Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Delusione, fine di una relazione

Inviata da Giada · 26 set 2019 Terapia di coppia

Buongiorno a tutti,
Mi rivolgo a voi perché sono giorni che sto veramente male. Spero di essere chiara ed esaustiva a riassumere quanto accaduto.
È quasi una settimana che mi sono lasciata con il mio fidanzato, ho investito tanto in questa storia e ora il senso di frustrazione è molto forte. Tutto ha inizio 3 anni fa, quando ci siamo conosciuti lui usciva da una storia di 11 anni in cui era stato tradito dalla sua ex, erano passati due anni dalla fine e lui non faceva altro che rassicurarmi e insistere con frasi del tipo: 'io voglio te, la mia storia passata mi ha solo insegnato a non commettere certi errori, ma è veramente chiusa', non ho mai creduto completamente a queste parole, perché mi ha sempre dato l'impressione che portava qualche strascico. Ma poi inizio a fidarmi e ci fidanziamo. Bene, nell'arco di 3 anni mi diceva che provava sentimenti per me, ma non mi ha mai usato espressioni del tipo:'ti amo, sono innamorato'. L'anno scorso abbiamo avuto una crisi perché lui ha iniziato a dirmi che forse non era amore, ma che gli serviva tempo e che forse il passato lo aveva segnato sul piano emotivo, non ci lasciammo perché lui diceva di star bene con me e di volermi. Io, sbagliando, pur di non perderlo gli ho dato tempo. Negli ultimi mesi abbiamo fatto viaggi, affrontato matrimoni di familiari ecc... Tra l'altro lui ha avuto molte crisi isteriche e di rabbia in alcune circostanze (nei confronti dei familiari anche per futili motivi), nonostante ciò io ero sempre presente. Settimana scorsa inizio a notare un po' di freddezza nei miei confronti, quindi affronto l'argomento che l'anno scorso lasciammo in sospeso. Io ho 30 anni e lui 34, inizio a parlargli di futuro insieme, di amore. Lui non parlava, gli dico che così non voglio più continuare. Le sue parole sono state le medesime:' io sto bene con te, mi piaci, ma dobbiamo staccarci perché io devo capire'. Successivamente, tramite una telefonata ritratta e mi dice che lui non crede nelle pause e che non mi dovevo far più sentire. Inizio un po' a farlo sentire in colpa dicendogli: se non mi amavi perché mi hai fatto conoscere tutti, perché fino a settimana scorsa abbiamo affrontato viaggi, condivisioni ecc... Lui mi ha risposto:'anche per metterti alla prova, ora per favore chiudiamo perché mi sento male.'.a oggi sto malissimo, non so se sperare in un suo ritorno e soprattutto mi sento presa in giro, avevo visto in lui la persona perfetta, il padre dei miei figli. Il senso di pietà nei miei confronti è veramente tanto.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 28 SET 2019

La fine di una relazione determina anche la fine di un progetto di vita. Lei si trova in una fase del ciclo vitale per cui desidera avere una stabilità affettiva e costruire una sua identità come moglie e come futura madre. La invito in questo momento della sua vita a riflettere se ciò che conta è di più per lei è la realizzazione di questo progetto oppure la persona che l’ha ferita o magari entrambi. Questo la aiuterà ad elaborare con delle nuove chiavi di lettura, ciò che è accaduto.

Dott.ssa Daniela Germano Psicologo a Bari

13 Risposte

9 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

1 OTT 2019

La fine di una storia è paragonabile ad un lutto, per cui è necessario attraversare il proprio dolore, solo passandoci attraverso starà meglio

Dott.ssa Fedriga Elisa Psicologo a Iseo

11 Risposte

9 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 SET 2019

Buongiorno Giada.
Mi spiace per la sua sofferenza. Questo è un momento intenso, perché le fini relazioni sono altamente piene di emozioni libere, diverse, pensieri disturbanti e ricordi devastanti. È come se si fosse trovata a rivedere una commedia romantica, scoprendo che la scena finale è un film drammatico invece e va rivisto scena per scena per dare una "nuova" spiegazione, ma con emozioni e pensieri che possono far star malissimo! È una fase complessa, per questo, secondo me, ha bisogno anche di uno psicoterapeuta che l'aiuti ad affrontarla. E in ogni caso, aiutata a riprendere pian piano lucidità, potrà capire meglio come si muove Giada affettivamente, il suo stile affettivo, e muoversi con strumenti magari più affinati, in un campionato così ricco, ma anche molto complesso e destabilizzante, quale quello delle relazioni affettive.
E se riesce, almeno ci provi, la pietà che dice verso di lei, la provi a mettere tra parentesi... Giada è capace di credere nell'amore, di mettersi in gioco, di progettare... perciò la sua commedia romantica è in grado di scriverla con una persona...e ciò è già una potenziale sua risorsa...se riesce provi a riconoscerla, almeno un istante, in un momento, questo che sta vivendo, che può essere invece dolorosissimo.
Dr. Zaffarano Paolo

Dr. Paolo Zaffarano Psicologo a Sanremo

3 Risposte

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 SET 2019

Cara Giada, la situazione mi sembra delicata e complessa, dunque non oso dar alcun tipo di consiglio in merito alle decisioni da prendere.
Ritengo lei abbia una buona capacità di mettersi in discussione e di vedere la situazione da differenti punti di vista; questo mi sembra un aspetto non scontato e da valorizzare. Le direi solo di ripartire da sé: inizi un percorso di scoperta, per capire come si è ritrovata in questa situazione, cosa ha inizialmente permesso il vostro legame e cosa lo ha poi impedito. E si prenda la libertà di andare alla ricerca del suo desiderio. Una volta riconosciuto, basterà un passo per poterlo vivere.

Dott.ssa Marta Cricelli Psicologo a Rho

20 Risposte

7 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 SET 2019

Salve Giada, è naturale che in questo momento lei stia provando questo dolore: tutti soffriamo alla fine di una relazione, fa parte della normale reazione dell'essere umano al fatto che una persona cara, fonte di cura e protezione, non è più presente nella nostra vita. Detto questo, il modo in cui lei si rapporta a questo dolore può fare la differenza nell'amplificarlo o nel contenerlo: tenti di non giudicarsi per ciò che è successo, o per i sentimenti che ancora prova, fa tutto parte della sua storia personale e del modo in cui è cresciuta. Può esserle utile, comunque, rivolgersi ad uno psicologo che può aiutarla a comprendere meglio il senso di ciò che sta vivendo, e ad vivere serenamente nonostante eventi difficili che capitano.
Saluti
Dott. D'Angelo
Milano / Lodi

Dott. D'Angelo Salvatore Psicologo a San Donato Milanese

22 Risposte

10 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

27 SET 2019

Buongiorno,
intanto al momento è normale che stia male, la fine di una relazione è un po' come un lutto e lei è proprio all'inizio di questa separazione. emergono molti vissuti quando si interrompe una relazione: senso di colpa, rabbia, frustrazione, tristezza, ecc. Per tale ragione le dico purtroppo che il dolore che prova è normale e che affinché possa passare ci vuole un po' di tempo, il tempo fisiologico in cui il dolore va attraversato, elaborato e superato. tuttavia se le cose non dovessero cambiare dopo qualche mese e per il dolore dovesse diventare insostenibile allora potrebbe valutare l'idea di farsi aiutare da un professionista per superare questo lutto.
In bocca al lupo
Dott.ssa Monia Crimaldi
Psicologa psicoterapeuta
Palermo

Dott.ssa Monia Crimaldi Psicologo a Palermo

164 Risposte

249 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22500 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16400

psicologi

domande 22500

domande

Risposte 83650

Risposte