Costruire un rapporto col padre di mia figlia

Inviata da Nina · 3 lug 2020

Salve,
Negli ultimi giorni sto cercando di recuperare i contatti col padre di mia figlia che vive dall'altra parte del mondo, in America, perché lei stessa che ha quasi 4 anni mi ha chiesto perché non avesse un papà. Durante questi anni non si è mai fatto vivo però adesso sembra essere interessato a fare qualcosa di concreto. Io ho un po' paura che ci deludi di nuovo, inoltre lei non avrà mai la possibilità di vederlo da vicino almeno per il momento.. ne vale davvero la pena di quello che sto facendo?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 3 LUG 2020

Cara Nina
I genitori sono figure molto importanti, che aiutano le persone a costruire un senso di appartenenza. È importante quello che lei sta facendo, perché sebbene il padre della bimba non sia presente e costante, lei ha il dovere di coinvolgerlo anche così nella vostra vita.. la bambina avrà modo di costruirsi una rappresentazione del papà e in seguito, crescendo, farà le sue valutazioni, elaborando il tipo di legame da conservare con lui. Non deve pensare di risparmiarle un dolore non parlandogli del papà, perché l’assenza di una figura paterna anche a livello immaginativo può comunque produrre disagio.. le frustrazioni, il dolore, sono condizioni inevitabili e bisogna imparare a prendersene carico, ma ciò non può accadere se non consentiamo ai nostri figli di viverle, pensando magari di proteggerli.
Cordialmente,
Dott.ssa Comi

Dott.ssa Gabriella Comi Psicologo a Reggio Calabria

83 Risposte

29 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 LUG 2020

Buonasera signora Nina,
se ha sentito di voler provare a stabilire un nuovo contatto col padre della bambina, credo che abbia fatto bene a farlo. Per sua figlia è importante sentirsi cercata ed amata dal papà, anche se lontano. La preoccupazione di essere deluse è comprensibile e va presa in considerazione la possibilità che questo possa accadere. Dare a sua figlia l'opportunità di dare un volto ed una voce al papà, però, è molto importante e credo valga la pena di correre questo rischio. A maggior ragione se è proprio la bambina a chiedere e mostrare curiosità verso la figura paterna. Può aiutarla parlando con lei del papà, ascoltandola e rispondendo alle domande che probabilmente le farà su di lui, sul perché sia lontano, etc.
Se poi dovesse sentire il bisogno di farsi sostenere in questo momento delicato, può rivolgersi ad uno specialista che la aiuti ad orientarsi e con il quale abbia la possibilità di condividere dubbi e difficoltà.

Cordiali saluti,
Dott.ssa Fabiana Salis

Dott.ssa Fabiana Salis Psicologo a Selargius

6 Risposte

3 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27300 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17850

psicologi

domande 27300

domande

Risposte 94200

Risposte