Depressione e ansia legate al lavoro

Inviata da Indigo · 11 nov 2019 Ansia

Buonasera,

Sono una ragazza di 28 anni e, in seguito ad alcuni miei atteggiamenti sospetti verso il cibo e il mio corpo, mi sono recata alcuni mesi fa in un centro per i disturbi del comportamento alimentare, dove mi è stata diagnosticata la bulimia nervosa.
Non ho fatto molte visite finora perché gli appuntamenti sono fissati a date molto distanti tra loro, quindi molto spesso mi sento "persa" e lasciata a me stessa. In una delle prime visite la psicologa parlò anche di uno stato ansioso-depressivo, legato molto alla sfera lavorativa (faccio da 10 anni lo stesso lavoro che trovai per "arrangiarmi" durante l'università, dopo la laurea non sono riuscita a trovare altro e questo mi ha sempre angosciato molto).
Col tempo ho iniziato a notare quanto questi miei disturbi siano collegati tra loro e di conseguenza al lavoro: quando sono in ferie o di riposo tutto fila normalmente, ma quando sono a lavoro inizio ad essere agitata e in ansia già dalla mattina, e più di una volta mi è capitato di autoindurmi il vomito durante l'orario lavorativo o di meditare il suicidio (ho il pensiero fisso di aprire una finestra dello stabilimento e buttarmi di sotto).
Questa situazione sta diventando sempre più insostenibile, tanto che sto pensando seriamente di licenziarmi. Ho comunicato le mie intenzioni ai miei genitori che non l'hanno presa per niente bene, cosa che è andata a peggiorare ancora di più il mio stato d'animo, tanto che in un momento di forte crisi isterica ho tentato nuovamente il suicidio legando la corda dell'accappatoio al soffitto del bagno.
Non so più cosa fare, vorrei uscire da questa situazione ma non so come fare e soprattutto non sento né l'appoggio professionale del centro, né quello affettivo dei miei genitori. Per quanto riguarda il lavoro invece, non so più come fare, vorrei poter non andare più perché il solo pensiero mi fa mancare l'aria, ho anche pensato di richiedere un certificato di malattia per depressione ma non saprei a chi rivolgermi e come funziona...

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 15 NOV 2019

Buongiorno,
da quello che lei racconta mi pare evidente che lei abbia necessità di un supporto terapeutico per ritrovare benessere e soddisfazione. La bulimia nervosa è un disturbo alimentare spesso collegato ad altri disturbi psichici, quali ansia e depressione, come ha evidenziato la sua psicologa. I disturbi alimentari sono spesso correlati anche a un’importante difficoltà di regolazione degli stati affettivi, che a sua volta sono strettamente relazionati ai rapporti primari con i genitori, da qui la necessità di elaborare in un percorso terapeutico la sua storia personale. Lei è stata molto brava a chiedere aiuto, ma se il centro dove si è recata non sta soddisfacendo completamente i suoi bisogni, le consiglio di parlarne con la sua psicologa o di rivolgersi ad altri professionisti della sua regione. Un altro aspetto importante che lei ha individuato è la percezione della relazione del proprio malessere con il suo lavoro, il che richiede un cambiamento. Le auguro di riuscire a trovare un professionista che la possa aiutare ad elaborare tutte le questioni poste.

Cordiali saluti,
Dott. G. Gramaglia

Gramaglia Dr. Giancarlo Psicologo a Torino

527 Risposte

237 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Ansia

Vedere più psicologi specializzati in Ansia

Altre domande su Ansia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24150 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17000

psicologi

domande 24150

domande

Risposte 86800

Risposte