Cosa è successo ? Problemi in famiglia

Inviata da Rebecca · 24 giu 2018 Terapia familiare

Buona sera,
Sono una ragazza di 19 anni. Ho una sorella gemella, da sempre siamo state molto unite. Ma da quanto ha conosciuto il suo ragazzo inizialmente si allontanava sempre di più da me. Lei era spesso fuori casa lerchè lui abitava lontano. Sentendomi sola, anche se continuavo a cercare il contatto con lei e ( chiamate, mesaggi ) notavo la mancanza d' interesse nei suoi confronti. Io mi sono fatta pian piano la mia vita, ho trovato un ragazzo e ho un ampia cerchia di amici.
Lei è rimaneva molto spesso da lui, a natale però si è scoperto che lui l'ha tradita con una collega di lavoro. Lei e lui mi hanno cercata per avere conforto. Entrambi per colpa di lui hanno perso il lavoro e lui si è dovuto trasferire a casa nostra, dato che lei ha deciso di perdonarlo ( vivevamo io e mia sorella ). Da lì inizia l'inferno. Io e lui non andiamo molto d'accordo e iniziamo a litigare per cose futili riguardanti le faccende di casa, poi la cosa si risolve e inizia mia sorella a lamentarsi di come svolgo io le faccende domestiche e per il fatto che non sia mai a casa. Fatto questo. Parliamo tutti insieme ( papà e matrigna ), decidendo insieme che la cosa migliore sia vivere con i miei genitori.
Dopo 3 mesi che vivo di nuovo con i miei. Mia sorella mi scrive stasera che non ne può più di sentire i nostri genitori lamentarsi di me Perchè non eseguo bene le faccende di casa. ( piccole distrazioni, acqua sul lavello, vestiti lavati a mano ma cade acqua a terra )
Premesso : non parlo con mia sorella da quando vivo con i miei.

La prego mi dia un commento su questa situazione. Io non capisco il suo comportamento, come nemmeno tutto questo astio da parte di entrambi nei miei confronti.

Una buona serata.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 26 GIU 2018

Cara Rebecca, dalle sue parole arriva un pò di confusione rispetto a ruoli e confini nell'ambito della sua famiglia. Il rapporto con sua sorella sembra poco chiaro, quasi a "singhiozzo" nel senso che passate da intimità a distacco, da convivenza a totale assenza di comunicazione....e sembra, non so se sbaglio, che lei sia un pò "succube" degli umori, delle decisioni e dei giudizi della sua intera famiglia. L'ultimo episodio che racconta (dove sua sorella le riferisce le "lamentele" dei suoi genitori, per altro non espresse a lei direttamente da parte loro...) mi sembra ancora più confuso e non si capisce quale sia l'obiettivo di questa comunicazione. La invito a parlare apertamente con la sua famiglia (tutti insieme) di ciò che sta succedendo, per capire meglio cosa non va e vedere come si può rimediare.
Cordialmente, Dott.ssa Daniela Cannistrà.

Daniela Cannistrà - Psicologa e Psicoterapeuta Psicologo a Seregno

580 Risposte

254 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

26 GIU 2018

Ciao Rebecca,
non è facile rispondere alla tua ultima risposta, ma dalle vicende che mi descrivi l'ipotesi può essere quella di un'insoddisfazione della loro vita (per le diverse scelte sbagliate o per gli eventi negativi che hanno incontrato) e che spesso si orientano verso chi si ritiene "più fortunato": tu mi sembri infatti in questo momento un po' più serena e realizzata nella tua vita e forse hai finito per diventare involontariamente "bersaglio" del loro malessere.
Credo però che tu debba ormai orientare le tue prospettive di vita ad una più piena emancipazione dai componenti del tuo nucleo familiare d'origine, per consolidare le autonomie che già hai acquisito e per rafforzare la fiducia in te stessa, minacciata dall'atteggiamento iper-critico dei tuoi familiari. Non so da dove sia derivata la decisione di tornare a vivere con tuo padre, ma ti suggerirei di riconsiderare un'alternativa, se per te è possibile, perché un ambiente di vita diverso potrebbe permetterti una maggiore sicurezza nel quotidiano ed una minore sofferenza per gli atteggiamenti dei tuoi familiari .
Molti auguri.
dott. paola miele caccavale , Centro Per.Fa.Re Napoli

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia familiare

Vedere più psicologi specializzati in Terapia familiare

Altre domande su Terapia familiare

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24200 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17050

psicologi

domande 24200

domande

Risposte 86900

Risposte