Crisi universitaria e ansia estrema

Inviata da Alessia · 3 ago 2020

Salve a tutti, sono Alessia e ho 23 anni.
Scrivo perché penso di trovarmi in una crisi universitaria e sono veramente satura di questa situazione. Sono fuori corso da questo marzo e mi mancano ancora 3 esami. Può sembrare poco ma gli ultimi esami sono quelli più tosti e per quanto ci provo a studiare, o non li passo oppure mi viene troppa ansia per poterli affrontare. Fin dall’inizio ho sempre avuto un rapporto controverso con l’università: Facevo da pendolare con orari pesanti, inizialmente non passavo gli esami, poi ho recuperato quasi tutto avendo anche una buona media ma ero e sono molto stanca. Non sono ansiosa in altri ambiti della vita ma per me l’università è diventata un’ansia costante. Per gli esami, per le scadenze.. anche entrare sul sito mi causa ansia. Non mi dispiace quello che studio, ma forse non era ciò che realmente ero destinata a fare e me ne sono resa conto molto tardi. Mi manca qualcosa, mi manca soddisfazione e non capisco se è per la facoltà in se o per le difficoltà costanti che ho provato. Sono una persona positiva per fortuna, ma la mia famiglia non lo è. Soprattutto mia mamma che non ha fatto l’università ma che si vergogna ad incontrare altra gente per paura che chiedano della mia situazione universitaria. Io non voglio essere confrontata con nessuno se non con chi ero ieri come persona. Quello che mi fa più stare male, infatti, è non riuscire a continuare a fare progressi per ME per via dell’ansia e avere qualcuno che costantemente si arrabbia, se la prende o fa pressione su di me per l’università.
Cosa mi consigliate di fare?
Grazie davvero per l’ascolto

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 4 AGO 2020

Salve Alessia. Prima di tutto grazie di aver condiviso la sua problematica. Le domande riguardo il suo futuro sono lecite, cosi come lo è una giusta dose di ansia in situazioni in cui ci poniamo degli obiettivi. Tutto cio diventa pesante e fonte di disagio quando dalle domande si passa al mettersi in dubbio e al giudicarsi, cosi come quando si passa da un ansia funzionale ad una invece che ci immobilizza, come quella che sembra stia vivendo. Leggo da quel che dice che è pero una ragazza con molte risorse e un disagio circoscritto ad un unico ambito. Per questo le consiglio un percorso terapeutico che possa aiutarla a vedere e sfruttare le sue capacità, imparare a gestire la sua ansia e ristrutturare dei suoi pensieri disfunzionali. Resto a disposizione, anche in privato, per ulteriori domande o chiarimenti, anche rispetto la possibilità di un percorso. Le auguro una buona giornata, dott.ssa Laura Paniccià

Dott.ssa. Laura Paniccià Psicologo a Porto Sant'Elpidio

88 Risposte

36 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 AGO 2020

Cara Alessia, è comprensibile la sensazione di costrizione e pressione da parte del contesto, che sfocia necessariamente in rabbia, rispetto all'università. L'ansia dell'esame è l'ansia di ciò che potrebbe (non) accadere: cosa succede se non passa l'esame? quale progetto di sè l'aspetta ottenuta la laurea? quali aspettative aveva e ha la mamma rispetto alla Sua riuscita, e come vengono manifestate? Queste e altre risposte consentono di mettere a tema il significato che ha per Lei il passare un esame e la difficoltà ad esso relativa che Lei prova ora. Che Lei sappia e possa studiare è assodato: ci sono stati momenti della Sua vita in cui ha recuperato e anche con buona media - benché a costo di grande fatica. Il punto è verso cosa tende e perchè, e l'insoddisfazione che sente è cruciale in questo. Ha mai provato a parlare con la mamma e con la famiglia di come si sente rispetto ai suoi atteggiamenti? Avete mai messo a tema che questo provoca in Lei una sensazione spiacevole? rispetto agli esami, esistono piccoli trucchi che sono utili a fronteggiare l'ansia (una buona pianificazione, tecniche anti-procrastinazione, esercizi di respirazione) che può trovare online con una semplice ricerca. Sarebbe però utile, se Lei lo desiderasse, comprendere i motivi di questa ansia. Valuti, se vuole, un supporto professionale. Cordialità. DP

Dott. Daniel Michael Portolani Psicologo a Brescia

1001 Risposte

1014 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27300 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17850

psicologi

domande 27300

domande

Risposte 94200

Risposte