Cosa fare in questo rapporto a 3, anzi a 4?

Inviata da Massimo Scarabino · 2 apr 2014 Terapia di coppia

Buongiorno, vi espongo il mio caso brevemente.
Sono separato ed ho 2 figli, vivo solo ed ho una relazione che va avanti da circa cinque anni.
3 anni fa ho iniziato a frequentare una mia collega di ufficio, fidanzata da circa 8 anni.
Ci siamo innamorati follemente.
Ora, io con tutti i problemi morali sarei disposto immediatamente a risolvere la mia relazione, sapendo già da ora di fare del “male” ad una persona.
Ho sollecitato più volte la mia collega a prendere una decisione con il suo fidanzato che, peraltro vive a casa sua (della mia collega), ma lei non riesce a prenderne una definitiva. Ha paura della reazione dell’attuale fidanzato, dato che anni fa è andato in “depressione” per un esame di università non superato ha lasciato gli studi), ha paura della reazione della mamma, ha paura di cosa possano pensare i suoi amici, dato che oramai sono amici di tutti e 2.
Aggiungo che è quasi un anno e mezzo che non hanno rapporti sessuali.
Non vediamo l’ora che arrivi il sabato per stare a casa mia in perfetta tranquillità ed intimità.
Forse dovrei prendere io una decisione ?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 3 APR 2014

Egregio signor Massimo,
la complicazione e la delicatezza del suo problema suggeriscono di rivolgersi ad uno psicoterapeuta (meglio se privato) per un consulto
paolo zucconi, sessuologo clinioc e psicoterapeuta comportamentale in friuli venezia giulia

Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Psicologo a Udine

1087 Risposte

1570 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 APR 2014

Carissimo
entrando empaticamente in questa dinamica, ho dovuto concedermi alcuni minuti di pausa per rimettermi in 'ordine', si, perché ci sono troppi elementi contrastanti in gioco. Del resto la mia funzione è quella di aiutare a mettere ordine prima di decidere qualcosa di nuovo. Ebbene, innanzitutto per ora va preso come punto di riferimento il rapporto con la tua 'lei', l'unico che ti può illuminare : va salvaguardato in ogni caso localizzandolo nel tempo/spazio del vostro sabato, prendendo distanza dalla 'rete' in cui lei è emotivamente impigliata. Anche se al momento, la situazione di lei appare abbastanza complicata, con la dovuta calma, io ritengo si possa risolvere. Per 'dovuta calma' intendo dire che è opportuno che l'attuale fidanzato termini gli studi ed in contemporanea, voi due farvi seguire da un esperto che potrei essere anch'io da qui, o un mio collega del vostro territorio. Penso che tu ti stia rendendo conto del fatto che io in questo momento sto mettendo ordine 'dentro' per poter iniziare a risolvere prima di complicare. A questo punto, per procedere adeguatamente, si rende necessario continuare la comunicazione e per questo rimango in attesa , se credi, di un tuo riscontro. Auguri.

Dott.ssa Carla Panno Psicologo a Milano

1057 Risposte

653 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 APR 2014

Salve,
Certo immagino che la decisione stia a lei, ma che tipo di decisione intende prendere? E perché adesso dopo questi anni? Non sono domande provocatorie, ma questioni che lei stesso deve porsi per comprendere a che punti del suo percorso personale è arrivato che la spinge a voler prendere tale decisione.
Arrivare ad un bivio è spesso tanto doloroso quanto importante poiché segna il momento in cui una persona equilibrata fa il punto della propria situazione e di assume il rischio di imboccare una strada o l altra.
Si domandi anche quali parti di se l hanno portata ad accettare lo status quo fino ad ora.
Se può si faccia sostenere in questa scelta dalla consulenza di un esperto.
Restando in ascolto, la saluto.

Dott.ssa Sabina Marianelli Psicologo a Roma

122 Risposte

63 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 APR 2014

Buongiorno, da quello che scrive sembra che la sua fidanzata metta dinanzi a tutto e soprattutto a se stessa quello che pensano e provano gli altri, rinunciando così a fare delle scelte. Difficilmente penso che la ragazza possa riuscire di sua spontanea volontà a prendere una decisione. Forse a questo potrebbe provare a metterla un po'alle strette, facendole capire che la situazione sta diventando insostenibile e che la pazienza ha un limite. Ci sono delle persone che hanno bisogno di essere messe con le spalle al muro, Solo così si rendono conto di ciò che stanno realmente per perdere e allora iniziano a mettersi in gioco.

Dott.ssa Cinzia Marzero Psicologa-Psicoterapeuta Psicologo a Moncalieri

147 Risposte

146 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 APR 2014

Buongiorno gentile Massimo,
forse la sua compagna non si sente ancora pronta per il grande passo che comporterebbe, tra l'altro, condividere anche i suoi figli oltre che stravolgere le aspettative della famiglia d'origine a cui sembra molto conforme e lasciare definitivamente e non per "pausa di riflessione" il suo fidanzato storico. Le suggerisco di riflettere con calma prima di prendere decisioni affrettate. Potrebbe richiedere una consulenza psicologica per se stesso in relazione a questa sua fretta e a questo suo entusiasmo che difronte alle responsabilità sulla vita di altre persone - compresi, se non di più, i suoi due figli - mal si coniugano con la situazione esistenziale che sta vivendo.
Cordialmente

Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Psicologo a Roma

1714 Risposte

2833 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 APR 2014

Gentile Massimo,
chiede alla sua collega di prendere una decisione e di lasciare il suo compagno ma lei ha una relazione da circa 5 anni che dice di poter concludere piuttosto facilmente. Come mai mantiene tale rapporto?
"Forse dovrei prendere io una decisione? ", direi che si è già risposto da solo.
Agisca e chissà che la sua compagna si senta più motivata, spronata ad agire e sicura dei suoi intenti per valutare seriamente la possibilità di lasciare il suo compagno a sua volta.
Ci tenga aggiornati.
Saluti,
Dott.ssa Paola Maniga

Paola Maniga Psicologo a San Donato Milanese

10 Risposte

1 voto positivo

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 25600 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17400

psicologi

domande 25600

domande

Risposte 90200

Risposte