Devo proteggermi da mia madre che mi crede psicopatica

Inviata da Ivy · 24 ago 2017 Terapia familiare

Cerco di farla breve per non portar via troppo tempo...
Ho 18 anni e per tutta la mia infanzia i miei non hanno fatto altro che mettermi in ridicolo e prendermi in giro anche davanti ai miei fratelli, mio papà in particolare davanti a mia sorella di 14 anni ed è per questo che ancora oggi lei mi insulta (anche pesantemente) ed io non posso ne ribattere ne fare altro se no mia madre le dà ragione.
Non ho mai potuto avere niente perché mio padre riteneva tutto uno spreco di soldi (mentre a mia sorella bastava chiedere anche se si trattava di cose superflue). Ed ora che sono divorziati mia madre regolarmente mi nasconde i pochi soldi che metto da parte per impedirmi di sprecarli (ovviamente mia sorella può permettergli di buttarli quando e quanti vuole) non posso fare nulla, nemmeno uscire con gli amici per questo motivo e se provo a farglielo notare o a discutetci dice appunto che sono una psicopatica e che devo andare a farmi curare. Poi a me piace particolarmente leggere e appena nascondo il giusto vado a comprarmi dei libri e anche su quello mia madre ha da ridire perché secondo lei quello mi rende ancora di più una disadattata (e sempre davanti a mia sorella che le da ragione) sono arrivata al punto da dover nascondere qualsiasi cosa mi piaccia per evitare di venire linciata in casa... Ma ho trovato "rifugio" su internet, almeno la posso condividere quello che mi piace e se necessario rispondere a tono... Be' non so come mia mamma è venuta a trovare una mia pagina facebook e a cena ha iniziato con le prese in giro, le ho chiesto più volte di smetterla ma niente e quando anche mia sorella voleva vedere e io continuavo a dire di no, mio fratello (10 anni) le ha preso il telefono per mostrarlo a mia sorella. Lì non ci ho più visto e gli ho mollato due ceffoni e naturalmente mia madre ci è andata sotto con gli insulti...
Ci sarebbe tanto altro da dire ma mi sembra possa bastare, se possibile vorrei un consiglio su come far finire questa storia che davvero dopo oggi mi manda sempre più in depressione

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 25 AGO 2017

Certo cara Ivy ,
i ceffoni, indicano che si è ormai perso il controllo e, occorrerebbe evitarli , ma credo che la prossima volta, suo fratello , ci penserà due volte ad impadronirsi del suo telefono per contribuire , secondo le "regole di casa" , a mortificarla e metterla in ridicolo. Non sto certo dicendo lei debba usare le maniere forti; laddove è possibile , è sempre meglio usare il dialogo, ma se il dialogo è reso così difficile forse , alzare la voce ogni tanto per farsi rispettare, non credo possa essere poi così drammatico e lesivo . Per quanto riguarda gli epiteti usati da sua madre per connotarla, cerchi di far capire a questa signora, che occorre conoscere il significato delle parole prima di usarle più o meno a vanvera. Infatti, supponenendo la mamma avesse utilizzato il termine "nevrastenica", lei avrebbe potuto ribattere che in un clima famigliare così negativo , non si può che reagire con risentimento e rabbia perciò alterando il proprio sistema nervoso , ma, usando al contrario l'aggettivo "psicopatica" è andata proprio a toccare il tasto sbagliato, poichè lo "psicopatico " è colui che non prova sentimenti empatici verso gli altri e che può compiere anche le più efferate azioni per un perverso piacere di umiliare , piegare o ferire il prossimo, senza provare il minimo senso di rimorso , colpa o vergogna, agendo perciò con estremo calcolo , freddezza e sadismo e non mi pare proprio questo il suo caso. Non so se lei studi o lavori , ma sarebbe necessario iniziasse a pensare ad affrancarsi gradualmente dalla famiglia. Se sua madre le dice che deve farsi curare ,perchè non accettare la sfida? Entri in terapia e trascini in seguito con sè , madre , sorella e fratellino . Non c'è psicoterapeuta che si sottrarrebbe ad un intervento di questo genere in un caso come il suo. Probabilmente questa sarebbe la strada migliore per spezzare il circolo vizioso che la vede "vittima sacrificale" di questo problematico gruppo famigliare.
Tanti auguri!
Cordialmente.
Dott.ssa Giuseppina Cantarelli .
Parma

Dott.ssa Giuseppina Cantarelli Psicologo a Parma

191 Risposte

653 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

25 AGO 2017

Gentile Ivy,
comprendo la sua sofferenza per questa continua mancanza di rispetto. Suo padre, ora che è esterno al nucleo familiare, potrebbe essere un possibile aiuto? Lei sta frequentando ancora la scuola o sta già lavorando? Viste le difficoltà economiche, le consiglio di rivolgersi ad un consultorio della sua zona, che le consenta uno spazio di ascolto accogliente e le permetta di individuare delle risorse per attivare cambiamenti necessari a migliorare la qualità della sua vita.
I miei migliori auguri
Dott.ssa Vanda Braga

Dott.ssa Braga Vanda Psicologo a Rezzato

1360 Risposte

1232 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

24 AGO 2017

Cara, quindi lei funge da capro espiatorio della famiglia?
Se è così, Trovi un lavoro, vada via da casa (anche una stanza con altre ragazze va bene) e si paghi una terapia per ricominciare a ricostruire la sua storia, trovare risposte e forza per iniziare la sua vita!.

Con affetto
In bocca al lupo!

D.ssa Silvia Michelini Psicologo a Roma

162 Risposte

142 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia familiare

Vedere più psicologi specializzati in Terapia familiare

Altre domande su Terapia familiare

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17300

psicologi

domande 24850

domande

Risposte 88500

Risposte