante...questo aumenterà la sua sicurezza personale!
Rimango a sua disposizione per ulteriori domande.
Dott.ssa Giulia Marzolo (psicologa, psicoterapeuta cognitivo comportamentale, Roma).

Dott.ssa Giulia Marzolo Psicologo a Roma

3 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 MAG 2016

Buongiorno Clarissa,
è comprensibile il suo disagio, che entra in conflitto probabilmente con la voglia di instaurare relazioni e interazioni sociali. Penso che il passo dello psicologo possa essere un primo modo per affrontare una situazione "nuova" con una "nuova" persona. C'è di positivo che questa situazione sarà comunque "protetta" e in qualche modo differente da quelle sociali, poiché siamo pronti ad accogliere, ricevere e comprendere tali sensazioni e manifestazioni ansiose. Ed esternarle sarà un modo per poter capire come agire e quali strategie intraprendere per superarle. Non lasci passare troppo tempo, l'ansia e la vergogna finiscono per causare circoli viziosi che ci intrappolano e ci tolgono il benessere e la serenità.
Se desidera maggiori informazioni, può contattarmi senza alcun impegno.
un caro saluto,
dott.ssa Chiara Francesconi
psicologa psicoterapeuta cognitiva

Anonimo-127163 Psicologo a Fano

319 Risposte

258 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 MAG 2016

Gentile Clarissa,
complimenti per aver saputo osservare le sue sensazioni ed emozioni, i pensieri e i contesti in cui si verificano i momenti di disagio sociale.

Puoi provare a farti una domanda nuova: quando, invece, il disagio sociale è un pò meno forte? In quali occasioni e con quali persone?

Questo è un primo passaggio utile a cui puoi far seguire un'altra riflessione.

Data la tua intenzione di chiedere aiuto, ma la mancanza di coraggio, cosa o chi ti aiuterebbe ad avere più coraggio?

Valuta la possibilità di un consulto con uno psicologo. Puoi, ad esempio, contattarne uno che ti è piaciuto osservandone profili online o pagine e siti; puoi farlo inizialmente per iscritto (mail, messaggio..) e poi potrete valutare insieme come procedere per aiutarti a costruire una soluzione al problema.

Nel caso ti facesse piacere condividere le tue riflessioni, resto a disposizione.

Un saluto
Dott.ssa Francesca Fontanella

Dott.ssa Francesca Fontanella Psicologo a Rovereto

1030 Risposte

2064 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Autostima

Vedere più psicologi specializzati in Autostima

Altre domande su Autostima

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24200 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17050

psicologi

domande 24200

domande

Risposte 86950

Risposte