Cosa fare per una ragazza maggiorenne bulimica?

Inviata da Moreno · 29 lug 2017 Disturbi Alimentari

Il problema riguarda la figlia della mia compagna, da alcuni mesi ci siamo resi conto che la ragazza a seri problemi di nutrizione ed è progressivamente deperita sia a livelo fisico che psicologico. Sospettiamo che si tratti di bulimia viste le caratteristiche del suo stato. Il problema grosso è che lei è maggiorenne (24 anni) e non accetta nessun tipo di aiuto, dicendo che lei sta bene e che siamo noi ad avere le paranoie. La domanda dunque è: Cosa possiamo fare per intervenire in qualche modo efficace? E possibile fare qualcosa o la si deve lasciare nel suo stato finchè non crollerà sfinita? Grazie per le risposte.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 30 LUG 2017

Gentile Moreno, comprendo la difficile situazione.
Molte persone con disturbi alimentari non sono consapevoli del loro problema e talvolta non chiedono aiuto. Questo rischia di far precipitare la situazione con gravi conseguenze psico-fisiche. Motivo per il quale occorre rivolgersi tempestivamente ad uno psicologo esperto in disturbi alimentari. Se la persona, maggiorenne, non desidera recarsi da un professionista, è possibile intervenire indirettamente attraverso le persone vicine. Queste ultime riceveranno dallo psicologo esperto in disturbi alimentari supporto e indicazioni per gestire la difficile situazione.
Resto a disposizione.
Cordiali saluti,
Dr.ssa Isabella Brega, psicologa esperta in disturbi alimentari

Dott.ssa Isabella Brega Psicologo a Pavia

31 Risposte

124 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 LUG 2017

Buongiorno Moreno,
comprendo la vostra preoccupazione. Ci sono altre persone vicine alla ragazza che potrebbero convincerla a chiedere un supporto psicologico?
Resto a disposizione
Dott.ssa Vanda Braga

Dott.ssa Braga Vanda Psicologo a Rezzato

1359 Risposte

1252 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

30 LUG 2017

Buongiorno Moreno, quando le persone che vivono in uno stato di sofferenza psicologica non vogliono farsi aiutare è possibile effettuare una terapia “indiretta”. Questo significa che, dopo aver analizzato dettagliatamente la situazione, vengono date a coloro che sono a stretto contatto con la persona delle indicazioni su come devono comportarsi per cercare di sbloccare il problema. Vi consiglio, quindi, di valutare questa possibilità.

Dott.ssa Erica Tinelli Psicologo a Orte

234 Risposte

311 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Disturbi Alimentari

Vedere più psicologi specializzati in Disturbi Alimentari

Altre domande su Disturbi Alimentari

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 28400 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18200

psicologi

domande 28400

domande

Risposte 97500

Risposte