Cosa devo fare per stare bene?

Inviata da vittoria · 2 dic 2018 Orientamento scolastico

Non so se lasciare l'università. Non l'ho scelta perché desideravo, l'ho scelta perché altrimenti sarei stata un fallimento per i miei genitori e perché avendo il posto alloggio sarei fuori dalla loro casa, finalmente.
Il fatto è che non ho più le idee chiare su niente, vivo nel buio da prima della maturità, ancora non ho dato nessun esame, ma l'idea di studiare certe materie mi nausea. Ho passato questi primi due mesi da pendolare a piangere e vomitare, adesso mi sto riprendendo ma non so come comportarmi. Non so quale sia la scelta giusta.
E se lasciassi? mi conviene al giorno d'oggi non avere una laurea? e poi dovrei tornare a casa dai miei dove non riesco a vivere e dove mi sento sempre insufficiente.
E poi che farei se non andassi all'università?
E se invece restassi ? ma questo vorrebbe dire che devo studiare per mantenere la borsa di studio ma quello che sto studiando non mi piace.. ho serie difficoltà, non mi concentro, mi viene mal di stomaco.
Cosa devo fare?
C'è un modo per non sentirmi delusa di me stessa, fare qualcosa che mi piace e non vivere più in quella casa?

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 3 DIC 2018

Gentile Vittoria,
quello che prova potrebbe essere ricondotto ad un disorientamento prodotto dal trovarsi nel mezzo di una delle transizioni che caratterizzano il ciclo di vita. Il passaggio dall’istruzione superiore all’università, oppure al mondo del lavoro, implica una evoluzione della nostra identità, che si relaziona in modo differente anche nei confronti della società e negli stessi confronti della famiglia di appartenenza.

Provi a seguire la scelta che sente per lei più autentica, portando alla consapevolezza i condizionamenti esterni che la premono, e tenendo anche conto che nella vita, specialmente ad una giovane età come immagino sia la sua, questo tipo di scelte non risultano irreversibili.

Proseguire con l’università, entrare nel mondo del lavoro, crearsi una propria autonomia anche attraverso l’indipendenza dalla famiglia di origine, sono tutti elementi che concorrono alle fasi della crescita personale alla quale siamo tutti, costantemente, soggetti.
L’importante è sempre cercare di andare incontro alla nostra autenticità.

Per affrontare il suo caso specifico in termini di supporto, andrebbe analizzata con maggiore precisione la situazione (approfondendo molti aspetti riportati genericamente nella descrizione) per mezzo di una consulenza psicologica di orientamento.

Un Cordiale Saluto,
Dott. Fabio Romanelli
Psicologo del Lavoro

Dott. Fabio Romanelli Psicologo a Fiumicino

40 Risposte

20 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Vedere più psicologi specializzati in Orientamento scolastico

Altre domande su Orientamento scolastico

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17300

psicologi

domande 24850

domande

Risposte 88500

Risposte