Credo di essere affetta dalla sindrome della crocerossina. Come uscirne?

Inviata da Marika il 16 ott 2014 Terapia di coppia

Questa voglia incessante di fare del bene al mio partner, di curarlo e anche di cambiarlo, talvolta mi fa dimenticare che ci sono anche io nella coppia! Ho sempre scelto come partners persone problematiche, con passati travagliati o situazioni famigliari difficili alle spalle. Persone che si sfogavano in vizi potenzialmente pericolosi per offuscare la loro realtà conflittuale. Io stando con loro non pensavo solo di aiutarli, bensì di cambiarli e farli diventare persone migliori. Ahimè fino ad ora si sono rivelati tutti dei fallimenti: una persona che non ha voglia di cambiare, non cambia per qualcun'altro. Nella mia prossima relazione cerco un uomo "normale", cosa posso fare? Come mai tendo ad avvicinarmi a personalità fragili, deboli e bisognose di aiuto? Come ne posso uscire nella prossima relazione affettiva?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Gentile Sandra,
potrebbe (il condizionale è d'obbligo in assenza di diagnosi certa) essere un pattern comportamentale associato a problematiche di personalità che vanno analizzate individuate e ovviamente risolte tramite percorso terapeutico mirato e personalizzato
dr paolo zucconi sessuologo clinico e psicoterapeuta comportamentale in Friuli Venezia Giulia

Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Psicologo a Udine

1087 Risposte

1551 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile lettrice,
la sana relazione di coppia è quella in cui c'è un discreto equilibrio tra il dare e l'avere cioè una discreta reciprocità, sebbene sia molto difficile, se non impossibile, che si realizzi un equilibrio perfetto.
Laddove invece c'è uno squilibrio forte, come è accaduto con una certa ripetitività nel suo caso, la relazione è destinata a logorarsi perchè la crocerossina non è una santa e si muove sull'onda di bisogni affettivi insoddisfatti che spera inconsciamente di poter soddisfare come risarcimento per il suo prodigarsi.
Il più delle volte però, questo non accade e subentra la crisi.
Lei quindi dovrebbe prendere consapevolezza di questi bisogni attraverso un percorso di psicoterapia in modo da potersi indirizzare verso una relazione che sia più paritaria e pertanto anche più stabile e gratificante.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Dott. Gennaro Fiore Psicologo a Quadrivio

6492 Risposte

18158 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Sandra,
il suo definirsi crocerossina potrebbe essere ricondotto ad una modalità di Salvatrice che lei adotta nelle relazioni e che ha imparato ad utilizzare fin dalla sua infanzia, che potrebbe essere ricondotto ad un funzionamento problematico di personalità.
Quello che le consiglio è di intraprendere un percorso psicoterapeutico in cui potrà sostenersi ed approfondire tale tematiche, dando senso e valore al suo comportamento. Poichè anche se tale comportamento può essere comune a diverse persone, i motivi sono unici e personali.
Cordiali Saluti
Dott.ssa Simona Gencarelli

Dott.ssa Simona Gencarelli Psicologo a Roma

7 Risposte

19 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Mi sembra che alcuni quesiti le sue storie affettive glieli stanno ponendo. Sindrome della crocerossina, dipendenza affettiva, sono modalità di relazioni che sottendono giochi psicologici distruttivi per entrambi i partner. Le consiglio di interrompere tale circolo vizioso con l'aiuto di una psicoterapia, o individuale o di gruppo. Buone cose Dottssa Rosanna Tartarelli

Dott.ssa Rosanna Tartarelli Psicologo a Lucca

113 Risposte

78 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Buongiorno Sandra
eccoci qua al tuo richiamo per poterti essere di qualche aiuto.
Prima cosa ti dico che mi sembra tu abbia inquadrato bene il problema col renderti conto che queste persone (con cui ti sei legata sentimentalmente) non sono cambiate.
Infatti le persone cambiano solo quando loro stesse lo decidono e ne sentono fortemente il bisogno.
Ahinoi, l'amore in queste relazioni qui, non cura e non risolve anzi offre appoggio a mantenere lo stato di cose quindi risulta poi irrisolvente e anche distruttivo per entrambe i partner.
Il perché una persona sia così propensa in amore a relazioni difficili e distruttive è causato da una bassa autostima per cui si da amore nel tentativo spesso inconscio di riceverlo e di essere accettata.
Il tuo lavoro Sandra deve essere su te stessa nell'accettarti, piacerti e considerarti degna di un uomo sano che ti ami.
Non devi salvare nessuno, solo crescere tu!
E' una bella notizia vero?
Un forte abbraccio
Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicoterapeuta in Ravenna

Dott.ssa Silvana Ceccucci Psicologo a Ravenna

3084 Risposte

6695 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Sandra,
per risponderti adeguatamente, mi servirebbe sapere cosa intendi per un 'uomo normale' e poi mi viene da pensare che comunque, la tua tendenza ad assumere il ruolo della crocerossina ti porta a fare all'altro qualcosa che probabilmente non hai ricevuto tu.
In ogni caso, una sana relazione di coppia, richiede che ognuno metta in discussione se stesso per soddisfare le richieste dell'altro in modo equilibrato. Nessuno può pretendere di cambiare l'altro, ma al contrario dare inizio ad un processo di cambiamento in prima persona, pena il fallimento del rapporto.
Credo che qualche proficua 'chiaccherata ' con un/a Collega della tua zona, potrebbe esserti utile per un tuo cambiamento di prospettiva. Un cordiale saluto
Dottssa Carla Panno
psicologa-psicoterapeuta

Dott.ssa Carla Panno Psicologo a Milano

1057 Risposte

615 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Sandra,
sono certa che potresti rispondere alla tua domanda "come mai tendo ad avvicinarmi a personalità fragili etc" proprio attraverso un percorso di autoesplorazione. Le risposte, sono dentro di noi e solo noi, appunto, possiamo rintracciarle e dircele. Questo è possibile attraverso un'approfondimento delle dinamiche relazionali che tendiamo ad instaurare con l'altro da sé che potresti affrontare nella situazione e nel contesto giusto, con un professionista.
Non c'è niente di male, di per sé, nel sentirsi ben predisposti verso gli altri e a ricoprire certi ruoli nella coppia finché ciò non arriva a creare disagio alla persona, come sembra succedere nel tuo caso.
Ti auguro di trovare il percorso migliore da seguire,
cordiali saluti
Dott.ssa Panerai

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Salve Sandra,
penso che consultare di persona un terapeuta sia la strada più idonea per comprendere meglio i suoi vissuti all’interno dei rapporti affettivi e le potenziali cause (solitamente ravvisabili nei primi rapporti con altri significativi, cioè la famiglia di origine o i primi contatti sociali) e così anche per poterne uscire.
Quello che riporta sembra essere uno schema ripetitivo che tende a presentarsi con una certa costanza nelle sue relazioni. La stessa cosa succede anche con le altre persone a cui tiene (amici, parenti, colleghi..)? Ognuno di noi nella vita può cadere “vittima” di qualche schema, e in terapia cognitivo comportamentale è stata sviluppata recentemente una nuova modalità di trattamento, la Schema Therapy, mirata a comprendere e superare quelle che vengono definite trappole di vita, tra cui rientra anche quella dell’autosacrificio/sottomissione.. molto simile al comportamento da “crocerossina” che riporta nelle sue parole.
A disposizione per ulteriori informazioni,
Dott.ssa Chiara Francesconi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15300

psicologi

domande 19750

domande

Risposte 77350

Risposte