Dipendo dal cibo

Inviata da Sara De Sabata · 13 dic 2016 Disturbi Alimentari

Penso di soffrire di qualche disturbo nei confronti del cibo.... sopratutto i dolci.
sono ansiosa e mangio, sono annoiata e mangio, faccio qualcosa di goloso e mangio, sono nervosa e mangio..... insomma non riesco a fermarmi, specialmente in questo periodo in cui sono particolarmente stressata e infelice.
sono stata da un nutrizionista ma ho fallito perchè non riesco a fermarmi

io non so veramente più cosa devo fare

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 20 DIC 2016

Buona sera Sara, bisognerebbe capire bene, in modo puntuale e preciso, cosa il cibo rappresenta per lei. Una consulenza psicologica può aiutarla a capire che cosa sta mettendo in campo attraverso il cibo. Importante è dar voce, dedicando del tempo, alle sue azioni. Buona continuazione, Dr.ssa Ines Rommy Cutrona

Dr. ssa Ines Romy Cutrona - Studio Psicologico La Salute Della Mente Psicologo a Mestrino

7 Risposte

11 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

20 DIC 2016

Ciao Sara,
il tuo è un sintomo di una difficoltà interna molto più profonda. Dovresti rivolgerti ad uno psicologo così da farti accompagnare nella ricerca del vero motivo del tuo malessere.
Cerca di sostituire il mangiare con qualcosa di più produttivo, qualcosa che ti piace, ad esempio la palestra, la musica, le tue passioni.
Resto a tua disposizione per ulteriori chiarimenti
Dottoressa Cassandra, Molfetta (Bari)

Miriam Cassandra Psicologo a Molfetta

22 Risposte

8 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 DIC 2016

Buon giorno Sara, questa Tua compulsione è senz'altro di origine psicogena. Il cibo significa molte cose. Occorrerebbero alcunio colloqui per comprendere a grandi linee i confini e le possibili causali psichiche inconsce che sostengono questo comportamento sintomatico. Quindi si potrebbe progettare un percorso psicoterapeutico che Ti liberi da questo problema, risolvendo le determinanti inconsce che lo causano.
Resto a Tua disposizione. Dr. Marco Tartari, Asti

Dott. Marco Tartari Psicologo a Roatto

749 Risposte

458 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 DIC 2016

Buonasera Sara,
il collegamento che lei ha identificato tra emozioni e comportamento alimentare è assolutamente corretto. La perdita di controllo rispetto al cibo è, infatti, spesso associata ad emozioni come noia, ansia, rabbia, frustrazione ma anche gioia. Si parla di disturbo (Disturbo da alimentazione incontrollata), se questo comportamento compare almeno due volte a settimana per almeno sei mesi, e presenta alcune caratteristiche che però, in questa sede, sarebbero lunghe da approfondire. Sicuramente convivere con questa difficoltà, a lungo andare, può diventare molto faticoso. Il mio consiglio è di rivolgersi ad un terapeuta esperto nel trattamento dei disturbi del comportamento alimentare, che la aiuti a comprendere la funzione che il cibo svolge in quei contesti, e la guidi nell'affrontare l'attivazione emotiva in modo più funzionale. In ogni caso, la consapevolezza che lei ha della situazione è un'ottima risorsa da cui partire per fare un buon lavoro.
Rimango a disposizione
Dott.ssa Barbara Gentile - Roma

Dott.ssa Barbara Gentile Psicologo a Roma

36 Risposte

92 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 DIC 2016

Gentile Sara,
Forse attraverso il cibo agisce un disagio facendosi del male. Sarebbe opportuno che si rivolgesse da uno psicologo per capire quali disagi si nascondono dietro questo ingoiare cibo. Buona giornata

Dottoressa Rosa Ranieri Psicologo a Bari

68 Risposte

27 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 DIC 2016

Buongiorno Sara, probabilmente alla base del suo rapporto squilibrato con il cibo vi sono dei fattori psicologici che andrebbero presi in considerazione. In particolare, da quello che riporta, mi sembra di capire che ha difficoltà a gestire in modo funzionale lo stress e le emozioni particolarmente intense come tristezza e ansia. Dovrebbe, quindi, apprendere, con l'aiuto di un esperto delle modalità alternative e più adeguate per gestire queste emozioni e quello che la porta ad essere stressata.

Dott.ssa Erica Tinelli Psicologo a Orte

234 Risposte

311 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Disturbi Alimentari

Vedere più psicologi specializzati in Disturbi Alimentari

Altre domande su Disturbi Alimentari

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27650 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18000

psicologi

domande 27650

domande

Risposte 95350

Risposte