Cosa dovrei fare adesso?

Inviata da Eli987 · 3 nov 2020

Buonasera, sono una ragazza di 23 anni e un paio di giorni fa ho lasciato il mio ragazzo con cui stavo due anni. All’inizio della nostra relazione lui era molto premuroso e tranquillo ( prima di metterci insieme mi é andato dietro per tanto tempo) ma negli ultimi 8/9 mesi é come se fosse diventato un’altra persona. Era diventato impulsivo, mi aggrediva e si arrabbiava per ogni minima piccolezza o se non la pensavo come lui, molte volte mi ricattava per farmi fare ciò che voleva lui e spesso mi conferiva colpe che sapevo benissimo di non avere ma insisteva talmente tanto che alla fine mi ritrovavo a chiedere scusa per litigi iniziati da lui perché troppo impulsivo, oltretutto non sapeva trattare una discussione con calma ed empatia. Io purtroppo sono una ragazza molto sensibile e fragile, quindi ogni volta che mi urlava addosso invece che reagire , piangevo e provavo a dire la mia ma andava sempre a finire che lui si arrabbiava ancora di più perché appunto piangevo ed a lui dava fastidio. Poi ogni volta che magari si discuteva via messaggio mi bloccava ovunque ed anche se aveva torto non mi veniva mai a cercare o a chiedermi scusa , se non lo avessi cercato sempre io penso che ci saremmo persi di vista mesi e mesi fa. Nonostante queste parti negative, io a lui volevo davvero bene , penso di non essermi mai trovata così bene ed in sintonia con una persona ( quando non si litigava) quindi sto malissimo solo al pensiero di averlo perso. ieri quando l’ho lasciato gli dissi che non sarei stata più io questa volta a cercarlo perché volevo che mi dimostrasse lui per una volta di essere pentito dei suoi comportamenti impulsivi e che non dovessi essere sempre io a corrergli dietro.Secondo voi faccio bene? Non so cosa fare, so che è una relazione disfunzionale e lui non riesce a capire i suoi sbagli ma dall’altra parte ci tengo molto a lui...

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 4 NOV 2020

Cara Eli987, credo che ciò che L'ha spinta a lasciare il Suo compagno sia il mancato benessere che sperava di trovare in lui. É difficile lasciare andare qualcosa che, in ogni caso, ci ha fatto stare, a tratti, anche bene. Conservi dentro sé ciò che di buono ha avuto con questa persona, ma si dia tempo di elaborare l'accaduto, ridefinendosi in relazione non alla persona, ma a sé stessa e al nuovo che arriverà nella Sua vita, a ciò che davvero Le può far bene.
Volevo ancora dirLe che solo perché non aveva mai vissuto fino ad ora la sintonia con un'altra persona, non significa che questa non potrà incontrarla piú avanti, e con una intensità anche maggiore, e con piú completezza!
Persegua il Suo benessere!
Le auguro buona fortuna.
Dr.ssa Amanda D'Ambra.

Dr.ssa Amanda D'Ambra Psicologo a Torino

1558 Risposte

840 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 28350 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18150

psicologi

domande 28350

domande

Risposte 97400

Risposte