Da fidanzati a fratelli... è possibile il contrario?

Inviata da Luisa · 27 mag 2021

Salve a tutti, vi scrivo per una questione che mi affligge da ormai due anni. Sono una ragazza di 29 anni, due anni fa ho chiuso una relazione molto importante con il mio fidanzato storico.

Io e lui siamo due persone molto empatiche, l'uno per l'altra siamo stati la persona più disponibile e accogliente dal punto di vista emotivo mai conosciuta. Dopo 6 anni di relazione ci cercavamo e ci guardavamo come due innamorati al primo incontro, era tutto naturale e spontaneo. Avevamo tantissimi interessi in comune, riuscivamo a parlare sempre di tutto, ci siamo presi cura l'uno dell'altro in qualsiasi momento e a qualsiasi costo. Lui è sempre stato tutto ciò che desideravo, e desidero.

Il motivo della chiusura della relazione è, purtroppo, la mancanza di attrazione fisica. Questa è stata carente sin dal primo momento. Lo trovo un bellissimo ragazzo, ma non l'ho mai visto come "qualcosa" di sessuale e desiderabile fisicamente. La frequenza dei nostri rapporti era scarsa, circa una volta al mese. Negli ultimi mesi rifiutavo qualsiasi contatto da parte sua perché mi dava fastidio. I pochi rapporti che avevamo erano diventati anche dolorosi.

La questione del sesso è stata spesso al centro di numerose discussioni tra me e lui, ma io non ci ho mai dato peso, non lo ritenevo un aspetto così importante. Crescendo e acquisendo sicurezza in me stessa, mi sono resa conto che questo aspetto non era soddisfatto nella mia relazione. Ma posso assicurare che mai avrei pensato di chiudere per questo motivo. La decisione, o meglio, la crisi, è nata quando ho incontrato un altro ragazzo, che in me ha risvegliato tutto un mondo di passione. Purtroppo, quello è stato il punto di non ritorno per me. Dopo mesi di sofferenza, mi lascio andare con quest'altro ragazzo e scopro un altro mondo, scopro di non avere i problemi che pensavo (arrivai a pensare di essere frigida, oppure omosessuale).

Sono passati due anni da quel momento. Io ho avuto un paio di esperienze con altri ragazzi, ma la mia mente torna sempre al mio ex. Devo specificare un paio di cose. In primis, dai 22 anni circa ho iniziato una terapia (causa attacchi di panico) che si è rivelata infinita (6 anni) e ha alimentato le mie dinamiche di dipendenza. Seconda cosa, io e il mio ex abbiamo fatto una terapia di coppia, anch'essa infinita (3 anni e mezzo, senza avere obiettivi precisi), dove questo problema sessuale che io manifestavo non è stato mai preso abbastanza in considerazione, e questo mi ha fatta sentire inadeguata e frustrata. Con grande difficoltà, ho lasciato entrambe queste terapie, infinite e inconcludenti (e anche su questo avrei molto da dire, ma al momento preferisco sorvolare), e ne ho cominciata da poco un'altra, molto più mirata all'aspetto relazionale che mi crea confusione.

La mia nuova terapeuta sostiene che, per il mio vissuto, il mio ex fidanzato abbia coperto una parte dei miei bisogni relativi a quel momento specifico della mia vita che stavo attraversando. L'eccessiva disponibilità emotiva avrebbe sbilanciato la relazione sul versante dell'intimità emotiva, andando a "sublimare" la parte sessuale. Insomma, siamo diventati come fratelli. Questa condizione, a parer suo, è difficilmente reversibile, la mia mancanza totale di attrazione nei confronti del mio ex non sarebbe possibile risolverla "a tavolino". In effetti, quando ho provato a insistere ad uscire ancora con lui, mi sentivo molto turbata da questo punto di vista, dentro di me rifiutavo la possibilità di costruire un'attrazione che sentivo non esserci.

Secondo voi, questa direzione da fidanzati a fratelli è davvero un biglietto di sola andata? Non riesco proprio a rassegnarmi all'idea di lasciar andare quell'amore, nonostante stia lavorando su me stessa.

Vi ringrazio per aver letto tutto.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 29 MAG 2021

Davvero è molto difficile. La carica erotica nasce con l'innamoramento e viene coltivata affinché possa durare. L'inverso, cioè la creazione de novo di una passione è particolarmente difficile. Se non c'è chimica, non c'è chimica. Poi, tutto si può fare, con una impegnata terapia sessuologica si può tentare, ma la vedo molto dura. Coraggio

Dott. Pier Luigi Rocco Psicologo a Udine

41 Risposte

17 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 MAG 2021

Cara Luisa.
In questo momento vi sono due Luisa, una che vorrebbe ricominciare con l'ex e l'altra timorosa e dubbiosa.
La parte dubbiosa risiede forse nell'avere scoperto un piacere sessuale che con lui non riusciva a condividere.
Forse dopo di lui non ha avuto la possibilità di aver conosciuto ragazzi e storie che le abbiano dato la stessa intensità emotiva e affettiva che le abbiano date lui.
Ma al contempo le altre storie le hanno sbloccato i tabù sessuali che con lui aveva. Le esperienze servono per capire cosa uno vuole da una storia.
Non lasci che la malinconia del passato possi intralciare un futuro in cui potrebbe conoscere una persona che possa darle amore, tenerezza e sessualita'.
Tuttavia potrebbe provare a vedere come potrebbe andare con il suo ex.
Le persone possono cambiare. Tuttavia
la chimica se non c'era prima sarà difficile che ci possa essere adesso soprattutto dato il fatto che vi conoscete molto bene.
Le consiglio di provarci Luisa in quanto è
meglio un rimorso e avervi provato piuttosto che un rimpianto.
Ci provi e male che vada non si precluda altre porte.
In bocca al lupo.
Resto a disposizione.

Dott.ssa Margherita Romeo Psicologo a Roma

278 Risposte

105 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 MAG 2021

Cara Luisa.
Da quello che lei descrive, sembra veramente faticoso per lei lasciare andare l'idea che questo ragazzo possa tornare ad essere il suo fidanzato. Il fatto che lei abbia riscoperto l'importanza della sua sessualità, con un'altra persona, non mette in discussione l'importanza che questo ragazzo ha avuto e ha tutt'ora per lei. Sembra però che una parte di lei voglia convincersi di voler tornare con lui, mentre un'altra parte le segnala un disagio.
Avendo ripreso una terapia credo avrà modo, con la sua terapeuta, di esplorare questo conflitto interiore e di comprendere che funzione ha per lei mantenere questo legame e rimanere nell'idea che possa riprendere un'altra forma.
Un caro saluto
Dott.ssa Maria Isabella Ciampi

Maria Isabella Ciampi Psicologo a Perugia

54 Risposte

12 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

28 MAG 2021

Carissima Luisa. E chi può stabilire mai una volta per tutte intensità, direzione e verso delle relazioni umane? L’essere umano non è un automa e non è un vettore. L’andamento delle sue relazioni non ha una direzione prevedibile e normativa. La tua relazione con il tuo ex andrà dove tu e lui sentirete che potrà andare. I miei migliori auguri e un caro saluto.

Dott. Vincenzo Crupi Psicologo a Palermo

104 Risposte

126 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 28950 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18350

psicologi

domande 28950

domande

Risposte 99050

Risposte