Crisi di panico? Ansia da prestazione? Non riesco a capirlo

Inviata da davide · 4 mag 2015 Ansia

Buongiorno, ho 25 anni e da quasi due anni mi ritrovo in una situazione di disagio: credo di soffrire di crisi di panico e ansia. Ogni giorno quando devo uscire e devo recarmi al lavoro, quindi prendere il treno, guidare la macchina o andare in un luogo da solo non riesco a stare bene. Mi sento molte volte "stordito e debilitato" a volte mi sento mal di testa e soprattutto come se dovessi svenire o come se dovessi avere forti mal di pancia e andare al bagno con la paura di stare male e non avere l'aiuto di nessuno. La cosa che mi da più rabbia è che io sto studiando per diventare insegnante e ho paura di avere i sintomi fisiologici durante le lezioni e quindi stare male. Come si può fare a rimediare da questi malefici? Io fino a due anni fa mi ero segregato in casa, ora da un po' di mesi mi sto impegnando ad uscire, a prendere i treni e la macchina, "senza strafare", ma vorrei capire come posso trovare dei benefici e migliorare. Grazie a tutti per l'attenzione e spero di essere stato chiaro.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 13 MAG 2015

Davide,
prima di tutto chiamiamo le cose con il loro nome, perché le parole, come fossero formule magiche, portano con sé dei significati condizionanti. I tuoi sintomi non sono "malefici" benché, certo, ti facciano male. In qualche misura ti serve anche poco inquadrare con una terminologia scientifica il to disagio: lascia che sia un professionista a decidere per attacchi di panico, ansia da prestazione o altro (o forse entrambe le cose insieme!). Tu non starai magicamente meglio sapendo il nome di un disagio che ti affligge.
Continua invece, come tu stesso saggiamente hai iniziato a fare, a vivere il mondo, a frequentarlo, anche se ti mette ansia, anche se ti spaventa. Non dare ascolto alla voce interiore che ti vorrebbe segregato in casa perché, come hai sperimentato, il più delle volte ti sei preoccupato di cose che non sono mai successe.
Fidati dela parte migliore di te e affronta i tuoi limiti ... affrontati.
Un buon percorso psicologico e tecniche di rilassamento e immaginative (che ti possano fare immaginare in anticipo situazioni stressogene per meglio gestirle) possono davvero fare al caso tuo.

cari saluti
Dott. Alessandro Pedrazzi

Alessandro Pedrazzi Psicologo a Milano

54 Risposte

48 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 MAG 2015

Gentile Davide,
il disagio che lei descrive la porta a non sentirsi tranquillo in ciò che fa quotidianamente. Queste difficoltà possono essere affrontate attraverso un percorso psicoterapeutico che l'aiuti a continuare nell'uscire di casa e vivere al meglio quanto la vita le offre. L' ansia ed il panico di cui parla, si rinnovano ogni giorno, ma aumentando la sua autostima e la motivazione nell'affrontare il suo malessere, potrà gestire al meglio i suoi progetti lavorativi futuri.
Cordialità
Dr. Patrizia Perantoni

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

6 MAG 2015

Caro Davide
dopo aver verificato che non si tratta di un disturbo fisico ma, appunto, legato ad uno stato ansioso, quello che è opportuno fare è: quello che già hai iniziato a fare e cioè affrontare il problema.
Qui ti faccio i complimenti per aver trovato la forza e la lucidità per uscire di case e "metterti nel mondo" seppure non sentendoti pienamente in forma.
Ora devi andare avanti in questo percorso anche facendoti aiutare da un bravo psicoterapeuta che ti insegni le tecniche giuste di "fronteggiamento" dell'ansia e magari una tecnica di rilassamento che sia anche riequilibratrice del sistema neurovegetativo (il cui squilibrio ha larga parte nei sintomi che descrivi).
Il Trainig Autogeno, a mio parere, andrebbe benissimo e tui sarebbe molto utile anche una volta che tu fossi insegnante.
Se ti servono ulteriori informazioni sono a disposizione per dartele.
Un caro saluto
Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicoterapeuta in Ravenna

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6941 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 MAG 2015

Carisimo Davide
Direi che le difficoltà che descrive . sono da ricondurre all' ansia che lei prova ogni volta che si trova ad ottemperare alle sue attività lavorative.
I sintomi che lei descrive possono essere affrontati e lentamene risolti.
Ci sono delle tecniche specifiche finalizzate al monitoraggio dell'ansia anche nelle sue manifestazioni fisiopsicologiche e tecniche di rilassamento come il Training Autogeno.E' chiaro che tali tecniche sono efficaci all'interno di un rapporto psicoterapico dove lei potrebbe essere aiutato a scoprire anche i motivi profondi del suo disagio.Dott.ssa Milena Angeli Padova

Dott.ssa Milena Angeli Psicologo a Padova

67 Risposte

38 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

5 MAG 2015

I disturbi descritti, sembrano essere disturbi d'ansia, e sono molto più comuni di quanto si possa pensare. Di solito hanno cause che in terapia è facile identificare ed affrontare. Si usano tecniche specifiche per ridurli e per eliminarli. Contatti uno psicoterapeuta, l'aiuterà ad affrontare la vita e le situazioni al meglio. Dott.ssa Anna Patrizia Guarino.

Dott.ssa Anna Patrizia Guarino Psicologo a Ardea

197 Risposte

252 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 MAG 2015

Gentile Davide,
i sintomi che lei descrive potrebbero essere riconducibili alla sfera dei disturbi d'ansia ma è necessario un approfondimento psicodiagnostico per poterlo affermare con certezza. Solo alla luce di un approfondimento sarà poi possibile fornire indicazioni in merito a come intervenire e muoversi.
I sintomi ansiosi così come tutti i sintomi psicologici sono manifestazione di un disagio o sofferenza che può avere molteplici forme. è necessario nel suo caso capire quale sia il significato peculiare di questi sintomi. Per cui è necessario procedere in modo attento approfondendo il sintomo, la sua genesi, le sue conseguenze, come si è inserito nel suo funzionamento generale... Solo contestualizzandolo, capendolo sarà possibile depotenzialo.
Cordiali saluti

Dott.ssa Stefania Valagussa Psicologo a Concorezzo

251 Risposte

1034 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

4 MAG 2015

Gentile Davide,
dopo aver consultato un medico che confermi la diagnosi di disturbo d'ansia, dovrebbe consultare uno psicologo psicoterapeuta per una terapia psicologica. Disturbi come il suo dovrebbero abbastanza facilmente recedere o per lo meno attenuarsi di molto.
Le Terapie Brevi sono molto efficaci contro i disturbi d'ansia; può trovare maggiori spiegazioni sule cause e la terapia leggendo un paio di articoli sugli attacchi di panico sul mio sito professionale. Infatti cause e rimedi per l'ansia più diffusa e per gli attacchi di panico sono simili. Cordiali saluti

Valentina Sciubba Psicologo a Roma

1054 Risposte

718 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Ansia

Vedere più psicologi specializzati in Ansia

Altre domande su Ansia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 22900 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 16550

psicologi

domande 22900

domande

Risposte 84200

Risposte