Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Cosa posso fare? C'è una soluzione con la mia famiglia e il mio ragazzo?

Inviata da Ilaria198 il 8 mar 2017 Terapia familiare

Gent.ma Dottoressa, sono una studentessa di 24 anni. Da quasi 3 anni sto con un ragazzo di 26 anni, il mio "primo amore". Ci siamo trovati benissimo sin da subito, le cose andavano bene, dal punto di vista caratteriale andiamo molto d'accordo (a parte ovviamente qualche piccolo litigio, che reputo normale in una coppia) ed è entrato in casa sin da subito. Il mio problema è legato a due questioni, strettamente connesse l'una all'altra. Nella mia famiglia di origine, vige la regola (imposta da mio padre), di non poter fare "viaggi di nozze anticipati", come li definisce lui, e cioè io non posso fare viaggi da sola con il mio ragazzo, così come non posso rimanere mai a casa da sola con lui, le vacanze estive si fanno solo in comitiva cioè tutta la famiglia, la sera non si può rientrare mai troppo tardi e a volte rinuncio a delle feste in cui so che farei tardi per non andare contro queste sue regole. Premetto anche che mia sorella(29 anni) sta da 7 anni con il suo ragazzo, per il quale vigevano le stesse regole,e solo adesso per la prima volta andranno in viaggio da soli dopo 7 anni. Il problema è che da circa un mese, il mio ragazzo ha deciso di lasciarmi (per messaggio) non solo per tutte queste cose, che secondo lui non ci permettono di vivere appieno il nostro rapporto, ma anche perchè in 3 anni non abbiamo mai avuto rapporti intimi. Questo è stato dato dal fatto che io, parlando con lui, avevo espresso la volontà (seppur confusa), di voler aspettare il matrimonio per affrontare questo discorso, ragionando anche come una persona molto credente. Nel corso del tempo però, non nego di non aver mai avuto una certa attrazione nei suoi confronti, come credo sia normale, e dunque questo fatto, sommato anche al fatto che io frequento una facoltà dura, per cui prima di altri 3 anni non credo di sistemarmi, mi ha portato ad essere confusa riguardo alla mia scelta. Quanto dovrò aspettare? E se nel frattempo lui si stufa di me? Vale la pena aspettare tutto questo tempo? Queste sono le domande che mi ripeto. Quando il mio ragazzo mi ha mandato il messaggio per lasciarmi, sono rimasta malissimo, perchè con lui di queste cose ne avevo parlato, ma non credevo che si ingigantissero a tal punto. Per un mese e tutt'ora facciamo tira e molla, lui vorrebbe fare dei viaggi con me "per avere dei ricordi che riguardano solo noi due", e vorrebbe anche affrontare con me l'argomento sesso, perchè lui dice di amarmi e di voler condividere con me anche questo aspetto di coppia. Nel caso in cui questi aspetti venissero a mancare, lui sarebbe disposto a "farsi da parte". A tutto ciò si aggiunge il fatto che i miei genitori si sono offesi del comportamento che lui ha avuto nei miei confronti, e in più del fatto che lui non li abbia più cercati nel momento in cui ci siamo lasciati. Mio padre dice che per avanzare certe proposte (i viaggi), bisogna avere anche pazienza, e che non gli è piaciuto come mi ha trattata, per cui io sono libera di frequentarlo, ma fuori da casa, perchè lui lo ha accolto come un figlio e dopo questo comportamento ha perso ogni credibilità. Io adesso sono molto confusa: da una parte ho i miei genitori, che secondo me esagerano tutta la questione, cioè ammetto anche io che non si è comportato bene con me, perchè mi ha lasciato per messaggio e non ci siamo più visti ne sentiti per un mese (lui fa il militare ed è dovuto partire per un mese), in più non mi piace questo suo tira e molla continuo..non si capisce, stiamo insieme oppure no, lui ha dubbi, vuole delle risposte da me in merito a quegli argomenti, risposte che attualmente io non riesco a dare. Per i viaggi, dopo questa sua "sparata" non credo che mio padre mi lasci andare come se nulla fosse, tanto è vero che me lo ha detto, ai suoi occhi ha perso molti punti e la sua fiducia. Per il discorso rapporti intimi, dal momento che mi viene fatta una continua pressione da circa due mesi, io adesso, su comando non riesco a sciogliermi e qualunque tipo di "entuasiasmo"/voglia mi cala nel momento in cui lui continua a ripetermelo. Io credo che il mio ragazzo abbia sbagliato su tutta la linea, abbia affrontato male la questione, e adesso sono sfiduciata che le cose possano tornare meglio di prima, perchè i miei genitori sono arrabbiati con lui. Sono in totale confusione..io lo amo, ma tutto questo contorno non mi piace, seppure quando ci siamo visti per "chiarire" qualche giorno fa, ci siamo lasciati andare e ci siamo baciati nuovamente. Come posso fare? Chiedo aiuto.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Carissima,
lei è fra l'incudine di un padre padrone e il martello delle sue incertezze riguardo ai rapporti intimi. Le consiglio uno psicologo per essere supportata e fare chiarezza dentro di sé.

Angelo Feggi

Dott. Angelo Feggi Psicologo a Genova

474 Risposte

712 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Ilaria, 24 anni con tre anni di fidanzamento con un ragazzo che i tuoi conoscono e nessuna libertà, mi sembra veramente una situazione da medioevo. In ogni caso, al di là delle considerazioni oggettive, in questo modo il vostro rapporto non può crescere e non vi potete conoscere bene. Rischieresti, dopo il matrimonio, di trovarti accanto una persona che non è quella che pensavi! Sta a te decidere se continuare con le imposizioni di tuo padre o prendere in mano la tua vita e pensare al tuo futuro! Ti consiglierei qualche seduta con uno psicologo! Auguri dr. Annalisa Lo Monaco

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia familiare

Vedere più psicologi specializzati in Terapia familiare

Altre domande su Terapia familiare

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 20050 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15450

psicologi

domande 20050

domande

Risposte 77800

Risposte