Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Dipendenza affettiva, aiuto!

Inviata da Silvia Cella il 12 giu 2015 Dipendenza affettiva

Ho 20 anni e sono fidanzata da circa 2 anni e mezzo. Mi trovo in una situazione di vera crisi. Lui è molto geloso e autoritario e nella coppia è lui ad avere parola su tutto, se mi va bene ok, altrimenti per lui io potrei benissimo andarmene senza che lui ne abbia qualche ripercussione. Ha costruito su di me un'ideale di ragazza che penso non esista più. Seria, timida, taciturna. Divieto completo di avere qualsiasi interazione con un ragazzo. Divieto di uscire, previa sua autorizzazione, chiesta con una formula ben precisa, "per favore, potrei, vorrei" e non "voglio, devo". E' come se non mi abbia scelta in quanto me stessa, ma abbia cucito su di me una sua fantasia. Ha completamente stravolto la mia vita, in male e anche in bene. E' il primo ragazzo che è stato romantico con me, cosa che io ho sempre sognato, ed è forse questo a farmi rimanere ancora a lui. Abbiamo per l'ennesima volta litigato e lui, come sempre, mi punisce con il silenzio, con l'indifferenza, perchè mi conosce bene e sa che sono molto debole ed emotiva. Non ho più amiche perchè per lui non erano adatta alla mia figura di ragazza seria, per cui ora mi ritrovo sola. Ed è anche questa motivazione che mi spinge a rimanere in un "porto sicuro" diciamo. Il pensiero di tornare da lui, per quanto spiacevole per quanto sopra detto, mi fa stare tranquilla e serena, il pensiero di perderlo mi fa impazzire. In questo periodo sto davvero male, lui non si fa sentire, mi ignora..e alle volte è molto cattivo. Io vorrei lasciarlo, ma per molteplici motivazioni che ogni volta mi costruisco nella mente per rimanere, non ne ho il coraggio. Vincono sempre. Come posso fare? Grazie mille.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Buongiorno gentile Sara,
l'esperienza che sta vivendo la sta mettendo in contatto con parti di sè conflittuali. Le suggerisco di valutare seriamente di intraprendere un percorso di psicoterapia di tipo psicodinamico per lavorare a fondo su se stessa, solo cosi potrà avere la forza di prendere in mano la sua vita invece di delegare qualcun'altro che le forgia una vita che con lei non ha più niente a che fare. Si faccia forza e chieda aiuto,
Cordiali saluti
Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Roma

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

La libertà è uno dei doni più importanti che insieme alla vita i nostri genitori ci hanno regalato. Lei preferisce barattare la sua libertà di pensiero e di comportamento per stare insieme ad un uomo che la tiranizza... Il suo ragazzo a quanto pare la ha "incapsulato", "ingabbiato", "imprigionato", le ha fatto terra bruciata intorno alle sue relazioni affettive e sociali, per controllarla meglio (cosi controlla la sua propria gelosia); il costo che cè da pagare è molto alto ed il suo futuro risulterebbe compromesso. Alcune personalità sono difficili da comprendere e molto manipolative; lei si dovrebbe dare una mossa consultando uno specialista (psicoterapeuta e psicologo) per aiutarla ad uscire dal fondo al "pozzo", se mi permette, si sta giocando la sua Felicità presente e futura , anche questa è un dono. A lei la scelta.

Dott. Francisco Sanchez Psicologo a Salerno

9 Risposte

4 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Abbiamo discusso ma la testa è quella che è, "se ti va bene è così, altrimenti ciao", per cui ho deciso il ciao. Grazie a tutti, mi avete aperto gli occhi.

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Sara
io non ci credo! ... Ma vogliamo scherzare?
Quindi esiste ancora nel 2015 una ragazza che accetta di trovarsi in una situazione sentimentale direi più o meno tipica dell'anno 1000?
Sei caduta "preda" di una personalità autoritaria e di un soggetto che potrebbe anche avere qualche serio di sturbo di personalità.
Certo non è possibile fare una diagnosi on line e per interposta persona ma la situazione che descrivi è davvero molto seria.
Dopo aver fatto questo enorme passo di averci scritto fai un'altra cosa importante: rivolgiti ad uno psicoterapeuta e fatti aiutare.
Fai molta attenzione con questo ragazzo perché i suoi slanci di romanticismo non possono certo compensare la sua volontà di annientamento nei tuoi confronti.
Non rovinarti la vita, apri gli occhi!
Dott.ssa Ceccucci Silvana Psicoterapeuta in Ravenna

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6715 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Sara, il titolo che hai dato al tuo post e' assolutamente preciso ed esplicativo. Occorre però comprendere che un rapporto come il vostro esula da una relazione sentimentale "sana", che si basa invece sul rispetto reciproco e sulla espressione delle libertà individuali. I tuoi spazi personali sono fondamentali e non devi rinunciarci per nessun motivo, in quanto significherebbe rinunciare a te stessa. Per vivere bene non si può vivere in una "gabbia", da cui occorre quindi uscire al più presto.
Cordiali saluti
Dott. Alessandro Bertocchi
Bologna

Dott. Alessandro Bertocchi Psicologo a Bentivoglio

93 Risposte

132 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Sara,
lei ha 20 anni e tutto il diritto di vivere una vita in serenità e libertà. Visto che la sua parte consapevole si rende conto che questo rapporto invece di farla crescere la soffoca e la distrugge lentamente isolandola dal mondo ed anche da se stessa, le consiglierei di rivolgersi ad un professionista in tempi brevi per elaborare questo aspetto del suo carattere.
Cordiali saluti
Anna Ambiveri

Dott.ssa Anna Ambiveri Psicologo a Torino

64 Risposte

60 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Sara, dove sta in tutta questa relazione la tua dimensione femminile e di reciprocità? Sai cos'è una relazione di coppia? E' una dimensione che è formata da due Io ben individuati che entrano in relazione tra oro dando vita a una dimensione superiore che è più della somma delle parti singole e che è trasformata da esse e a sua volta le trasforma e le migliora. Una relazione di coppia deve avere reciprocità rispetto, comprensione, dialogo, comunicazione, scambio: dov'è qui tutta questa roba? Io vedo solo un despota che ti dirige la vita e ti vuole schiacciare e tu che gli dai il potere di farlo perchè hai coltivato in te l'immagine di persona che da sola non può farcela, che ha bisogno di appoggio altrimenti cade. Ti dico questo: ognuno di noi è al mondo per reggersi su sè stesso, ha già in sè il seme interiore per costruire sè stesso come soggetto individuato. In tutta probabilità ci sono problematiche nella tua relazione con le figure di riferimento che andrebbero indagate in un percorso psicologico: solo tu puoi liberarti dai legami castranti, ma credo che in questo un percorso psicologico sia necessario finchè sei in tempo a uscire dalle grinfie di questa persona che vuole solo dominarti, non amarti: ricorda: l'amore dona libertà, non la toglie

Dott.ssa Chiara Pica - Studio SomaticaMente Psicologo a Grosseto

317 Risposte

305 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Sara,
il tuo ragazzo fa leva sulla tua sensibilità per stimolarti senso di colpa e sulla tua insicurezza per stimolarti la paura di restare sola.

L'ultima parte del tuo messaggio mi ha preoccupata, perchè ho sentito la tua disponibilità ad accettare qualsiasi compromesso e perdonare indiscriminatamente.

E' molto importante che tu ti impegni a recuperare fiducia in te stessa, rispetto di te e determinazione nelle tue scelte.
Rivolgiti ad uno psicologo della tua città, è un buon momento per farlo.

Per la gestione di quest'ultima discussione, se ti sarà possibile, comportati in modo diverso dal solito, affinchè lui possa notare che è in atto un cambiamento.

Un saluto
Dott.ssa Francesca Fontanella

Dott.ssa Francesca Fontanella Psicologo a Rovereto

1030 Risposte

2020 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Sara,

Leggendo il suo racconto mi sono domandata: "E lei? Lei dove sta?"

Lui mi è chiaro: vieta di uscire, lui ha cucito le proprie fantasie, lui la punisce con il silenzio e con l'indifferenza.

Nella maggior parte dei casi i rapporti si costruiscono in due, non sono mai unidirezionali. Questo dovrebbe far riflettere, non per generare sensi di colpa, quanto per iniziare a farsi domande, interrogarsi, capire cosa si voglia! Qual è l'immagine che ha lei di se stessa, Sara? Ho letto un debole ed emotiva tra le righe, ma cosa significa per lei? Qual è l'immagine che ha lei della coppia? Corrisponde a quella che ha in realtà?

Son tutte domande, mi spiace, perché so che si scrive qui sopra affinché gli psicologi diano una risposta, ma spesso sono proprio le domande da cui si parte!

Un abbraccio!

Dott.ssa Alessia Romanazzi

Dott.ssa Alessia Romanazzi Psicologo a Saronno

52 Risposte

99 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Dipendenza affettiva

Vedere più psicologi specializzati in Dipendenza affettiva

Altre domande su Dipendenza affettiva

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20000 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15450

psicologi

domande 20000

domande

Risposte 77800

Risposte