crisi di coppia in gravidanza

Inviata da claudia ardau. 8 feb 2018 1 Risposta  · Terapia di coppia

Buongiorno,
purtroppo la mia prima gravidanza non è stata l’idillio felice che immaginavo... sono sposata da quasi 4 anni, dopo 3 di fidanzamento, il mio bimbo ora ha 8 mesi e sono rimasta incinta dopo un anno quasi di tentativi ed una diagnosi -fortunatamente errata- di infertilità... mio marito ha cercato questo bambino forse più di me ma purtroppo, dopo un’iniziale gioia, al 4 mese di gravidanza è entrato in crisi: sosteneva che nulla lo rendesse più felice, che non sapeva più se mi amava, che io ero cambiata e che non si sentiva in nessun modo felice.. io lavoravo e viaggiavo tutti i giorni -100 km- e per me è iniziata l’insonnia , il panico per la salute del mio bambino visto tutto quello stress, la paura di mettere al mondo un bimbo condannato a non avere una famiglia unita, il terrore di stare da sola.. infinite notti di pianti e una vita davvero terribile..liti su liti perchè io desideravo solo parlare,, affrontare il problema, trovare delle soluzioni.. chiedevo perdono per motivi che io stessa non capivo.. sostenevo di poter cambiare senza che mi si dicesse dove avevo sbagliato.. le sue motivazioni sono sempre state generiche e un po’ fumose.. ho cercato l’aiuto di una psciologa ma all’unico appuntamento a cui sono riuscita a portarlo ha fatto una scenata dicendo che eravamo d’accordo per chissà cosa... io non ricordo il giorno della nascita nascita di mio figlio come il più bello della mia vita.. ero così preoccupata per lui...amo il mio bambino sopra ogni cosa ed è solo per lui che mi faccio forza tutti i giorni.. ma il parto è stato un incubo e sono stata sgridata per averci messo troppo e aver urlato..dopo la nascita sono stata trattata male.. non un sostegno, non un supporto pratico.. dopo 10 giorni lui ha fatto andare via mia madre dicendo che era invadente e io sono rimasta completamente sola con il mio bambino (abito purtroppo molto distante dalla mia famiglia e dagli amici).. sono inspiegabilmente riuscita a mantenere un equilibrio mentale solo grazie al mio bimbo.. ma è stato orribile.. dall’inizio della sua crisi mio marito non mi ha mai cercato al livello fisico e dopo il parto mi sono sentita un mostro completamente inadeguato..tutto’ora faccio fatica a spogliarmi anche davanti allo specchio.. ultimamente lui cerca di riavvicinarsi ma io sono come andata via dal nostro matrimonio.. non so se sia un meccanismo di auto protezione ma può fare e dire quello che vuole ma a me non cambia assolutamente niente..mi si è spezzato il cuore e non provo assolutamente più nulla ma non solo per lui.. verso tutto e tutti.. certo giorni faccio molta fatica a connettermi anche con il mio bambino e mi viene il dubbio di non amarlo..(che per fortuna di fondo so che non sia assolutamente così!). mi rendo conto che traspaia la descrizione di un mostro ma io sono sicura che lui non lo era...è sempre stata una persona con delle difficoltà.. è molto timido e insicuro,ha una madre prevaricante è davvero invadente che ha sempre frugato nella sua vita, ha pochi amici con i quali esce ma non si apre mai al livello intimo. anche con me posso dire che non si sia mai completamente aperto ma il suo amore era
sincero di questo sono certa e io ero felice con lui.. gli ho sempre perdonato tante mancanze e tante leggerezze priorio conoscendo il suo carattere introverso e le sue debolezze.. ma anche al livello fisico non sono mai stata appagata.. lui non ha molto interesse per l’intimita e se non chiramente invitato possono passare settimane senza nessun approccio. posso avere completamente sbagliato nell’interpretare un anno persona che in realtà era tutta un’altra
cosa? mi chiedo e vi chiedo: cosa devo fare? devo andarmene? devo restare senza alcun sentimento? devo sopportare e cercare di farmela piacere? ovviamente in tutto questo al primo posto deve esserci solo il benessere del mio bambino...

amici , amore , crisi

Miglior risposta

Cara Claudia, arriva tutto il dolore per come ha vissuto la sua gravidanza, e per quello che continua a vivere adeso. Il periodo della gravidanza e del parto dovrebbe essere il piû sereno possibile per la futura mamma, e invece pare che lei non abbia sentito il calore e il supporto di suo marito. Anche adesso sembra che per proteggersi si sia come "distaccata", ma alla lunga questo puó essere solo deleterio...vuole fare il bene per suo figlio, ed ė assolutamente un suo diritto e dovere: sarebbe, allora, il caso di trovare un suo spazio di sfogo ed elaborazione in psicoterapia per riscoprire tutte le risorse che ha dentro per affrontare questa situazione. Un grosso augurio di cuore per lei, suo figlio e la sua famiglia,
Dott.ssa Daniela Cannistrâ.

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Domande simili:

Vedi tutte le domande
Pesante crisi di coppia mentre sono incinta

2 Risposte, Ultima risposta il 26 Maggio 2018

crisi di coppia o personale?

7 Risposte, Ultima risposta il 27 Gennaio 2014

Crisi di coppia...lui infatuato di un'altra

8 Risposte, Ultima risposta il 22 Ottobre 2015

Ansia e crisi di coppia

2 Risposte, Ultima risposta il 04 Aprile 2018

Crisi di coppia

10 Risposte, Ultima risposta il 31 Ottobre 2015

Coppia crisi

7 Risposte, Ultima risposta il 24 Ottobre 2015

Crisi di coppia dopo anni dalla nascita di un figlio

4 Risposte, Ultima risposta il 05 Luglio 2017

Crisi di coppia per carattere accondiscendente

6 Risposte, Ultima risposta il 09 Novembre 2017

Crisi nel rapporto di coppia

3 Risposte, Ultima risposta il 22 Agosto 2018