Difficoltà a mantenere un atteggiamento coerente con la figlia

Inviata da Angela65 · 17 dic 2019

Non so più cosa fare con mia figlia. Ha un carattere introverso e dalle scuole superiori in poi ha accentuato molto le sue difficoltà ad interagire con gli altri. Dalla terza superiore è stata seguita da una psicologa fino alla fine delle superiori ed inizio dell'università,senza peraltro avere dei risultati e finendo la scuola ancora sola ,senza amicizie. Ha cominciato l 'università in un altra città condividendo l'appartamento con altre 2 ragazze ma ha vissuto la cosa non in termini positivi.Era molto speranzosa di fare amicizie con aspettative alte ed invece non ha fatto nessuna amicizia e quando tornava a casa per il fine settimana il lunedì aveva grosse difficoltà a ripartire e spesso ripartiva di martedi. Ha cominciato il percorso da una seconda psicologa anche qui senza grossi miglioramenti. Nel primo anno universitario ha superato 4 esami ( solo scritti). A fine anno ha voluto cambiare università ed e tornata a casa iniziando una università privata perché diceva che non era la facoltà adatta per lei. .Nel secondo anno non ha però passato nessun esame dicendo di avere difficoltà a concentrarsi e non essere più sicura del percorso scelto. Ho cercato di spronarla e metterla di fronte ad una scelta o studio o lavoro essendo l università anche costosa .A parole si è detta convinta di voler andare avanti per cui le ho pagato l'iscrizione al nuovo anno. Qs anno ha frequentato poco le lezioni come d'altronde aveva fatto anche l anno precedente. Sta molto in camera sua e ad oggi non ha ancora iniziato a studiare .Usa molto il telefono pur non avendo amicizie con cui interagire. Se provo a spronarla si arrabbia. Ho provato a convincerla a trovare un lavoretto per pagarsi qualche spesa e uscire di casa ma trovo un muro. Se insisto si arrabbia e le viene l ansia . ,Non proprio attacchi di panico ma quasi . Ieri mi ha detto che non si sente adatta a lavorare perché deve parlare con le altre persone ma anche il percorso universitario la spaventa, dice che non si sente adatta (ha scelto psicologia) . Ha paura degli esami che in qs universita sono orali. A volte dice che la sua vita non ha senso ed e stufa di vivere. perché tanto non cambierà mai nulla. Dalla psicologa non va più perché dice che è inutile. Anch'io sono in un ansia terribile e non so come fare ad uscire da qs.situazione di stallo totale. Non so qual'e l'atteggiamento giusto che devo avere e mi sembra di sbagliare tutto. Il papà non è mai stato molto presente nella vita di mia figlia,.mi ero separata 12 anni fa ed è morto a giugno di qs.anno. Ha un fratello con cui non comunica e io ho un compagno da anni con cui mia figlia ha un rapporto faticoso. Se non è lui a rivolgerle la parola lo ignora . L'ultima psicologa mi diceva comunque che a mia figlia piace un po' crogiolarsi e trovare delle scuse per non fare le cose e dovevo responsabilizzarla di più perché è un po' viziata,anche se comunque andava monitorata la sua depressione. Io comunque faccio fatica, alterno dei momenti in cui sono un po' più severa ad altri in cui prevale il dispiacere e la preoccupazione per lei, per cui le regole date poi le accantono soprattutto quando dice che è stufa di vivere perché mi viene un' ansia terribile. Mia figlia si accorge delle mie contraddizioni e a volte me lo fa notare. Cosa devo fare per cercare di sbloccare la situazione?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 18 DIC 2019

Gentile Angela,
Ciò che mi colpisce della sua lettera è il lungo elenco descrittivo che lei ci propone dei "fatti" che riguardano la vita di sua figlia: dal carattere difficile ai vari percorsi interrotti (con le psicologhe, con gli studi, con le relazioni amicali e familiari), fino al lutto paterno, evento che appare quasi di scarsa rilevanza.
Faccio fatica, però, a percepire come si sente lei nella relazione con sua figlia, al di là dell' "ansia terribile" e dei comportamenti più o meno contraddittori che mette in atto per cercare di smuoverla dal suo "stallo".
È evidente che la ragazza ha delle profonde insicurezze che le impediscono di trovare la sua strada, le sue risorse e le sue potenzialità e non mi sentirei di parlare di una persona "viziata": vedo, invece, una ragazza sola, che ha solo la mamma come relazione significativa (il papà non c'è più, col fratello non ha rapporti, con il suo nuovo compagno nemmeno e non ha alcuna amicizia).
Credo che varrebbe la pena di comprendere meglio i suoi vissuti di mamma e di recuperare un rapporto faticoso e frustrante per entrambe.
Cerchi un aiuto per se stessa: sono certa che ne ricaverà dei vantaggi anche nella relazione con sua figlia. Faccio ad entrambe i miei migliori auguri

Dott.ssa Roberta Altieri Psicologo a Milano

146 Risposte

79 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 DIC 2019

Buonasera Angela, sua figlia ha da poco perso il padre, prematuramente suppongo, e forse questo evento è significativo insieme ad altri della vostra storia familiare. Può insistere che la ragazza si faccia aiutare, forse non ha trovato ancora la strada giusta, e cercare anche lei un sostegno per capire come aiutare sua figlia.

Dott.ssa Michela Roselli Psicologo a Aprilia

135 Risposte

50 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 DIC 2019

Gentile Angela,
anzitutto sincere condoglianze. Lei avrebbe bisogno di supporto, ed invece si trova a gestire una figlia molto difficile. Siete madri che vorrei aiutare. La mia impressione è simile a quella della Collega. Sua figlia si approfitta di lei, che è fragile e probabilmente dipendente dal rapporto con la medesima. Forse inconsciamente ha paura che sua figlia si allontani definitivamente, e quindi non riesce a stabilire delle regole chiare e coerenti. Sua figlia deve responsabilizzarsi: se non ha voglia di studiare deve cercarsi un lavoro, o avrà grossi problemi quando lei, signora, sarà più avanti con gli anni. Per questo le consiglio vivamente di entrare Lei in terapia, per farsi aiutare a creare un rapporto più costruttivo con sua figlia. Il trattamento dovrebbe essere preferibilmente di tipo cognitivo-comportamentale, lo stesso tipo (quindi con prescrizioni precisi da eseguire a casa) sarebbe utile per sua figlia. Resto a disposizione
Cordialmente
dr. Leopoldo Tacchini

Dott. Leopoldo Tacchini Psicologo a Firenze

1003 Risposte

408 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

18 DIC 2019

Salve, nonostante le difficoltà effettive ci vedo un po' di manipolazione nell'atteggiamento di sua figlia. Sa che può "approfittarsi" della situazione. Sarebbe il caso di iniziare a responsabilizzarla di fronte alle sue scelte e al rifiuto di portarle avanti. Dott.ssa Masserdotti Giulia

Dott.ssa Giulia Masserdotti Psicologo a Civitavecchia

169 Risposte

134 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27350 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17900

psicologi

domande 27350

domande

Risposte 94400

Risposte