Depressione e felicità

Inviata da Silvia il 14 dic 2018 Depressione

Gentili dottori sono una ragazza di 26 anni in cura da due anni da uno psicologo. Premetto di avere avuto un passato abbastanza travagliato: mio padre e' sempre stata una persona che alternava momenti di equilibrio e serenità emotiva( piuttosto ridotti) a episodi ( sicuramente molto piu' frequenti) di aggressivita' pronunciata verbale e comportamentale sia nei miei confronti ( sono figlia unica) sia nei confronti di mia madre, caratterizzati da offese, insulti , toni e gesti minacciosi che simulavano una percossa ,scatti d'ira che talvolta esplodevano nei miei confronti anche con strattonamenti, strattonamenti per i capelli ( una volta mi ha anche sputato in faccia ). Tutto cio' accompagnato a periodi in cui non rivolgeva piu' la parola, altri in cui si allontanava dalla casa dovevamo viviamo insieme staccando il cellulare e non rispondendo a chiamate. Mia madre dal canto suo e' stata una donna anaffettiva, molto ansiosa,con atteggiamento sempre serioso ( pochi sono stati i momenti in cui si e' sorriso) e reprensivo. Anche al liceo le cose sono andate abbastanza male: ero spesso bersaglio di accerchiamenti e prese in giro essendo una ragazza molto introversa e chiusa totalmente nello studio,con quasi nessun rapporto sociale all'esterno se non qualche relazione ( anch'esse probabilmente per l'immaturita' della giovane eta', terminate male). Ho sempre sofferto molto una condizione importante di isolamento ma sono riuscita per anni ad andare dritta per la mia strada e a mantenere le mie idee, sino ad arrivare all'ultimo anno di liceo quando ho cominciato a soffrire di ipertiroidismo ( malattia scoppiata a causa del forte stress). Successivamente ,una volta curato il problema, l'ansia generalizzata molto forte di cui soffrivo mi si era localizzata a livello dello stomaco e dell'intestino , creandomi un bel po' di sofferenza fisica:con le mie forze e con molta pazienza sono riuscita a venire fuori da questo disturbo psicosomatico. Da due anni sono in cura da uno psicologo e contemporaneamente al mio periodo di cura ( forse anche poco tempo prima) ho cominciato ad avvertire in alcuni momenti della giornata ( mi capitava soprattutto la sera) una sorta di umore sottotono, una parte scura, un dolore accumulato, una parte depressiva che per paura potesse sopraffarmi ho sempre cercato di reprimere e non ho mai sottolineato in modo consistente neppure allo psicologo.Con il dottore parlavo della rabbia molto forte nei confronti di mia madre ( che ha sempre sminuito gli atteggiamenti aggressivi di mio padre,tutto cio' che avveniva era visto come un qualcosa da dover sopportare e di cui non dover parlare all'esterno con terzi che " avrebbero potuto interpretare male ") e di mio padre,della monotonia della mia vita che si svolge sempre sostanzialmente in casa con gli stessi rituali, dell'inadeguatezza che sento quando mi ritrovo a confrontarmi con gli altri, del forte giudizio critico che c'e' dentro di me nei confronti della mia persona che recepisco a tratti ridicola, inconsistente,del senso di distacco e di depersonalizzazione che talvolta mi accompagna ( sento estranea a volte anche mia madre), ma come le ho detto non sottolineavo piu' di tanto al dottore questa sensazione di umore depresso in quanto non volevo ascoltarla per paura che mi trascinasse giu'. Sino a che a settembre ,quando il mio ragazzo( l'unico rapporto relazionale che ho) ha cominciato a criticare il mio stile di vita (il non avere un lavoro, il non aver terminato l'universita' dopo molti esami poiche' difatti mi mancano 5 esami, il mio essere in ritardo con i tempi )sono esplosa , probabilmente avendo percepito una sorta di sensazione di abbandono ( quella che molte volte ho provato nelle mie esperienze)ed ho cominciato ad avere attacchi di panico in quanto e' come se questa sensazione nera, questo umore depresso, questo dolore mi avesse raggiunta e volesse essere ascoltato a tutti i costi. Non sapevo dove fuggire, non potendo fuggire da me stessa, questo mi ha generato una depersonalizzazione molto forte e conseguenti attacchi di panico. Ho dunque deciso con il mio psicologo della asl e lo psichiatra di curare il disturbo ( loro ritengono che io soffra di un'ansia generalizzata per la vita condotta poi degenerata in un umore depresso) ed ho cominciato a prendere escitalopram ( ho cominciato da settembre di quest'anno con 10 gocce al giorno per poi aumentarle, da un mese, a 15 gocce al giorno in quanto lo psichiatra ha ritenuto che l'effetto iniziale del farmaco con 10 gocce fosse soltanto parziale). Ad oggi non ho piu' quegli attacchi di panico forti ma e' come se mi fosse generata una sorta di insofferenza per la vita che conduco: piatta, monotona e senza emozioni ( sensazione che prima non avvertivo, essendo per me la casa un luogo sicuro, la mia zona di comfort). Il punto e' che anche questa spinta verso l'esterno , ovvero questa insofferenza del condurre sempre la stessa vita ( che si traduce anche in nausea fisica) e' smorzata dal fatto che il confronto verso l'esterno mi destabilizza, mi crea ansia e al contempo se penso al futuro,a progetti sento un senso di distacco emotivo ( come se staccassi la spina,come se non mi riguardasse troppo,depersonalizzazione) una sorta di appiattimento, anche pensando al futuro, a progetti e iniziative, avverto quel malessere, quella cosa nera,una sorta di nausea( come se vedessi ormai tutto piatto , tutto uguale e lo fosse in modo inesorabile ) , tanto che sono arrivata a domandarmi se ho qualche problema mentale, se non sono capace di provare entusiasmo come tutti,se non sono in grado di provare emozioni positive, se ho un malessere intrinseco, una depressione connaturata che dovro' sopportare per tutta la vita. Sono in grado di provare sensazioni quali rabbia, tristezza, paura, sono una persona sensibile, provo tenerezza, empatia, riesco anche a ridere in determinate occasioni, qualcosina che mi piace c'è, ma mi domando se sono anche in grado di provare entusiasmo, gioia, felicità, di fare dei progetti di vita con entusiasmo. Voi credete che dalla depressione e questo tipo di malessere sia possibile uscirne devo rassegnarmi al fatto che sia una questione genetica ,un malfunzionamento neuronale,che non guariro' mai? Vi ringrazio.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Carissima Silvia, la sua storia personale e familiare è costellata di episodi spiacevoli e dolorosi. E' normale che abbia una visione della vita pessimistica e negativa. Ha avuto un'infanzia travagliata a causa della sofferenza psicologica di suo padre e delle difficoltà di sua madre che, probabilmente, si è trovata da sola a dover affrontare il peso della famiglia. Non ha avuto il sostegno e la serenità di cui un bambino ha bisogno perché i suoi genitori avevano molti problemi e molta sofferenza e dunque è dovuta per così dire "crescere da sola". Il disagio provato, poi si è manifestato attraverso un insieme di sintomi di natura psicologica. Certo che può superare i suoi problemi e cambiare la sua visione della vita, provando gioia ed entusiasmo, ma deve necessariamente affrontare ed elaborare i traumi del passato. Perché ciò avvenga è necessario che si fidi completamente dei professionisti che si prendono cura di lei e che creda in quello che fa. E' molto importante inoltre che comprenda che i suoi genitori, se non sono stati in grado di sostenerla adeguatamente, è perché non avevano gli strumenti per farlo, non perché non l'hanno voluto. Cominci anche a riflettere su questo fatto e su quanto è riuscita a realizzare di positivo nonostante le sue difficoltà. Le faccio tantissimi auguri.

Dottoressa Noccioli Daniela Psicologo a Cascina

79 Risposte

38 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Depressione

Vedere più psicologi specializzati in Depressione

Altre domande su Depressione

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15300

psicologi

domande 19700

domande

Risposte 77300

Risposte