Cosa posso fare con mio figlio di 7 anni?

Inviata da Lindamas · 20 nov 2020

Salve, non avrei mai pensato di ritrovarmi a condividere la mia esperienza su un forum, ma i dubbi che ho sono troppo grandi e non so come comportarmi. Ho 28 anni e un figlio di 7. Sono una sorta di "ragazza madre", con il padre del bambino ci siamo lasciati quando aveva solo 1 anno e mezzo. Lui di origini sud americane e cresciuto senza famiglia, non è mai stato in grado di prendersi neanche una responsabilità, vede il figlio con poca costanza (a volte non si vedono per settimane )e il tempo che gli dedica manca sia di quantità che di qualità, visto che quando gli capita di starci lo lascia con la TV o i videogiochi, mentre lui si fa gli affari propri. In poche parole non hanno un rapporto padre e figlio. Io dall'altra parte ho quasi annullato ogni mio bisogno per poter lavorare e stare dietro al bambino. Facendo la cameriera da 3 anni e mezzo, la sera per 3 volte a settimana lo lasciavo dai miei, perciò mia madre mi sta aiutando a crescerlo, ma so che non lo fa nel modo giusto perché lo vizia eccessivamente. Tutto questo ha reso mio figlio un bambino particolarmente sensibile, che vede in me e mia madre l'unico punto solido della sua vita e rimane distaccato dal mondo maschile (il padre incapace, il nonno che non sa dimostrare amore e mio fratello,perciò suo zio che è un uomo severo e lo riprende in continuazione). Da quando aveva 3 anni ha iniziato a scegliere giochi e cartoni femminili, pensavo fosse attratto dai colori più accattivanti e invece mi ritrovo che ne ha 7 e ancora mostra queste preferenze, a volte vedendo una pubblicità di una "Barbie " dice " che schifo " perché pensa di farmi contenta ma io so che lui la desidera, come desidera serie TV femminili e spesso balla e parla come una femmina. Il " colpo di grazia" l ho avuto oggi quando ho visto che nel telefono che usiamo per la Wifi a casa , dove lui ha scaricato diversi giochi, vi erano 2 giochi omosessuali (uno per femmine e uno per maschi) e un altro gioco erotico. Quando lui mi ha visto che ero lo è scoppiato in un pianto disperato e mi ha fatto un un'infinita tenerezza , io non sapevo cosa dire , sono riuscita solo a dirgli che devo controllare quello che fa perché nel web ci sono molti rischi e che se ha dei dubbi io sono qui per aiutarlo e mai per giudicarlo. Lui piangeva E mi abbracciava mortificato ma non ha voluto dire niente apparte "non lo so" che ripeteva in continuazione. Cosa posso fare ? Aiutatemi...

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 21 NOV 2020

Gentile utente, parlando del padre di suo figlio emerge in maniera chiara una forte svalutazione e una grande sfiducia nei suoi confronti. Le consiglio di stare molta attenta a non trasferire al suo bambino gli stessi suoi giudizi e le stesse sue emozioni nei confronti del padre. Ciò sarebbe molto pericoloso e sicuramente dannoso per il bambino. Piuttosto, dal momento che suo figlio un padre ce l'ha, cercherei di favorire gli incontri tra di loro, cercando di coinvolgere il padre nelle questioni che riguardano il bambino. Relativamente alla questione dei giochi, non mi pronuncio perché non ho proprio capito cosa intendesse dire; quello che è certo è che lei, signora cara, ha bisogno dell'aiuto di un professionista. Dalle sue parole emerge molta confusione, disinformazione, e aggiungerei scarsa consapevolezza. Comprendo la difficoltà della situazione, ma proprio per questo è necessario non fare passi falsi e rivolgersi alle persone giuste per il bene suo e soprattutto del suo bambino. Resto, molto volentieri, a disposizione per consigli e informazioni. Cordiali saluti.

Dottoressa Daniela Noccioli Psicologo a Cascina

275 Risposte

136 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 NOV 2020

Cara Lindamas,
Vorrei distinguere i due problemi che lei qui riporta, mi sembra, sulla stessa linea.
Il primo è la possibilità che suo figlio, data la sua esperienza di vita, possa aver sviluppato una sensibilità e un gusto più tipicamente femminile. Questo avvenimento è problematico ora, nella misura in cui suscita una difficoltà tra di voi e va affrontato in questo senso, approfondendo il vissuto di vergogna che ha lui in relazione anche a quello che ha lei.
L'altro, ben più preoccupante è l'avvicinamento a "giochi omosessuali" di tipo erotico se ho capito bene. Ha risposto molto bene mostrandosi accogliente e protettiva, dando un senso di pericolosità che il bambino potrebbe non avere.
Io le consiglio di chiedere un assistenza psicologica soprattutto per non rischiare che la vergogna che suo figlio prova per i suoi impulsi sessuali, lo porti a cercare una soddisfazione pericolosa.
Io non so se sarà possibile dare a suo figlio una figura maschile sufficientemente integrata, ma so che lei come madre, può essere abbastanza accudente per accompagnarlo verso uno sviluppo funzionale anche se con delle caratteristiche particolari.
La cosa più importante è il vostro benessere e potete trovarlo con gli strumenti che avete, se correttamente supportati.

Le auguro un buon riavvicinamento


Dr.ssa
Michaela Mortera

Dr.ssa Michaela Mortera Psicologo a Civitanova Marche

42 Risposte

20 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 NOV 2020

Salve Linda, cerchi di empatizzare con suo figlio e portare la vostra comunicazione il più possibile sul piano emotivo, perché ho la sensazione che suo figlio per non deluderla, come tutti gli uomini della sua vita forse hanno già fatto, rischi di allontanarsi da se stesso. Se poi riesce a farlo lavori su di lei per migliorare la sua immagine interna della figura maschile e allora forse suo figlio si darà il permesso di diventare uomo!

Dott. Stefano Lasagna Psicologo a Forlì

13 Risposte

1 voto positivo

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 NOV 2020

Salve, mi spiace molto per il disagio e la situazione espressa. Immagino quanto possa essere difficile portare avanti da sola questa situazione e districarsi tra vari impegni. Sarebbe possibile in qualche modo avere un dialogo con il padre al fine di esporgli queste problematiche, pensieri e stati d’animo connessi? Credo che suo figlio abbia bisogno di un riferimento maschile, probabilmente il papà Potrebbe percepirsi non perfettamente capace nell’accudire un figlio per cui si ritira dalla relazione. si ricordi sempre che prima di essere padri si è stati figli per cui Sarebbe opportuno indagare che rapporto avuto lui stesso con i suoi genitori. Ritengo comunque importante intraprendere un percorso psicologico sia per lei che per il bambino al fine di indagare pensieri, vissuti e stati d’animo connessi a questa situazione.
Per quanto riguarda i nonni, loro agiscono sempre per il bene del figlio soprattutto considerando la situazione non facile che viene questo bambino: bisogna però che voi troviate un accordo in quanto è necessario per il bambino sia evitare di viziarlo troppo che avere delle modalità educative diverse ed incoerenti tra le varie figure di accudimento.
Cordialmente, dott FDL

Dott. Francesco Damiano Logiudice Psicologo a Roma

227 Risposte

106 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

21 NOV 2020

Carissima,
come ha precisato anche lei, suo figlio ha punti di riferimento unicamente femminili ed ha imparato, sulla sua "pelle", che delle figure maschili, per una serie di svariati motivi, non ci si può fidare.
Da quel che racconta, mi sembra che lei sia molto attenta a questi aspetti e penso che abbia gestito bene la questione dei giochi sul cellulare.
Le consiglio di rivolgersi ad un professionista che possa aiutare lui ad esprimere ciò che sente e lei a meglio comprendere i suoi messaggi non verbalizzati.
Resto a disposizione e le auguro il meglio!
Dott.ssa Federica Beglini

Dott.ssa Federica Beglini Psicologo a Milano

52 Risposte

27 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 28350 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18150

psicologi

domande 28350

domande

Risposte 97350

Risposte