Depressione farmaci non mi fanno nulla

Inviata da michela · 14 gen 2013 Depressione

buon giorno mi chiamo paolo è da tantissimi hanni soffro di una forma di depressione grave mi curo con depakin 300 mg tavor e sereupin e ziprexa adesso non riesco propio piu ho dei momenti che vorrei uccidermi pensieri sempre fissi da quando mi è mancata la mamma la malattia è peggiorata, mi aiutate? grazie. paolo

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 16 GEN 2013

Gentile Paolo,
la perdita di un genitore è un evento molto significativo e doloroso per ogni persona. Probabilmente, questo ha inciso sulla sua depressione.
Ha contattato il professionista che le ha prescritto i farmaci? oltre ai farmaci sta seguendo anche una psicoterapia?
Consultarsi con loro probabilmente sarebbe la soluzione più idonea, in quanto potrebbero modificarle la terapia, sostituendole il farmaco. Di solito, in questi casi oltre alla cura farmacologica è consigliabile un percorso psicoterapeutico.

In bocca al lupo.

Psicologa - Psicoterapeuta e Grafologa Roma Psicologo a Roma

59 Risposte

85 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 GEN 2013

Caro Paolo, spero che il tuo stato d'animo in questi giorni sia migliorato!
I professionisti che hanno risposto, a mio avviso, ti hanno dato delle valide indicazioni e potresti cercare di
metterne in pratica qualcuna: ad esempio sono sicura che ti sentiresti meglio a parlarne con qualcuno di persona del tuo malessere, sai a volte i farmaci non sono sufficienti, un esperto potrebbe darti dei buoni consigli per sentirti più a tuo agio...per elaborare l'origine della tua sofferenza!

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 GEN 2013

Buongiorno gentile Paolo,
la perdita della sua mamma ha riacutizzato lo stato depressivo rendendolo ancora di più fragile e spaesato e dunque bisognoso di essere compreso e supportato psicologicamente. E' importante che lei si rivolga al suo psichiatra per rivedere la cura farmacologica. Vedrà che il medico riuscirà a modulare specificatamente per il suo caso la prescrizione corretta.
Cordialmente

Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Roma

1714 Risposte

2831 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 GEN 2013

Salve Paolo, ha parlato col suo psichiatra del peggioramento dei sintomi? Magari necessita di una ricalibrazione dei farmaci. Visto che la situazione è peggiorata dopo la morte di sua madre, credo sia opportuno per lei avere uno spazio dove potere elaborare questo forte dolore. Affianchi, se ancora non lo ha fatto, un percorso terapeutico; come giustamente le hanno detto i miei colleghi prima di me il farmaco tiene a bada il sintomo ma non lavora sulle cause. Si affidi a un professionista, magari consigliato dal suo psichiatra, la sua richiesta di aiuto verrà accolta sicuramente. I miei migliori auguri.
Dott.ssa Lorico Psicologa Psicoterapeuta Piacenza

Dott.ssa Concetta Lorico Esposto Psicologo a Piacenza

97 Risposte

89 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

16 GEN 2013

Caro Paolo, il grave lutto che di recente l'ha colpita va naturalmente a scardinare la protezione offerta dai farmaci, ma non confondiamo il dolore della perdita con il disturbo depressivo. E' anche vero che se dopo molto tempo i farmaci non sortiscono più l'effetto di prima è necessario apportare delle variazioni nella posologia o nella tipologia. Non abbatterti cara Paolo pur dovendo fare i conti con l'enorme dolore, la tua vita vale la guarigione. Ne hai parlato con il tuo medico? E ad una psicoterapia di sostegno hai pensato? Mi sembra che sia giunto il momento... Rimango disponibile per eventuali chiarimenti. Dott.ssa Sabina Orlandini, Torino

Dott.ssa Sabina Orlandini Psicologo a Torino

336 Risposte

197 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 GEN 2013

Se le hanno prescritto quei farmaci evidentemente è per aiutarla.
Vi associ un percorso psicoterapeutico.
Le cure, come gli allenamenti sportivi, sono faticose, ma restituiscono una buona forma.

Saluti
Dr. Cristian Sardelli

Cristian Sardelli Psicologo a Firenze

119 Risposte

168 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 GEN 2013

Gent.le Paolo,
dato che assume i farmaci che ha elencato, immagino sia seguito da uno psichiatra. Non le ha proposto un percorso di psicoterapia insieme alla terapia farmacologica? Se non è così o le è stato suggerito ma non l'ha iniziato, le consiglierei di cercare e scegliere uno psicoterapeuta vicino che la sostenga e la aiuti ad elaborare il suo disagio, che da quanto ho compreso, le porta parecchia sofferenza. I farmaci da soli, come ben dice lei stesso, aiutano certamente, soprattutto all'inizio, ma è necessario anche andare in profondità e comprendere quale sia la sua storia ed elaborare gli eventuali eventi che probabilmente hanno portato a questo "mal di vivere".
I miei migliori auguri .

Dott.ssa Elisa Fagotto Psicologo a Portogruaro

334 Risposte

187 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 GEN 2013

Salve Paolo...Non deve essere facile affrontare giorno dopo giorno la sua sofferenza...
Credo che sia assolutamente importante che Lei prosegua la sua terapia farmacologica, ma penso anche che potrebbe esserle sicuramente d'aiuto affiancare ad essa un percorso psicoterapeutico. Avere un suo "spazio" in cui portare il dolore e la "fatica" che, a volte, il vivere quotidiano porta è qualcosa di cui Lei non ha solo bisogno, ma anche diritto... Sono consapevole che ora può sembrarle un "compito arduo" pensare di intraprendere un percorso psicologico, ma anche se la strada per recuperare quel benessere emotivo e psicologico è difficile da percorrere, sono sicura che potrà camminarci sopra...
Buona camminata Paolo...
Cordialmente.
Dott.ssa Stefania Corda

Dott.ssa Stefania Corda Psicologo a Cagliari

53 Risposte

35 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 GEN 2013

Caro paolo, ha mai intrapreso un percorso di terapia individuale? spesso la sola terapia farmacologica può non funzionare, ma abinare ad essa una psicoterapia porta notevoli benefici. E' importante comprendere le origini del suo problema e le motivazioni che lo mantengono in vita così prepotentemente. Inoltre il lutto di un genitore è un'esperienza terribile e a livello psicologico può liberare sentimenti e vissuti di disperazione di difficile gestione ed elaborazione. Tutto questo non può affrontarlo certo da solo, è importante il sostengo della sua famiglia e che si affidi ad un professionista accreditato della sua zona.
un caro saluto
Dr.ssa Scipioni, roma

Anonimo-126894 Psicologo a Roma

272 Risposte

163 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 GEN 2013

Buongiorno Paolo, i farmaci attenuano i sintomi ma non rimuovono le cause; ha mai provato a fare una psicoterapia per capire i motivi e le cause della sua depressione? Di fatto fino ad ora chi l'ha seguita? Uno psichiatra? Ha parlato con lui delle sue perplessità sulla cura?
Io le consiglierei di associare alla cura farmacologica un percorso di psicoterapia, non necessariamente con la stessa persona, sarà cura dei professionisti mettersi in contatto e procedere in sinergia per aiutarla al meglio, in bocca al lupo!
Dott.ssa R.M. Scuto

Dott.ssa Rosa Michela Scuto Psicologo a Pontedera

76 Risposte

29 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 GEN 2013

Gentile Paolo, i farmaci da soli non bastano, infatti occorre affiancarli a terapia psicologica, per cui prenda appuntamento con il collega più vicino alla sua abitazione, auguri!

Dott.ssa Angela Virone Psicologo a Agrigento

315 Risposte

217 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 GEN 2013

Gentile Paolo, immagino che abbia parlato della possibile inefficacia della terapia con lo psichiatra che le ha prescritto i farmaci. Che cosa le ha detto? In aggiunta, l'aiuto che mi sento di poterle offrire è consigliarle di iniziare una psicoterapia quanto prima, se non l’avesse ancora fatto. Non sempre i soli farmaci sono sufficienti alla cura di forme più gravi di disagio mentale. È comprensibile, inoltre, che un lutto doloroso come quello che si trova costretto ad affrontare appesantisca ancora di più la sua situazione. Cerchi di cominciare un percorso che le faccia comprendere realmente quali siano le sue difficoltà, per gestirle in modo diverso e magari più proficuo. Tanti auguri.

Dott.ssa Michela Vespa Psicologo a Roma

74 Risposte

295 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

15 GEN 2013

Gentile Paolo,
sicuramente eventi traumatici come un lutto rendono la sofferenza più acuta, tanto più in una situazione difficile come la sua; la terapia farmacologica spesso, se non affiancata ad un percorso psicoterapeutico, può non essere sufficiente. Le consiglio di rivolgersi ad uno psicoterapeuta della sua zona, nel servizio pubblico o in ambito privato, che possa ascoltarla e supportarla, aiutandola a gestire al meglio e a superare la malattia di cui soffre. Un cordiale saluto, dott.ssa Lucia Mantovani, Milano

Studio di Psicologia Dott.ssa Lucia Mantovani Psicologo a Milano

995 Risposte

471 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Depressione

Vedere più psicologi specializzati in Depressione

Altre domande su Depressione

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24150 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17050

psicologi

domande 24150

domande

Risposte 86900

Risposte