Cosa vuol dire “affrontare” e come?

Inviata da Francesca · 12 mar 2019

Salve ho 20 anni e mi porto dietro una situazione complessa o meglio per me complessa dato che sono anni che non riesco ad uscirne.
Mi ricordo che in quarto superiore partecipavo ad un gruppo di ascolto, durato purtroppo poche sedute. Parlavo dei meiei traumi infantili, del fatto che ho avuto gravi carenze di affetto da parte dei miei genitori che non si sono mai occupati di me e non solo. Soffrivo per la situazione instabile familiare e ho iniziato a sviluppare una dipendenza dal cibo per sfogare le mie frustrazioni. Così come un circolo vizioso sono iniziate le prime prese in giro a scuola fino ai primi anni delle superiori, che hanno annientato la mia autostima. Ancora oggi soffro di questa situazione, che mi limita nei contesti sociali, non riesco a combatterla, continuo a negarmi tante opportunità anche con i miei stessi amici. La cosa peggiore è che ho chiesto aiuto alla mia famiglia, ho lanciato segnali anni fa e anche mesi addietro cercando di far capire che l’instabilità familiare, il sopportare l’egoismo dei miei genitori, la mia dipendenza e l’obesità sono troppo per me. Ma secondo loro, non sono problemi gravi.
Da tempo mi sono dedicata alla lettura di qualche libro filosofico in cerca di una strada, di una soluzione che ancora non sono riuscita a trovare. Ho sempre lasciato che il tempo sistemasse le cose, convincendomi di essere una persona forte e di aver superato ormai. Non si supera un bel niente se ribiobi ogni volta nel caos. Ma non ho il coraggio, non ho il coraggio di rivolgermi ad uno specialista e ne la forza economica. E sinceramente ho poca fiducia perché visto i consigli che mi sono stati dati al gruppo di ascolto inutile, come posso provare a capire che davvero qualcuno potrebbe aiutarmi?
Ma sono stanca di queste barriere che condizionano il mio modo di essere, la mia vita e il mio futuro. Se non mi prendo cura di me stessa nessuno lo farò e io continuò a riversare sugli altri le mie sofferenza portandomi questo vuoto dentro che non colmerò mai.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 12 MAR 2019

Dolcissima Francesca, capisco la sua sofferenza e le sono vicina. Purtroppo non posso fare altro che consigliarle di intraprendere un percorso psicoterapeutico ed affrontare i traumi dolorosi che sono alla base della sua sofferenza. E' importante che lei sappia che le tematiche dolorose vengono affrontate gradualmente, nel rispetto dei tempi del paziente, dopo che si è instaurato un rapporto di fiducia e senza alcun giudizio da parte del terapeuta, a prescindere dall' orientamento. Dice che i suoi familiari non comprendono l suo disagio, io proprio per questo motivo le consiglierei un approccio sistemico relazionale che si basa proprio sulle dinamiche relazionali all'interno del contesto familiare. Scrive che In passato ha consultato un gruppo di ascolto che non le ha dato i risultati sperati; ciò deriva dal fatto che è necessario scegliere il percorso psicoterapeutico più adeguato alle problematiche personali. Spero di esserle stata di qualche aiuto e spero di averle trasmesso fiducia nella psicologia e nel lavoro dei professionisti. Il fatto di aver scritto è già un primo passo per cominciare a prendersi cura di sé e a volersi bene. Tantissimi auguri cara.

Dottoressa Noccioli Daniela Psicologo a Cascina

140 Risposte

73 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24800 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17250

psicologi

domande 24800

domande

Risposte 88250

Risposte