Crisi di coppia o depressione?

Inviata da Marianna · 25 lug 2018 Terapia di coppia

anni entrambi, sposati da tre mesi, bambina di 14 mesi. prima della nascita della.bambina era tutto fantastico,amore, fiducia e collaborazione.lui comunque aveva preso antidepressivi fino a gennaio 2016., lì assumeva da due anni con rare sedute.dopo la mascita della bimba il tracollo.lui non dorme più, sempre stanco, assente da casa, trascura lavoro e amici, litiga con tutti, il mondo è un complotto per fare del male a lui, rifiuta aiuto e consigli.Non accetta la parola aiuto.È geloso del mio ruolo di madre e soffre per non aver allattato la figlia(purtroppo dal capezzolo di papà non c'è il latte, solo da quello di mamma, peccato), non condivide la gioia di stare tutti e tre insieme ma vuole stare sempre solo con lei o con me senza lei.si sveglia al mattino stanco, sempre senza energia, un piccolo problema diventa gigante e motivo di discussione.dice cattiverie molto pesanti e poi le nega.poi la sera ti ama alla follia.Non si fida di nessuno, lui è il migliore, gli altri sbagliano,soprattutto io, che sono diventata inetta a fare ogni cosa.vuole sempre mangiare pasta bianca perché dice di non digerire, si sveglia presto al mattino con il mal di testa.umore sempre nero.nessuna voglia di uscire.sempre e solo critiche quando rientra a casa, nei miei confronti e per tutti. Istinto di madre per lui non esiste, se nostra figlia ha un problema l'unica solituzione è chiamare il pediatra (per il sedere rosso!!) , il pediatra privato di quando lui era bambino!!!Ho proposto terapia di coppia pensando che il problema potrei essere davvero io ma la rifiuta dicendo che non crede in queste cose. Non so come fare perché quest'uomo non è l'uomo che ho conosciuto, pieno di vita, allegro, positivo e amante della vita. Da febbraio c'è stato il tracollo. Mi ha anche accusato di averlo costretto a fare un figlio e di averlo incastrato (purtroppo il primo figlio lo abbiamo perso) e di averlo raggirato per farmi sposare. Poi dopo due giorni mi abbraccia e dice di amarmi. Io non ce la faccio più....in casa la situazione è pesante perché se parlo e dico la cosa che lui in quel momento non vuole sentire sono urla e agitazione. Mi sono allontanata qualche giorno con la bambina per riposare il cervello, mi ha accusata di essere sempre in giro a divertirmi.Premetto che sto con mia figlia tutto il giorno senza baby sitter, senza nonni e senza lui che mi aiuti da quando è nata.inoltre quando ho chiesto di allontanarmi qualche giorno mi ha detto che mi denunciava per sequestro della bambina. Poi la sera era di nuovo baci e abbracci. Sono confusa e stanca.e adesso si rifiuta di andare a lavoro. Se sono io il problema ok, lo accetto, va bene se non mi ama più, ma vorrei che non ne pagasse il prezzo nostra figlia.lei sente tanto nervosismo, il mio dolore e io mi sto esaurendo. Come posso convincerlo ad andare insieme in terapia anche solo per un allontanamento soft? Può essere la depressione???

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 26 LUG 2018

Gentile Marianna,

in effetti ci sono dei preoccupanti campanelli di allarme. Temo che in questo caso, anche se ovviamente il tutto si riflette sualla vita di coppia e familiare, suo marito abbia bisogno anzitutto di un aiuto individuale. Faccia tutti gli sforzi possibili per convincerlo a tornare in terapia da chi lo seguiva precedentemente sia dal punto di vista farmacologico che psicologico. Parli della situazione anche con il suo medico d base che forse può tentare di aiutarvi.

Cordialmente,

Dott.ssa Silvia Picazio

Dott.ssa Silvia Picazio Psicologo a Roma

343 Risposte

123 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 LUG 2018

Salve Marianna,
Da ciò che lei scrive emerge una forte sofferenza per la situazione pesante che lei sta vivendo.
Mi pare di capire che suo marito non faccia più uso di antidepressivi.....e che da allora il suo comportamento sia molto cambiato.....
Lei ha descritto una situazione familiare molto complicata e difficile da affrontare.
Credo che più che un problema di coppia....la vostra situazione sia dovuta ad un problema personale di suo marito....il quale finché assumeva psicofarmaci aveva un comportamento normale. È possibile, ma non è certo, che se lui tornasse ad assumere l'antidepressivo....anche il suo comportamento migliorerebbe alquanto.
Che suo marito abbia bisogno di aiuto, sia psicologico che farmacologico, per me è fuor di dubbio cara Marianna.
Le suggerisco di usufruire di un sostegno psicologico per lei stessa per poter meglio affrontare la situazione che sta vivendo e per poter ricevere suggerimenti su come può aiutare suo marito a "tornare ad essere la persona di prima.
Un caro saluto.
Dott Betti Giuseppe

Dott. Giuseppe Betti Psicologo a Bologna

85 Risposte

36 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24850

domande

Risposte 88400

Risposte