Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Devo lasciarlo? Non riesco a lasciarlo

Inviata da Giulia il 8 apr 2019 Terapia di coppia

Buongiorno,
Domani è un anno che stiamo insieme. Io 25 anni, lui Paolo 37.
Si è lasciato 4 anni fa ed è stato fidanzato 10 anni con una ragazza già madre; la sua figlia aveva un anno quando si misero insieme.
Entrambi orgogliosi e con una mente aperta.
So poco o nulla di lei. Ma la casa di lui è ancora piena di cose che riguardano lei, ma non le foto.
Lui nega che prova ancora qualcosa per lei. Ma ogni tanto la chiamava. Adesso non più, da poco lei si è rifatta la vita con un altro uomo.
Paolo ogni tanto è strano e nervoso con me, da la colpa al suo lavoro.
Io sono una persona fin troppo fragile e empatica, assorbo ogni stato d’animo. e ho i miei problemi in famiglia.
Gli leggo la sua tristezza negli occhi, ma dice che la colpa è mia, non lo faccio stare bene.
La mia paura è che mi riempa di bugie e cerca in me quella donna che è la sua ex. Non trovandomi uguale, ho paura che la continui a cercare altrove, in altre donne...
non mi fido, anche se continua a dire di amarmi, a volte vedo che mi ama, altre no...
cosa devo fare? Lo devo lasciare? Non riesco ad essere felice senza di lui, quelle poche volte che stiamo bene, che non ho pensieri, mi fa eliminare ogni cosa negativa della mia vita e sto bene, come da qualche anno a questa parte non lo sono più stata. Ma allo stesso tempo, non sono felice nemmeno quando sto con lui, vedo, sento, che mi dice bugie. Ma dice che sono paranoica e che mi devo levare dalla testa questi pensieri negativi. (“Di merda”).

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Giulia,
Sembra un relazione per lei molto faticosa, con momenti molto belli alternati ad altri di dubbio e difficoltà.
Mi sembra che entrambi abbiate delle vostre fragilità.
Lei dice che non riesce a fidarsi; non è possibile sapere quali siano i sentimenti del suo compagno. Mi colpisce il fatto che lei teme di non essere come l'ex compagna. Certamente non lo è, e probabilmente lui l'ha scelta anche per questo, ma mi sembra che in ciò si veda una forma di insicurezza, di cui potrebbe essere utile che lei si prenda cura.
D'altro lato, sembra, da quello che scrive, che il suo compagno tenda ad attribuirle la responsabilità del suo non star bene assieme, dicendo cose tipo 'non mi fai stare bene', o sminuendo le sue paure (se ho ben capito ha definito i suoi pensieri 'di merda'), il che certamente non la aiuta.
Il rischio è che si instauri un circolo vizioso: io temo di non darti quello che ti dava la tua ex, tu mi sminuisci, io ho ancora più dubbi ecc.
Inoltre avendo una figlia con questa ex, è più che probabile, se non auspicabile per la bambina, che si sentano con un minimo di frequenza.
È necessario che riusciate a confrontarvi senza giudicarvi e/o sminuirvi, per recuperare un rapporto più sereno. Per questo potrebbe essere utile una consulenza di coppia. Ora come ora tuttavia le consiglio di concentrarsi su questa insicurezza, capire da dove arriva e come aumentare la sua autostima, perché possa essere convinta di ciò che lei ha da offrire, con le sue caratteristiche, senza temere confronti con la ex compagna.
Carissimi auguri, e mi scriva liberamente per domande o chiarimenti.
Dottoressa Valentina Cozzutto

Dottoressa Valentina Cozzutto Psicologo a Monza

43 Risposte

34 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Giulia,
lei mi sembra una persona molto confusa. Di certo c'è che non è pienamente felice con questo ragazzo. I momenti buoni sono sempre più rarefatti, ma al contempo le viene difficile lasciarlo. Per cui occorre fare chiarezza sia a livello conscio che inconscio. Le consiglio di farsi aiutare da uno psicologo della sua zona o presente sul sito ma che usi Skype.
Mi faccia pure delle domande se ne ha bisogno!

Dott. Angelo Feggi - Psicoanalista Genova

Dott. Angelo Feggi Psicologo a Genova

473 Risposte

715 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Giulia,

descrive una relazione poco appagante e molto faticosa. Come se non si sentisse stimata, amata e sempre in competizione con la ex compagna.Ha mai provato a parlare con lui e comprendere il suo essere nervoso?e la tristezza che legge negli occhi?
Le consiglio di intraprendere un percorso psicologico, online o da un professionista della sua zona.
Resto a disposizione per eventuali chiarimenti, se vuole può scrivermi
Cordiali saluti
Dott.ssa Alice Noseda

Dott.ssa Alice Noseda Psicologo a Lecco

1555 Risposte

1143 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20300 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15900

psicologi

domande 20300

domande

Risposte 80000

Risposte