Depressione, farmaci e separazione

Inviata da Paolo · 10 lug 2015 Depressione

Con mia moglie abbiamo avuto un figlio quando lei aveva 20 anni. Dopo un po' di anni ha iniziato a soffrire di anoressia (che ha superato anche se è rimasta sempre molto magra), mentre negli ultimi 5/6 anni ha iniziato a soffrire di una sindrome depressiva crescente. Naturalmente ne ha risentito la vita di coppia con tutte le pretese tipiche della persona depressa. Però da quando ha iniziato a prendere i farmaci per aumentare la serotonina è diventata sempre più risoluta e si è convinta che dobbiamo separarci. Non le importa più niente del passato e tira dritta per seguire la sua scelta.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 10 LUG 2015

Caro Paolo,
è evidente che sua moglie, nel tempo, ha vissuto importanti disagi emotivi.
Questo potrebbe averla portata a attribuire le cause alla vostra relazione e ora che i farmaci la proteggono dai cali d'umore, si sente forte di poter scegliere ciò che pensa meglio per sè.

Per evitare errori e pesanti ricadute sul tono dell'umore di sua moglie e per offrire anche a lei, Paolo, un supporto, potrebbe chiedere a sua moglie di accompagnarla da uno psicologo che lavori con la vostra coppia.

Può proporre di andarci per fare chiarezza e fare in modo che entrambi possiate essere sereni, sia che la coppia regga questo momento, sia che scegliate di non restare insieme.

Un saluto
Dott.ssa Francesca Fontanella

Dott.ssa Francesca Fontanella Psicologo a Rovereto

1030 Risposte

2060 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

11 LUG 2015

Andrebbero analizzati vari aspetti del vostro matrimonio e della vostra vita insieme, come pure le aspirazioni di sua moglie, se ve ne sono, che non siano confinate strettamente alla famiglia, ma riguardino ad es. la realizzazione lavorativa.
La cosa migliore sarebbe probabilmente una terapia di coppia, ma in mancanza di disponibilità del partner può recarsi lei da uno psicologo che dovrebbe comunque saperla aiutare.
Le segnalo un articolo sul matrimonio che può trovare sul mio sito, che può darle spunti di riflessione.
cordiali saluti

Valentina Sciubba Psicologo a Roma

1054 Risposte

718 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Depressione

Vedere più psicologi specializzati in Depressione

Altre domande su Depressione

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22900 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16550

psicologi

domande 22900

domande

Risposte 84200

Risposte