Crisi universitaria ed emotiva

Inviata da Emanuele Purificato · 30 gen 2018 Orientamento scolastico

Salve a tutti,
Sono un ragazzo di 22 anni, studio all' università ma sono fuori corso(di due anni).
Ultimamente con l' università non sto passando un bel periodo, il corso di studi che ho intrapreso (Psicologia) mi interessa ma mi sento come se non fossi in grado di proseguire, ho sostenuto pochissimi esami, mi sento poco motivato ed ogni volta che apro un libro lo faccio svogliatamente perchè non riesco ad assimilare ciò che leggo anzi a volte non riesco proprio a capirlo pur leggendolo più volte.
I miei genitori stanno spendendo tanto soldi per i miei studi e quando gli ho parlato di ciò mi hanno spinto a continuare.
Sono ormai due anni che mi sento paralizzato, che mi sono chiuso in me stesso perchè non riesco a dare esami, non trovo la voglia e il coraggio, mi sento un fallito. Ormai passo la maggior parte del mio tempo a non far niente a stare chiuso in me stesso, nella mia camera.
Se decidessi di abbandore l' università e trovare un lavoro mi sentirei di aver fallito. E comunque mi sentirei così anche nel mondo del lavoro, non saprei cosa fare, non ho nessuna qualifica particolare. Mi sento un inetto.
A volte sento come se avessi sbagliato tutto e fosse troppo tardi per ricominciare.
Ogni tanto mi capita di pensare che la soluzione a tutto questo sarebbe quella di "porre fine" ma non ho il coraggio...
Cosa posso fare?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 1 FEB 2018

Gentile Emanuele,
Non mi è chiaro, a livello temporale, come a 22 anni lei risulti fuori corso di 2 anni.
A ogni modo, al di là di questo, mi viene da immaginare che quando lei si mette a studiare, davanti a un libro, la sua testa non è concentrata realmente sul presente e su quanto scritto nel libro, ma anzi che lei rimugina continuamente su tutte le questioni che spiega poi più avanti, motivo per il quale non riesce ad apprendere e studiare.
Se continuo a rimuginare sul fatto che: non riesco a studiare, non capisco quello che c'è scritto, devo rileggerlo, non ho più voglia, vorrei abbandonare ma mi sentirei fallire, deluderei i miei genitori che mantengono i miei studi, ma nel lavoro non farei nulla perché non ho qualifiche ecc.... Altro che riuscire a studiare e dare esami!
Il suo è una sorta di autosabotaggio purtroppo, in cui l'unica soluzione iniziale è quella di intervenire sul rimuginio con l'aiuto ovviamente di uno psicoterapeuta che la possa aiutare a districare questo groviglio di pensieri, risalendo anche a quelle idee che noi cognitivisti chiamiamo disfunzionali e che non le permettono di "ritrovarsi".

Resto a sua disposizione per qualunque informazione o chiarimento.
Dott.ssa E. Parise

Dott.ssa Elena Parise Psicologo a Pontedera

55 Risposte

192 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

31 GEN 2018

Gentile Emanule,
sarebbe interessante poter meglio comprendere cosa ti impedisce di perseguire efficacemente il tuo percorso universitario. Da quello che scrivi sembra che in questo momento tu ti senta in qualche modo paralizzato e incapace di reagire nella maniera più efficace. L’evitamento che metti in atto restando a casa e non agendo in nessun modo, non fa altro che rafforzare il tuo senso di inefficacia, alimentando il senso di colpa e la frustrazione che ne consegue. Ciò di cui hai bisogno in questo momento è ricominciare ad agire in modo funzionale, mobilitando le tue energie e risorse per il conseguimento dello scopo che avrai individuato, qualunque esso sia a livello universitario o lavorativo. Per poter essere accompagnato al meglio in questo percorso mi sento di consigliarti di rivolgerti ad uno Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale della tua zona, in modo da iniziare un lavoro che intervenga efficacemente sulle tue criticità, e che favorisca lo sviluppo di nuove risorse con cui affrontare la tua realtà quotidiana.

Cordialmente,
Dott. Colamonico Damiano

Dott. Damiano Colamonico Psicologo a Torino

643 Risposte

1120 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

31 GEN 2018

Caro Emanuele,
Ti consiglio di intraprendere un percorso psicologico per comprendere meglio le tue difficoltà che stai affrontando e sicuramente I pensieri disfunzionale che innesca questo disagio.

Resto a disposizione

Dott.ssa Elisa Garofalo

Dott.ssa Elisa Garofalo Psicologo a Calcinaia

21 Risposte

18 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Altre domande su Orientamento scolastico

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 23600 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16800

psicologi

domande 23600

domande

Risposte 85500

Risposte