Cosa aspettarsi da una terapia psicologica?

Inviata da amabilmente.zoe · 2 lug 2014 Depressione

Vorrei intraprendere un lavoro su me stessa con un terapeuta. Però mi sento molto confusa perché non so cosa "aspettarmi". Nel senso, per fare un esempio banale, se vado dal dentista mi aspetto che mi controlli i denti, mi faccia una pulizia e mi curi le carie, so che quando esco da lì se avevo mal di denti dovrei averlo risolto. Ma da uno psicologo come funziona?
In passato ho provato con tre persone. Una di queste mi mandò via dopo un tot di sedute perchè mi disse che c'erano persone più gravi di me (eravamo nel servizio pubblico) come per esempio una ragazza in ospedale malata di anoressia che tanto, poi io facevo parte di quelle "rare" persone che non sono in grado di lavorare su di sé, quindi era del tutto inutile continuare.
Adesso mi chiedo se davvero esistano persone che non possono fare terapia su se stessi? ma anche, come ho scritto, cosa "significhi" intraprendere questo percorso.
Ho problemi di depressione, credo di sembrare una persona "normale" a chi non mi conosce bene, ma ho grossi problemi a uscire di casa (se non andare al lavoro), infatti sto rimandando anche appuntamenti importanti per la mia salute. Non riesco a fare telefonate anche solo per prendere un appuntamento. tutto mi angoscia, mette ansia. Mi sono isolata da molte amicizie e mi ritrovo apatica. Ho fatto 5 anni di psicofarmaci e antidepressivi seguita da un neurologo, però alla fine mi disse che non bastavano per me i farmaci ma mi sarebbe servito un lavoro più profondo con un terapeuta.
grazie e scusatemi se ho fatto una richiesta un po' confusa.

N.

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 3 LUG 2014

Gentile N.
dallo psicoterapeuta se capace ci si aspetta ciò che lei chiede. Si inizia con i suoi problemi emergenti che la disturbano. Molto dipende comunque non tanto dalla esperienza del terapeuta quanto dall'approccio che lei sceglie cioè da qlla che si chiama anche la "scuola di pensiero"
dr paolo zucconi sessuologo clinico e psicoterapeuta comportamentale a udine

Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Psicologo a Udine

1087 Risposte

1590 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

10 LUG 2014

Gentile N, il percorso terapeutico permette il recupero e la ricostruzione di capacita' perdute, in un ambiente contenitivo ed accogliente. Dopo aver ascoltato ed individuato le cause che sostengono il suo disagio, sarà possibile strutturale un intervento preciso e "condiviso". Non esistono pazienti non adatti o "meno importanti". Contatti uno specialista della sua zona, anche all'interno di questo portale, e si AfFIDI! Un caro saluto, Dott.ssa Raffaella Orlando

Dott.ssa Raffaella Orlando Psicologo a Napoli

201 Risposte

105 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 LUG 2014

Gentile N,
come hanno già spiegato i miei colleghi quel che può offrirle un percorso terapeutico è la possibilità di un cambiamento, da una situzione che attualmente vive come spiacevole. Mi piace ricordare l'esempio che mi fecero in formazione, lo psicoterapeuta deve essere come la torcia del minatore ovvero permettere a chi la indossa di vedere, di focalizzare e porrre l'attenzione sugli elementi importanti. E' buona pratica trovare accoglienza e ascolto, ma a differenza di una seduta dal dentista non si è attori passivi dell'intervento bensì artefici del proprio cambiamento! Tornando all'esempio della torcia, se non la si accende e/o non la si segue non si va da nessuna parte.
Cordiali saluti

Dott.ssa Barbara Manzo

Dott.ssa Barbara Manzo Psicologo a Roma

39 Risposte

62 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 LUG 2014

Buongiorno N.,
intraprendere un percorso psicoterapico richiede un certo tipo d’impegno e il volersi mettere in discussione. Da quello che scrive, è evidente che sta vivendo un momento difficile, ma al tempo stesso esprime la sua delusione per gli scarsi risultati ottenuti dopo anni di trattamento. Penso che tutti possano accedere a un trattamento e lavorare su di sé. Quando si sceglie di intraprendere una terapia essa va inquadrata come un momento di crescita personale, poiché le offre la possibilità non solo di conoscersi in modo più profondo, (attraverso l’utilizzo di tecniche e metodologie mirate) ma al tempo stesso, le permette di superare le difficoltà provate, ottimizzando le proprie risorse personali e migliorare la propria qualità di vita.
Saluti
Dott.ssa Carmen Di Grazia

Dott.ssa Carmen Di Grazia Psicologo a Cesena

12 Risposte

28 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 LUG 2014

Gentile N.,
si inizia un percorso terapeutico per un' infinità di ragioni....quando si presenta un disturbo che rende impossibile vivere in modo sereno la propria quotidianità, quando non troviamo risposte a certi dilemmi a cui andiamo incontro in momenti specifici della nostra vita, quando, "semplicemente", abbiamo voglia di conoscerci meglio.
Il lavoro terapeutico è un lavoro generalmente lento e faticoso, richiede grande impegno, costanza e pazienza.
L' obiettivo finale è quello di comprendere le proprie modalità di funzionamento al fine di poterle modificare per imparare a gestire in maniera nuova e più costruttiva le proprie emozioni, i propri comportamenti, i propri pensieri nonchè le relazioni con gli altri.
Per tutti questi motivi i risultati non sono immediati come dal dentista....si vedono nel tempo...e quel "male" che sente adesso passa lentamente..consapevolezza dopo consapevolezza ma in un processo di crescita e conoscenza di sè che rappresentano uno splendido viaggio alla ricerca della vera essenza di sè.
In bocca al lupo per questo bellissimo percorso che le consiglio di intraprendere.
I miei migliori saluti.

Anonimo-125947 Psicologo a Firenze

49 Risposte

119 voti positivi

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 LUG 2014

Gentile N.,ha visto la pubblicità che aveva fatto l'Ordine degli Psicologi della Lombardia su un quotidiana qualche mese fa?A me era piaciuta moltissima,perchè rendeva l'idea di quello che fa uno psicologo...C'era un gomitolo tutto arruffato e annodato(esemplificativo della confusione)...dopo un lavoro con uno psicologo il gomitolo era sempre un gomitolo,ma in ordine,senza nodi,si sapeva quali erano le estremità da prendere...Ho reso l'idea?Quindi ecco spiegata la sua confusione...Per come lavoro io,per me è fondamentale una buona analisi della domanda,cioè capire cosa chiede la persona,cosa vuole,che cambiamenti vorrebbe.Fondamentale lavorare inizialmente su questo per definire Insieme degli obiettivi a breve,medio e lungo termine....Poi da li' si parte....e inizia il viaggio affascinante della terapia...
Un caro saluto e un in bocca al lupo per il lavoro che intraprender!Dr.ssa Rizzi

Dott.ssa Carolina Rizzi Psicologo a Milano

49 Risposte

46 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 LUG 2014

Gentile N. penso che la prima aspettativa quando si decide di iniziare una psicoterapia sia semplicemente quella di stare meglio e di ricevere gli strumenti necessari per poter affrontare il proprio problema. Da quello che scrive mi viene da pensare che forse nel suo iter non ha ancora trovato il professionista più adatto a lei. Nel servizio pubblico purtroppo ci sono delle lunghe liste di attesa ma anche poco personale, per cui si tende a privilegiare il paziente che ha delle grosse problematiche a discapito dei clienti che hanno dei malesseri minori ma altrettanto importanti. Concordo con quanto suggerito dal suo neurologo: il farmaco è importante ma altrettanto è iniziare un percorso personale che l'aiuti a prendere consapevolezza di cosa le causa il suo malessere e che possa fornirle gli strumenti più idonei per poter affrontare e superare la sua depressione. Si scelga un professionista della sua zona, faccia un colloquio conoscitivo e se si trova a suo agio vuol dire che ha trovato la sua guida. In bocca al lupo.
Dott.ssa Cinzia Marzero

Dott.ssa Cinzia Marzero Psicologa-Psicoterapeuta Psicologo a Moncalieri

147 Risposte

150 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 LUG 2014

Buongiorno N.,
cosa aspettarsi da un trattamento psicologico? Un processo di cambiamento direi.
Sottoporsi ad un trattamento psicoterapeutico non è la stessa cosa che andare da un dentista, anche se la cura dei dettagli e l'attenzione per la complessità della persona credo siano simili a quella che si effettua quando si fa un intervento chirurgico molto delicato e complesso.
La psicoterapia è un processo che ha bisogno di coinvolgimento, motivazione e tempo. Il tempo serve per affrontare le occasioni che la vita ci offre per tentare di affrontarle in modo diverso (ma con una consapevolezza nuova) e sperimentare in quella circorstanza un modo diverso di viverla e sentirla.
Da quello che scrive è evidente tutta la sua delusione per anni di trattamento con scarsi risultati e dalle poco incoraggianti parole dei professionisti che ha incontrato sulla sua strada. In realtà tutti possono accedere ad un trattamento psicoterapeutico, in special modo chi ne sente la necessità. Il servizio pubblico è stracarico di tante situazioni gravi e stressanti e a volte nel tentativo di dare un conforto superficiale e rapido alle persone si esprime nei toni che ha descritto. "sa lei non è così grave da poter occupare il nostro tempo", in tutto questo manca la risposta alla richiesta di aiuto espressa.
Nella sua lettera descrive inoltre i limiti che la sua condizione sta imponendo alla possibilità di vivere appieno la sua vita e ciò è sufficiente per cominciare un percorso di cambiamento.
Dalla psicoterapia può aspettarsi comunque un miglioramento, se decide di rivolgersi ad un collega della sua zona, sia sincera ed esprima queste sue preoccupazioni, comincerete un percorso che da subito si focalizza sulle criticità e sopratutto non sia passiva nel trattamento, paziente e terapeuta lavorano sempre insieme.
Il mio parere su "cosa aspettarsi" da una psicoterapia è questo: si aspetti di prendere strade nuove e di essere aiutata a riflettere e comprendere aspetti della sua vita sui quali magari non si era mai soffermata prima. Si aspetti di avere dall'altra parte una persona, un professionista, in grado di restituirle un'immagine costruttiva della sua persona. Il cambiamento in psicoterapia è implicito, si accorgerà di essere cambiata solo facendolo.
Spero di averla in qualche modo aiutata.
In bocca al lupo.
Dott. Alessandro Montenero - Rimini.

Dr Alessandro Montenero Psicologo a Rimini

69 Risposte

111 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 LUG 2014

E' sempre lecito chiedersi cosa succederà in una psicoterapia. Come dice lei andare da un dentista è sapere più o meno cosa succede ma ad andare da uno psicologo cosa può mai succedere? Spesso mi viene chiesto come è possibile che con il solo parlare si possano risolvere le cose...Sa, è difficile spiegarlo, aprirsi, mettersi in gioco e lavorare su stessi vuol dire iniziare un percorso duro e difficile, ma se fatto con tanta volontà e con il professionista giusto per noi, si possono avere risultati. Primo tra tutti affrontare le difficoltà che non ci fanno vivere le giornate come vorremmo, solo con un confronto possiamo capire cosa ci blocca, dobbiamo fare uscire fuori la sofferenza che non ci fa vivere serenamente, e in questo un professionista la può aiutare. Una cosa principale è la volontà di iniziare con impegno un percorso, io le consiglio di andare da un professionista e chiedere le informazioni di cui ha bisogno, esponendo le sue perplessità a riguardo.

Un caro saluto
Dott.ssa Daniela Ciccarelli

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 LUG 2014

Buongiorno, iniziare un percorso di terapia è come iniziare a scalare una montagna aiutata da una guida, che conosce la strada ma aspetta i tuoi tempi e le tue capacità. Non esistono persone che non possano lavorare su se stessi ma forse il tuo terapeuta non è riuscito a motivarti nel percorso. Se come dici fai fatica a prenderti cura di te stessa per ansia e depressione fai un primo passo è Rivolgiti ad un terapeuta ad indirizzo cognitivo comportamentale, non sarà lui però a farti cambiare, insieme stabilirete degli obiettivi e lui ti Sosterrà nel tuo percorso di cambiamento. Un caro augurio.
Rimango a tua disposizione
Dottssa Elisa Zocchi

Dott.ssa Elisa Zocchi Psicologo a Samarate

109 Risposte

104 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 LUG 2014

Gentile N.,
ciò che avviene all'interno della stanza di terapia dipende da molti fattori: la formazione del terapeuta, il problema che viene portato dalla persona che si rivolge a lui, il tipo di relazione che si instaura tra di loro.
Credo che il timore di alzare il telefono e di fare una telefonata possa essere attribuito ai precedenti "fallimenti" terapeutici ma anche al suo attuale stato di ansia.
Il primo incontro è uno degli aspetti più difficili da affrontare, che implica l'affidarsi ad uno "sconosciuto" ponendosi in una situazione di debolezza.
Si faccia coraggio e alzi il telefono.

Restiamo in ascolto

Dr Mori, Psicologo Sessuologo Psicoterapeuta Psicologo a Siena

573 Risposte

390 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 LUG 2014

Carissima,
ritengo che le tue attuali difficoltà dipendano molto dal fatto che 5 anni di farmacoterapia senza supporto psicologico abbiano fossilizzato le tue potenzialità/esigenze relazionali ed ora chiedi cosa significhi un percorso psicologico proprio perché ne hai un immenso bisogno e che si manifesta attraverso la tua curiosità. Posso confermarti che la tua richiesta rappresenta la parte più vitale di te imprigionata, un enorme bisogno di contatto umano, come un s.o.s che dovrebbe essere accolto da chi come me svolge una professione che ha a che fare con la Comunicazione. Potresti contattare un/a Collega della tua zona e nel frattempo mantenere la comunicazione con me per un supporto ed eventuali ulteriori chiarimenti.
Dott.ssa Carla Panno
psicologa-psicoterapeuta

Dott.ssa Carla Panno Psicologo a Milano

1057 Risposte

681 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 LUG 2014

Ciò che può aspettarsi da una psicoterapia in genere lo definisce lei, con l'aiuto del professionista. Nel suo caso sembra che ci siano molti presupposti ed abbastanza chiari per intraprendere un percorso di psicoterapia. Provi a consultare qualche altro professionista, non sempre si trova lo psicologo adeguato a se dopo il primo incontro.
Saluti

Dario Dott. Grigoli Psicologo a Pinerolo

141 Risposte

128 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 LUG 2014

Cara N,
è normale sentirsi confusi e disorientati quando si tratta per il proprio benessere psicofisico, dove cè qualcosa che non ci convicne, qualcosa che ci dice che non tutto è cosi come sembra. Ha fatto molto bene rivolgersi da noi e chiedere che cosa fare e che cosa aspettare. In una terapia psicologica prima di tutto si apre il mondo inferiore della persona interessata, si crea un rapporto confidenziale di fiducia e rispetto sentimentale tra terapeuta /paziente. Con pocche parole , un percorso simile le aiuterà di sicuro a comprendere al meglio le sue esigenze il suo essere i suoi bisogni , le aiuterà a correggere certi comportamenti come si vede dalla sua lettera che riguardano le sue paure.
Io lavoro anche on-line se l'ha interessa mi farebbe piacere
In bocca al lupo

Dott.ssa Stoyanka Georgieva Psicologo a Omegna

225 Risposte

142 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

3 LUG 2014

Cara N.,
per ognuno di noi intraprendere un percorso psicoterapico significa una cosa diversa. C'è chi lo intraprende per modificare certi comportamenti, chi per conoscersi meglio, chi per risolvere l'ansia che lo attanaglia, ecc.
Tutto sta nel trovare una motivazione forte dentro di sé che lo porti a chiedere aiuto a uno specialista, con cui confrontarsi da principio sul percorso da intraprendere e sulle proprie aspettative verso una psicoterapia per poi iniziare un lavoro su di sé.
Le mando un grosso in bocca al lupo,
dott.ssa Martina Gerbi

Dott.ssa Martina Gerbi Psicologo a Asti

143 Risposte

262 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Depressione

Vedere più psicologi specializzati in Depressione

Altre domande su Depressione

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 29750 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 18650

psicologi

domande 29750

domande

Risposte 101200

Risposte