Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Diagnosi doc omosex dubbia

Inviata da Alfio il 23 ott 2018 Orientamento sessuale

Gentili dottori, cercherò di riassumere la mia storia in poche righe, anche se non sarà facile.
Ho 24 anni, e da circa 1,ho ricevuto diagnosi di Doc a tema omosessualità.
I miei problemi psichici iniziano circa 5 anni fa, in concomitanza con vicessitudini familiari di carattere economico, con attacchi di panico. Inizio a consultare svariati specialisti, in quanto si radica in me l'idea di avere una malattia cardiaca, passando giornate intere a cercare sintomi su internet, e con la fissa del battito cardiaco e della pressione (stavo continuamente sdraiato e con l'indice alle carotidi o al polso) e necessità di fare sbadigli per sentirmi appagato. Terminato questo periodo, interviene la paura di non riuscire più a deglutire, che perdura per altri 6 mesi, portandomi a perdere circa 7 kg (sono in evidente sovrappeso). Da un anno a questa parte mi sono autoconvinto, o forse ho preso coscienza di essere gay. Trascorro le mie giornate a leggere la qualunque su internet, il semplice notare un ragazzo attraente è per me indice della mia presunta omosessualità, e non capisco più quali siano le mie pulsioni. Sono attualmente impegnato in una relazione che ho fortemente voluto, nonostante i continui rifiuti dall'altra parte. Ed anche in situazioni intime, continuano a manifestarsi immagini intrusive, quasi come prova per accertare che quello che provo sia vero. Ad onor del vero, di questi dubbi ne ho avuti fin dall'infazia: a tre anni, riferisco di un episodio a mia madre destabilizzante, durante un gioco ero stato sottomesso da altri due ragazzi, che mimavano un atto sessuale. Io ebbi come la percezione di provare eccitazione. Durante tutta l'infanzia e l'adolescenza, ho assiduamente frequentato la parrocchia, e ricordo il timore di bestemmiare a voce alta, quando spesso nella mia mente, durante la liturgia, si avvicendavano immagini oscene e bestemmie. Ricordo di aver chiesto punizioni per questo. Durante l'adolescenza, e fino ai 18 anni, ho avuto esperienze, non complete, con altri due coetanei, immagini che mi tornano spesso in mente, e che ora mi creano ancor più confusione. Diversi innamoramenti nei confronti di ragazze, ma poco corrisposto a causa del mio aspetto fisico. La mia prima esperienza con l'altro sesso a 20 anni, tutto secondo norma,ma al momento non sono elementi che possano farmi cambiare idea. Con l'attuale compagna, va tutto bene, eccezion fatta per alcuni episodi di eiaculazione prolungata e talvolta ansia a stare con lei, e pensieri premonitori circa una mia eventuale incapacità di provare piacere. Ho inoltre spesso pensieri circa la sua morte (immaginare il funerale nei minimi particolari) che mi porta a disperarmi ed ho difficoltà a ritornare alla realtà. Ho abusato in passato di pornografia, che mi ha portato ad utilizzare anche materiale omosessuale e talora masturbazione in chat. Ho sempre temuto di essere ipodotato, e per alcuni aspetti, sono narcisista e mi piace essere al centro dell'attenzione. Ho fatto l'MMPI (altro elemento che ha accentuato le mie ossessioni) in quanto è emersa "una difficoltà a riconoscersi nello stereotipo sessuale di appartenenza" ed ovviamente, "possibilità di stati ossessivi". Per un periodo ho avuto altresì paura di provare eccitazione per i bambini, controllando movimenti strani in loro vicinanza. In situazioni di crisi, passo svariato tempo a pulire, sono molto meticoloso, facilmente mi distraggo, ed attualmente sono in fissa con i numeri doppi, pur avendo capito che i miei atteggiamenti (e talvolta anche rinunce) non possono determinare gli esiti di situazioni future (il mio psicologo parla di pensiero magico). Non capisco quindi più nulla, passo in rassegna immagini omosessuali e non per cercare di leggere, nel mio corpo, segni di eccitazione. Spesso mi alieno da tutto ciò che mi circonda, e vedo me stesso dall'esterno, cercando di trarre elementi circa la mia omosessualità. Nonostante le innumerevoli rassicurazioni, penso di sembrare effeminato. Ho il timore, e spesso me lo chiedo, se tutto ciò che vivo, emozioni comprese, sia reale o frutto di autosuggestione. Il risultato di questo rimurginio è l'apatia. Aggiungo che ho avuto, per circa tre anni, dipendenza da gioco (il trasgredire mi ha sempre affascinato) e sono fumatore incallito.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta


Gentile Alfio,
probabilmente l'ambiente e la predisposizione familiare hanno avuto un qualche ruolo nella comparsa precoce del suo DOC già in età infantile ma ritengo positivo il rifiuto della delega farmacologica.
Il fatto che, come dice, non si vede al fianco di un uomo avvalora la teoria che i dubbi sulla sua omosessualità sono da ricondurre al DOC.
Inoltre, a mio avviso, la fruizione di pornografia omosessuale, le esperienze a carattere sessuale adolescenziali e incomplete nonchè il risultato riferito del test MMPI relativamente all'item Mascolinità-Femminilità non sono sufficienti per la conclusione di omosessualità sia pure egodistonica.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6688 Risposte

18728 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Alfio,
da quanto racconta si evince che il suo è un disturbo ossessivo-compulsivo molto radicato che, oltre al tema della presunta omosessualità, riguarda diversi altri temi tra cui fobie, ipocondria e dipendenze.
Sembra che lei sia già in psicoterapia per cui il consiglio è quello di non interrompere precocemente il percorso che sta facendo dal momento che una psicoterapia dovrebbe, a mio avviso, durare almeno un anno e affidarsi al suo terapeuta.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6688 Risposte

18728 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Alfio,

alcune domande per capire meglio. Da quanto tempo è in psicoterapia con la sua attuale psicologa? Che tipo di tecniche utilizza la sua psicologa? Sta effettuando anche un trattamento farmacologico?

Mi risponda pure privatamente per qualsiasi chiarimento.

Cordialmente,

Dott.ssa Silvia Picazio

Dott.ssa Silvia Picazio Psicologo a Roma

343 Risposte

122 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento sessuale

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento sessuale

Altre domande su Orientamento sessuale

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19950 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15750

psicologi

domande 19950

domande

Risposte 79450

Risposte