Dipendenza da qualcuno

Inviata da Agnese Marani il 6 feb 2018 Dipendenza affettiva

Salve, sono una ragazza di 19 anni, sento di avere bisogno di aiuto, è normale a 19 anni avere problemi d’amore, ma sento che questo dolore mi blocca e non mi permette di vivere in modo spensierato come dovrei vista la mia giovane età, non so a chi chiedere aiuto perché non posso parlarne ne con amici ne con genitori, ho parlato con una psicologa qualche anno fa per problemi con mio padre che ora grazie alla sua lontananza ho risolto, in analogia con questo ho avuto dei disturbi alimentari, principalmente bulimia, che mi sembrava di aver risolto. Fatta questa premessa ora racconterò cosa mi fa stare male, tanto da avere attacchi di panico e non riuscire più a svolgere la mia vita in modo normale. Sono innamorata di un ragazzo, questi ragazzo è o era il mio migliore amico da 5 anni un vero e proprio punto di riferimento che è parte integrante della mia vita. Questa estate ho sentito dei sentimenti diversi dall’amicizia verso di lui, non so esattamente il motivo so solo che di punto in bianco è diventato una ossessione. Da quel momento in poi la mia felicità è andata nelle sue mani, se non sono con lui non sono felice se non so dove è sto male e ho paura di perderlo, oltre al pianto e il dolore, non riesco più a fare le cose, dallo studiare all’uscire con degli amici. Tra noi due c’è una amicizia veramente stretta, stiamo tutti e giorni insieme e spesso viene a dormire a casa mia. Questi ultimi mesi sono stati durissimi, lui ha frequentato un’altra per un mese e io ho sentito un dolore fortissimo che però mi ha fatto allontanare poi però la frequentazione è finita e le cose sono tornate come prima, fino a quando come spesso succede (2/3 volte a settimana) lui è venuto a dormire a casa mia, ci siamo baciati e abbiamo fatto l’amore, da un mese a questa parte facciamo spesso l’amore, ma oltre a questo facciamo tutto insieme, condividiamo tutto e è sempre lui a cercarmi, malgrado questo però lui continua ogni tanto a uscire con qualche ragazza,Io lo vengo a sapere e lui non ha problemi a dirmelo, perché non credo immagini quello che provo per lui, io so che lui tiene molto a me e spesso me lo ha fatto capire con molto gesti o anche semplicemente cercandomi tutti i giorni lui.
Non so come interpretare i suoi comportanti ma più di questo il problema è che io vivo male ormai, perché non riesco a parlargli dei miei sentimenti, un po’ per la paura della risposta un po’ perché è la persona di cui mi fido di più e in questo momento della mia vita non trovo nessuno con cui parlarne a cui interessi vernante e che mi voglia bene come me ne vuole lui, oggi giorno mi prometto di lasciarlo andare, ma è difficile perché devo vederlo tutti i giorni e perché so che non posso scomparire senza un motivo e ovviemente perche andare contro quello che dice il cuore è difficile. Ho smesso di amarmi, non credo in me, e sto spesso male, ho qualche attacco di panico, non riesco a concentrarmi nella scuola e questo mi crea anche problemi in famiglia e mi fa pensare di essere una persona inconcludente, ho paura di non uscire dalla scuola per questo motivo ma quando apro il libro penso a tutt’altro, vorrei ritrovarmi, non è la prima volta che mi appoggio alle persone per stare bene, so che è sbagliato ma la solitudine mi spaventa. Se dovessi dichiararmi probabilmente ci perderemmo e io rimarrei sola senza legami veri, non so come uscire da questa situazione, non so come fare a usare la testa e non più il cuore.
Io quando amo amo molto e con tutto il cuore spesso il mio amore è stato buttato, so che lui vuole il mio bene, non ho idea di come reagirebbe, spero sempre che capirà che prova le stesse cose, ma non capisco se è più amicizia o più amore, non voglio insistere con lui non voglio fargli pena, vorrei che si accorgesse di provare le stesse cose, perché so che qualcosa prova per me ma non so se sia più vicino all’amore o l’amicizia, so che prima o poi se le cose continueranno così tutto ciò peggiorerà, quando siamo insieme e abbiamo la possibilità di fare l’amore non riesco a dirgli di no, quando sono con lui sono al settimo cielo e quando se ne va ho sempre paura che quella sia l’ultima volta, ho paura che trovi una ragazza e che mi abbandoni, anche se so che questo mi permetterà di guarire da questo, vorrei non vederlo più quindi evito di cercarlo ma lui mi cerca tutti i giorni e vuole vedermi a tutti i costi, so che se mi volesse veramfe non si frequenterebbe con altre ma non capisco i suoi comportmanti, le sue frequentazioni sono sempre brevi mai troppo impegnative, è sempre stato circondato da molte ragazze e non ha mai avuto una relazione stabile, prima ovviamente questa cosa non mi ineteressava, anzi ne ridevo e ci scherzavo con lui, ora però le cose sono cambiate e non riesco e sentire più che lui è uscito con qualcuno.
Non è una “scopa-amicizia” quello lo so benissimo, non condividiamo solo il sesso ma tutto della nostra vita, davvero tutto, conosco tutto di lui e lui tutto di me, so che non si frequenta con me solo per il sesso, di questo ne sono certa, ma ormai non mi basta più, credo comunque che abbiamo dei caratteri che si sposano molto bene e ci capiamo al volo, questo lo dico perché è sempre stato così anche prima che io provassi determinati sentimenti per lui e prima di fare sesso per la prima volta
So di aver detto tante cose è stato terapeutico anche solo scrivere le mie verità, almeno ho espresso le mie emozioni, la prego di rispondermi il prima possibile, vorrei dei consigli, vorrei parlarne meglio e qualcosa che mi indirizzi da qualche parte perché mi sto perdendo, completamente.
La prego mi aiuti a trovare una soluzione, non posso pagare uno psicologo, ma ho davvero paura di non uscirne e di stare male ancora e tornare a avere disturbi alimentari. Ultimamente mangio poco e salto molti pasti per punirmi tendo a dare la colpa al mio fisico perché non sono abbastanza magra, il mio viso mi piace ma sono leggermente sovrappeso e questo mi fa stare molto male, visto che lui si frequenta con ragazze bellissime e magre da sempre, questa è un altra motivazione per cui credo che ci sia un grande filing mentale, tra di noi, ho paura che il motivo per cui non siamo insieme sia proprio questo e anche perché lui si vergogna di me, un altro motivo può essere che avendo tutti glia amici in comune per lui sia imbarazzante, come un minimo lo è anche per me. Voglio solo uscire da questa situazione, facendo la scelta giusta(per me).
Se volessi allontanarmi da lui, come posso fare, avendo solo amici in comune, come devo fare a non uscire se lui me lo chiede, dovrei dirgli la verità?, è quasi impossibile che io riesca a dire queste parole, davanti a lui, ma se fosse l’unica soluzione?, crede che se mi allontano lui capirà che prova qualcosa anche lui? Ma come si fa a allontanarsi dalla persona che si ama?, e se questo dolore non finisse? Questo stare in questo limbo mi sta lacerando dentro, non. Voglio nessun altro nella mia vita , vorrei prendere del tempo per me, ma appena mi scrive un messaggio non vedo l’ora di vederlo e cedo, a volte sono riuscita anche a dire di no ma poi il giorno dopo ho ceduto anche perché se lui esce con i miei amici io dovrei starmene chiusa in casa e questo non mi permette di distogliere la mia attenzione da lui , So che se arriverà alla fine di questi lunghissimi messaggi la avrò anche stancata,spero comunque che li leggerà e riuscirà a darmi qualche piccola dritta, o un sostegno di qualsiasi tipo, avere i tante cose da dire, aspetto tanto una sua risposta, grazie per l’ascolto.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Agnese,
se questo ragazzo (come tu dici) non immagina ciò che provi per lui nonostante ci fai spesso l'amore vuol dire che non ti stima oppure solo che ti sta usando.
In ogni caso non si comporta affatto bene con te se va anche con altre ragazze.
Quando certe cose sono evidenti non hanno bisogno di essere dette e comunque per fortuna ti stai accorgendo che stare a questo gioco pericoloso rischia di distruggerti.
Dici che la vostra non è una "scopa-amicizia" ma a me sembra invece che sia proprio questo, almeno da parte di lui.
Ritengo che hai bisogno di chiarezza che devi saper pretendere ma questo richiede anche autostima che non hai a sufficienza per cui ti necessita un aiuto psicologico. Se non puoi pagare una psicoterapia privata ti consiglio di avvalerti del servizio di psicoterapia della tua ASL che ti permetterà di ridurre di molto i costi.
Alle numerose domande che poni rispondo che innanzitutto dovresti dichiararti e dire a questo ragazzo quello che realmente provi per lui e come si sono trasformati nel tempo i tuoi sentimenti nei suoi confronti; ciò anche per salvaguardare la tua dignità.
In secondo luogo, se dopo di ciò lui non modificherà i suoi comportamenti, è senz'altro preferibile lasciarlo perdere e lavorare in terapia sul dolore di questa perdita, dolore che certamente finirà ma attraverso il quale potrai uscire da questa logorante situazione aprendoti a nuova vita e a nuove esperienze più gratificanti.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6467 Risposte

18117 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno, Agnese.
Comprendo il Suo malessere, la confusione e la paura... il modo in cui costruisce le varie alternative sembra avere a che fare con un sistema in cui tutto è bloccato. Sembra non concedere fiducia a sè e agli altri; forse per il timore di non valere abbastanza e/o di venir delusa.
Anni fa si è rivolta ad una psicologa in un periodo comunque difficile. Potrebbe essere utile rivolgersi nuovamente a quella terapeuta in modo da comprendere cosa sta vivendo e trovare insieme valide alternative per Lei percorribili e che Le consentano di uscire da questa situazione di stasi. Come credo in passato possa dire a Sua madre di essere ancora in un momento difficile e che per questo vorrebbe come allora l’aiuto di un supporto professionale. Così come allora forse la sua mamma potrebbe essere in grado di sostenerla nel chiedere aiuto ad un professionista. Se così non fosse, potrebbe comunque trovare il modo per contattarla e poi valutare insieme se è sostenibile riprendere un percorso insieme oppure farsi inviare da qualcun altro...
In bocca al lupo!
Coraggio ne ha, ha firmato quanto scritto; allora faccia il passo successivo. Chieda aiuto di persona.
Cari saluti

Dott.ssa Ilaria Gisondi Psicologo a Trezzano sul Naviglio

73 Risposte

14 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Dipendenza affettiva

Vedere più psicologi specializzati in Dipendenza affettiva

Altre domande su Dipendenza affettiva

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15300

psicologi

domande 19700

domande

Risposte 77250

Risposte