Cosa posso aiutarmi per sentirmi meglio con me stessa e meno a disagio

Inviata da latteandpizza · 19 ott 2020

Sono una ragazza di 25 anni, da quasi 8 anni mi sono trasferita all’estero dopo una brutta separazione dei miei genitori (mia madre e’ attualmente con me).
Non ho mai avuto un rapporto buono con mio padre e dopo il trasferimento ho deciso di tagliarlo completamente fuori dalla mia vita, non sapevo bene perché, ma pensavo interiormente che fosse la cosa giusta per me.
Dopo un po’ di tempo ho iniziato ad avere sogni strani, sogni dove mi sentivo a disagio ad avere i primi rapporti e mia madre cercava di confortarmi dicendomi che se avevo cosi paura, potevo chiedere a mio padre di aiutarmi.
Con i sogni, dopo un po’, mi sono iniziati a tornare in mente dei ricordi molto vaghi, non pensavo assolutamente di poter associare i ricordi con una persona, anche perché in questi miei ricordi non riuscivo mai a collocare un viso. Ci ho messo davvero tanto prima di arrivare a poter collocare un viso, non so bene come potermi spiegare con un messaggio, e’ difficile mettere tutto insieme.. comunque ho iniziato a capire di aver avuto un trauma da piccola che la mia mente ha deciso di tagliare fuori fino ad adesso. IN più mia madre e’ terribilmente ansiosa e ha sofferto in passato di depressione e trovo difficile parlare con lei di questi problemi perché pensa sia colpa sua.
In più mia madre ora si appoggia completamente a me e io mi sento impotente e pressata al non poter uscire di casa e vivere la mia vita.. mi accusa di essere sempre la vittima quando io non accuso nessuno e continua a ripetevi che non sono pronta a stare con nessuno e a vivere la mia vita in modo indipendente perché devo prima superare i miei traumi infantili.. so benissimo che devo intraprendere un percorso di analisi per cercare di capire come sto realmente e cercare di superare i miei traumi, ma come posso sentirmi meno oppressa in una casa dove mi sento ospite e vengo accusata di non essere pronta a vivere quando sento interiormente di esserlo... non so se mi sono spiegata bene.. cosa posso dire e fare per me stessa per sentirmi meno in colpa di lasciarla “sola” e iniziare a vivere la mia vita per stare bene davvero

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 19 OTT 2020

Gentilissima, certo, chiedere un aiuto psicologico L'aiuterà ad elaborare quanto vissuto, la Sua sofferenza, per mettere in atto una riparazione e raggiungere il benessere e l'armonia che merita nella Sua vita, nonostante tutto.
Rispetto a ciò che chiede, se Lei si sente pronta a "spiccare il volo", semplicemente deve trovare il modo di farlo. E' molto difficile svincolarsi dalla Sua mamma, considerato ciò che avete vissuto entrambe e ciò che state vivendo tutt'ora. Per questo motivo, l'aiuto psicologico sarebbe efficace anche per La Sua autonomizzazione e la Sua realizzazione personale.
Le auguro buona fortuna.
Dr.ssa Amanda D'Ambra.

Dr.ssa Amanda D'Ambra Psicologo a Torino

1305 Risposte

760 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 27300 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17850

psicologi

domande 27300

domande

Risposte 94200

Risposte