Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Difficoltà

Inviata da Rachele il 6 dic 2017 Dipendenza affettiva

Salve a tutti. Sono una ragazza di 28 anni e mi piacerebbe conoscere la fonte del mio problema. Non riesco ad essere una persona indipendente. Finisco sempre con il dipendere dalla persona con cui sto, lasciarmi passare le peggior cose e soffrire pur di non stare sola. Oltretutto, consapevole di subire danno alla mia persona, continuo in ogni caso a dipenderne. Come posso uscire da questo loop? Grazie infinite.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Rachele,
Vivere in relazioni poco appaganti fa stare male e chiedere aiuto è il primo passo per poter modificare questa modalità relazionale. L'essere umano nasce nelle relazioni e ne ha bisogno, ma a volte la dipendenza non è sempre sana. È possibile che la dipendenza affettiva di cui parla abbia a che fare con l'autostima che ha origine da alcune modalità relazionali con cui è cresciuta... e chissà, magari, la tipologia di persona alla quale si accompagna è, più o meno, sempre la stessa. Queste sono solo ipotesi. Sono sicura che se si rivolgerà ad un professionista, potrà capire meglio la situazione e potrà trovare la sua serenità personale e relazionale.
Un caro saluto,
Dott.ssa Alessandra Malmesi (BG e MI)

Dott.ssa Alessandra Malmesi Psicologo a Bergamo

11 Risposte

22 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Rachele,
quello che scrive andrebbe senz’altro approfondito in sede di psicoterapia. Le consiglio pertanto di rivolgersi ad un professionista della sua zona che possa guidarla nel comprendere e intervenire efficacemente su cosa la porta a instaurare, come da lei detto, rapporti di dipendenza nelle relazioni affettive.
Cordialmente,
Dott.Colamonico Damiano

Dott. Damiano Colamonico Psicologo a Torino

643 Risposte

1116 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Rachele
Il primo passo lei lo ha già fatto e consta in primis nel rendersi conto di questa sua modalità che le sta generando un disagio relazionale ed affettivo ed in secondo luogo nel chiedere aiuto a chi per competenza e professionalità può aiutarla.
Le consiglierei di dedicarsi un tempo terapeutico per affrontare questa sua modalità al fine di comprenderne in primo luogo la radice cioè da cosa nasce e come può gestirla. Come tutti i percorsi terapeutici sarà faticoso ma certamente le consentirà di conoscersi meglio e di poter vivere con maggiore consapevolezza le sue scelte.
Un caro saluto
Dott.ssa Fabiana Nicolini

Dott.ssa Fabiana Nicolini Psicologo a Bologna

124 Risposte

43 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

cara Rachele. il fatto che tu abbia riconosciuto queste tue dinamiche è già un buon punto di partenza per un percorso di conoscenza e di crescita personale. ti consiglio una psicoterapia che ti aiuti ancora meglio a notare i cicli disfunzionali in cui ti senti di cadere ogni volta per poi attuare un piano di cambiamento comportamentale connotato da maggiore consapevolezza.
a disposizione per ulteriori consigli,
un saluto
virginia valentino

Dott.ssa Virginia Valentino Psicologo a Avellino

76 Risposte

23 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Rachele, a un certo punto della sua vita avrà imparato che essere indipendente, per lei nasconde una minaccia di qualche tipo.
Cosa accadrebbe se fosse indipendente?
Di solito la paura è quella di perdere l'altro ma ogni persona è a sè. Le suggerisco di pensare a un percorso di psicoterapia che la possa aiutare a mettere a fuoco cosa la spinge a mettersi in una posizione di dipendenza. Un caro saluto - Luisa Fossati - Psicologa psicoterapeuta

Dott.ssa Luisa Fossati Psicologo a Firenze

343 Risposte

400 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buonasera Rachele,
Ciò che racconta è una difficoltà importante, si percepisce molta sofferenza, quasi una disillusione come se nulla potesse essere differente.
Tuttavia lei ha consapevolezza della situazione, ciò rappresenta un punto di partenza per attuare un cambiamento.
Se fosse possibile, le consiglierei di richiedere una consultazione psicologica per salvaguardare se stessa e la propria vita.
Resto a disposizione per qualsiasi informazione
I miei migliori auguri
Dott.ssa Donatella Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2500 Risposte

2097 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Rachele,
può uscire dal suo problema intraprendendo un adeguato percorso di psicoterapia che le faccia recuperare quell'autostima che attualmente è inesistente.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6726 Risposte

18820 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Generalmente le cause di una dipendenza affettiva sono da ricercare nella poca autostima, nel pensiero costante di non potercela fare da soli e di aver quindi bisogno del sostegno di un altro. In fondo, quando si dipende affettivamente nel modo che lei descrive, è come se non si fosse mai entrati nell’età adulta, rimanendo legati ad un desiderio inconscio di un rapporto simile a quello che avevamo con i nostri genitori quando eravamo molto piccoli. Ognuno, però, ha la sua storia e per superare questa dipendenza è utile una psicoterapia nel corso della quale imparerà a stimarsi, volersi bene e, conseguentemente, ad essere autosufficiente.

Dott.ssa Maria Pichi Psicologo a Roma

13 Risposte

6 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Rachele,
Ha fatto bene a chiedere un parere a professionisti formati nel settore.
Sicuramente vivendo in questa condizione di dipendenza, le provoca molta sofferenza e umiliazione.
Occorrerebbe essere aiutata a capire la causa del suo comportamento.
Rifletti sulla possibilità di affidarsi a uno psicologo ed intraprendere un percorso psicologico.
Rimango a disposizione
Dottoressa Chiara Ragno

Dottoressa Chiara Ragno Psicologo a Firenze

14 Risposte

7 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve Rachele.
Da ciò che lei descrive di sé stessa, il suo problema è una forte dipendenza dalla persona di turno a cui lei è legata e da cui finisce di accettare ogni "angheria" pur di non perderla.
Probabilmente ciò dipende da una bassa autostima e scarsa fiducia in se stessa.
Se desidera iniziare ad avere delle relazioni affettive in cui lei sia più autonoma, le suggerisco Rachele di valutare un percorso di aiuto psicologico.
Un caro saluto.
Dottore Betti Giuseppe

Dott. Giuseppe Betti Psicologo a Bologna

85 Risposte

34 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Rachele niente é mai per caso il "segreto" di cosa limita te stessa e ti fa sentire così insoddisfatta e Mina la tua autostima sta in te. Tutto si trova con un metodo persona e professionalità adeguata, da lì si lavora per trasformare quello che no ti fa star bene in qualcosa che apre orizzonti diversi,non é magia ma di possono fare molte cose . Sono a disposizione per informazioni

Dott. Davide Milanese Psicologo a Tortona

196 Risposte

56 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Rachele,
Non è facile dare una risposta esaustiva con così poche informazioni, senza conoscere la sua infanzia, la relazione con i genitori per poi arrivare alle relazioni amorose o amicali.
Le consiglio un percorso psicologico.

Resto a disposizione
Dott.ssa Elisa Garofalo

Dott.ssa Elisa Garofalo Psicologo a Calcinaia

19 Risposte

16 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Vuoi "salvare" il tuo partner (isterica/istrionica)? Non riesci a fare niente se non chiedi aiuto e approvazione (dipendente)? Subisci umiliazioni e "devi" soffrire perché senti di meritarlo (depressa)? Provi continue oscillazioni tra intensa dipendenza e intensa rabbia (borderline)? Come dico sovente in questa rubrica, senza un'accurata esplorazione del vissuto infantile con i genitori non si può capire qual è lo stile organizzativo della psiche e soprattutto se si tratta di un funzionamento patologico. Un sorriso.

Dott. Luciano Malerba Psicologo a Torino

125 Risposte

40 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Dipendenza affettiva

Vedere più psicologi specializzati in Dipendenza affettiva

Altre domande su Dipendenza affettiva

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20250 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15900

psicologi

domande 20250

domande

Risposte 80000

Risposte