Crisi passeggera

Inviata da Ivy · 13 ott 2020

Buonasera,

ho 34 anni, sono sposata da 3 e stò con mio marito da 12 anni. Credo di non amarlo più, credo di aver realizzato questa condizione in questi mesi di separazione, da luglio ad ottobre (attualmente vive dai genitori). Tutto è cominciato 4 anni fa, prima del matrimonio, dove a seguito di continui fallimenti lavorativi di mio marito, lo stesso ha inziato ad entrare in una sorta di "depressione", anzi per essere più precisi, inizialmente era solo frustrazione e malessere che poi credo sia sfociato in depressione. Inizialmente passava le sue giornate davanti alla playstation, ma questo non ha mai turbato la nostra relazione, fino a quando questo suo giocare ha iniziato a portar via del tempo ( a mio avviso) prezioso per la felicità e il benessere della coppia. Io lavoro tutto il giorno, rientravo a casa la sera preparavo da mangiare, pulivo e sistemavo casa e passare almeno 1 o 2 ore nel divano a guardare la tv erano essenziali per me, quando sono iniziate a mancare anche questi momenti sono cominciati i problemi. Nè ho sempre parlato e discusso, sia con toni costruttivi e tal volta distruttivi, mi ritengo una persona razionale, che analizza ogni situazione, perciò percepivo il suo disagio (a livello lavorativo) cercando di supportarlo il più possibile. Nonostante questi problemi ho deciso di sposarlo, convinta che la situazione sarebbe potuta cambiare, che il costruire una famiglia avrebbe scatenato in lui la voglia di impegnarsi sul lavoro. un anno dopo il matrimonio ci impegniamo in un nuovo progetto, comprare casa, credo che questo momento mi abbia segnato profondamente, tutto quello che pensavo avremmo fatto insieme lo facevo da sola, da sola progettavo la casa, cercavo di coinvolgerlo in tutto ma dall'altra parte non c'era risposta (iniziava la fase acuta della depressione), morale della favola solo io mi impegnavo in questo matrimonio, lui completamente assente. Ho avuto pazienza per altri 2 anni, fino a luglio di quest'anno (2020), dove all'ennesimo suo lasciarmi sola e alla mia domanda: vuoi dei figli da me? non ho ottenuto risposta, ho deciso di mandarlo via di casa. Lui ha iniziato ad andare da uno psicologo (finalmente! considerando che io ero più di un anno che gli proponevo anche la terapia di coppia), questa esperienza lo ha risollevato dal suo baratro, purtroppo però a me questi mesi di lontananza hanno solo accentuato la mia indipendenza di donna; ho realizzato che non mi manca, non lo penso, non vedo più un futuro ma solo l'idea che avevo nella mia mente quando l'ho sposato (o almeno credo), mi sento serena, non posso dire felice, ma molto serena, come che mi sia levata un peso (è molto frustrante ammettere una cosa così brutta) perciò mi stò rivolgendo a voi, perchè non riesco a capire se realmente sia finita o è solo una fase. Ora lui, al mio sentirsi dire che non sono più innamorata, mi ha palesato la sua condizione di amore, ora sente che vuole dei figli da me, ora sente che vuole darmi ciò che merito, si stà impegnando in ogni cosa che prima a me dava dispiacere, stà cercando lavoro, si stà impegnando nella casa anche se non vive con me, si stà interessando alle bollette e alle spese che ci sono in casa, e questo mi fa imbestialire, perchè ora i nostri desideri non coincidono più. Aggiungo inoltre un altro particolare, molto importante che sicuramente influisce in tutta questa mia confusione: ho conosciuto in questi mesi una persona inaspettata, mi piace molto a livello fisico e mentale, stò vivendo delle sensazioni che mai avevo provato prima, nemmeno con mio marito, le classiche farfalle nello stomaco (che so prima o poi svaniranno), l'attrazione fisica (anch'essa mai provata con mio marito), tutto questo mi sembra surreale, e turba molto la mia parte razionale. Onestamente non so che strada prendere, non so se stò sbagliando, non so se riprovare con mio marito. Ora non riesco ad immaginarmi senza questa nuova persona, che rispecchia tutto quello che mi è "mancato" ultimamente, lui lavora, è indipendente, è razionale, si confronta con me. So che potrebbe trattarsi benissimo di un fuoco di paglia, perciò mi manda nel caos.

Grazie

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 13 OTT 2020

Cara Ivy, sembra che tutto ciò che non ha provato con Suo marito, lo stia provando con questa nuova persona. Quest'ultimo é l'opposto: é come se, avendo vissuto per tanto in un determinato modo, abbia capito cosa cercare e cosa volere. Può essere che abbia voluto in tutti i modi "salvare" in passato la Sua relazione, compiendo tutto da sola, poiché Suo marito non ne era in grado, per le sue problematiche. Questo l'ha portata a disinvestire sempre piú su di lui e sulla coppia. Le direi di riflettere su ciò che vuole davvero (sui Suoi vissuti, sulle Sue emozioni), su ciò che Le porterebbe, quindi, davvero benessere, perché é questo ciò che conta. Non sarebbe giusto ingannare qualcuno se i sentimenti, l'amore, l'affetto non sono piú lo stesso. Si ridefinisca, non tanto in base alle due persone che in questo momento fanno parte della Sua vita, ma in base a sé stessa, alla Sua indipendenza, ai Suoi desideri.
Buona fortuna.
Dr.ssa Amanda D'Ambra.

Dr.ssa Amanda D'Ambra Psicologo a Torino

1305 Risposte

760 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 OTT 2020

Gentile Ivy,
mi sembra di capire che lei stia cercando di voltare pagina attraverso una nuova relazione tuttavia permangono dubbi rispetto alla precedente relazione, forse solo a livello razionale. Sentimentalmente è piuttosto coinvolta con il nuovo partner, le dona ciò che ha bisogno emotivamente in questo momento. Gli equilibri di coppia sono cambiati, ora lei prova rabbia nel ricevere tutte queste attenzioni che prima desiderava tantissimo da suo marito.
Per chiarirsi e prendere una decisione consapevole, le consiglio di effettuare qualche colloquio di counseling, strumento efficcace e funzionale alla scelta.
Resto a disposizione per qualsiasi chiarimento,
cordialmente
dr.ssa Donatella Costa

Dr.ssa Donatella Costa Psicologo a Rezzato

2757 Risposte

2269 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 OTT 2020

Gentile Ivy,
le consiglio di chiedere un aiuto psicoterapeutico le sarebbe utile a fare chiarezza sul caos che vive e sul suo passato.
Rimango a disposizione
Dr.ssa Elisabetta Ciaccia

Dott.ssa Elisabetta Ciaccia studio di psicologia Psicologo a Milano

502 Risposte

169 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

13 OTT 2020

Buon pomeriggio, se non riesce a prendere una decisione ed è presa di confusione, disorientamento, insicurezza, rabbia, si rivolga ad un professionista per una breve consulenza
Ne trarrà giovamento
Dott. Masucci A.

Dott. Armando Masucci Psicologo a Avellino

323 Risposte

281 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27300 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17850

psicologi

domande 27300

domande

Risposte 94200

Risposte