Cosa ha mia madre?

Inviata da franco matucci · 13 ott 2014 Psicologia degli anziani

Salve,vivo con mia madre da 10 anni, lei ha 82 anni,esami sangue perfetti,visita cardiologica tutto bene,ma da circa un anno in casa vede immagini che non esistono,persone, insetti sulle pareti e poi ha la mania che queste persone la derubino,ha incolpato persino me,la notte litiga con queste persone immaginarie,pero' cosa strana quando va da mia sorella che vive in un altra citta' è una persona normale,premetto che non riesco a portarla da uno psichiatra,non ne vuole sapere.

Saluti
Franco

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 14 OTT 2014

Egregio signore Franco Matucci,
gli esami organici tramite prelievo sangue sono perfetti. E gli esami clinici psicopatologici? Sono da fare da parte di un qualificato psicoterapeuta. Anticipatamente è lei, che avverte l'esigenza, che dovrebbe presentarsi presso l'ambulatorio dello psicoterapeuta per spiegare che cosa sta in modo che lo specialista sappia che cosa poter fare e quali passi iniziare per primi da parte sua
dr paolo zucconi sessuologo clinico e psicoterapeuta comportamentale a udine

Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Psicologo a Udine

1087 Risposte

1571 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 OTT 2014

Gentile Franco,
questi sintomi possono essere sintomo di una iniziale demenza senile o di una intossicazione da farmaci.
Se la mamma rifiuta di vedere uno psichiatra, data l'età è comunque opportuna una valutazione delle funzioni cognitive presso un neurologo, un geriatra o un neuropsicologo.
Cordiali saluti
Dott.ssa Negri

Anonimo-135928 Psicologo a Cologno Monzese

32 Risposte

21 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 OTT 2014

Salve Franco,
immagino il disagio che deve provare per questa situazione. Alle persone molto anziane può capitare di avere questo tipo di fenomeni. Occorre capire bene se sono dovuti ad una condizione psichiatrica o piuttosto ad una condizione medica di altro genere. Forse è il caso di contattare il medico di famiglia e di vedere cosa suggerisce lui chiedendo a sua madre di fidarsi di lei e del fatto che sta cercando di agire solo nell'interesse della sua salute.
Auguri.
dott.ssa Marzia Rogante

Dott.ssa Marzia Rogante Psicologo a Porto Sant'Elpidio

8 Risposte

33 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 OTT 2014

Caro Franco
non ti puoi arrendere tua mamma deve essere visitata da uno specialista psichiatra o terapeuta quanto prima. Devi trovare un modo per convincerla magari un consultorio con più figure professionali potrebbe essere meglio accettato...auguri Dott.sa Paola Madesani

Dott.sa Paola Madesani Psicologo a Brescia

82 Risposte

144 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 OTT 2014

Gentilissimo Franco,
ha provato a parlare col medico di base di sua madre? Provi a spiegargli quali sintomi ha riscontrato ultimamente in lei e faccia in modo che sia il medico a proporre a sua madre altri accertamenti. Oppure si confronti con sua sorella, magari potrebbe essere più facile per lei convincerla a sottoporsi ad altre visite.
Saluti,
Dott.ssa Cristina Pavia
Bologna

Dott.ssa Cristina Pavia Psicologo a Bologna

22 Risposte

31 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 OTT 2014

Caro Franco,
a mio avviso, tua madre ha bisogno di una visita neurologica e per questo puoi avvalerti della collaborazione del medico di base che la segue.
Muoviti in questo senso e se hai delle difficoltà ricontattami per cercare insieme con me la strategia più adeguata . Auguri
Dottssa Carla Panno
psicologa-psicoterapeuta

Dott.ssa Carla Panno Psicologo a Milano

1057 Risposte

654 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 OTT 2014

Caro Franco,
a mio avviso, tua madre ha bisogno di essere visitata da una visita neurologica e per questo puoi avvalerti della collaborazione del medico di base che la segue.
Muoviti in questo senso e se hai delle difficoltà ricontattami per cercare insieme con me la strategia più adeguata . Auguri
Dottssa Carla Panno
psicologa-psicoterapeuta

Dott.ssa Carla Panno Psicologo a Milano

1057 Risposte

654 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 OTT 2014

buongiorno Franco, le allucinazioni possono avere diverse cause, non sono necessariamente un sintomo psichiatrico; le consiglierei di parlarne con il medico di base che la può indirizzare verso uno specialista (magari un neurologo, un geriatra...); nel caso in cui venissero escluse tutte le cause organiche, si può pensare ad un intervento psicologico.

Dott.ssa Alessia Picco Psicologo a Giaveno

54 Risposte

125 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 OTT 2014

Gentile Franco, dalla sua mail riesco a percepire la preoccupazione nei confronti di ciò che sua madre sta vivendo.
Lei è figlio unico o, comunque, è l'unico a badare a sua madre? Ed inoltre, nell'ultimo anno è accaduto qualcosa nella sua vita o nella vita di sua madre? Sopratutto, cosa l'ha spinta 10 anni fa a tornare a vivere con lei?
Vista la delicata età mi viene da pensare che potrebbe essere un modo per attirare l'attenzione su se stessa e legarla ancor di più a se.
Ovviamente non può costringerla ad intraprendere un percorso psicologico o psicoterapico: alla base vi deve essere una motivazione dell'utente che, da quanto racconta, risulterebbe essere nulla in sua madre.
Ma potrebbe tentare di spiegarle la sua preoccupazione per cercare di convincerla ad affrontare un percorso insieme ( includendo, qual'ora dovessero esserci, fratelli o sorelle).
Le auguro una buona giornata,

Dott.ssa Valentina Mossa

Dott.ssa Valentina Mossa Psicologo a Torino

159 Risposte

255 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

14 OTT 2014

Salve Franco,
una visita specialistica neurologica sarebbe opportuna, anche per appunto discriminare se si trattasse di un disturbo neurologico (dovuto magari anche all'invecchiamento) o psichiatrico.
Cordialmente,
Dott.ssa Gerbi

Dott.ssa Martina Gerbi Psicologo a Asti

143 Risposte

261 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Psicologia degli anziani

Vedere più psicologi specializzati in Psicologia degli anziani

Altre domande su Psicologia degli anziani

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 25700 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17450

psicologi

domande 25700

domande

Risposte 90450

Risposte