continuare a rinfacciare un part-time concesso

Inviata da sara77. 14 apr 2019 3 Risposte  · Mobbing

Buongiorno a tutti, vorrei sapere se puo' essere considerato mobbing continuare a rinfacciarmi in ogni riunione, davanti ad altri colleghi, e in ogni colloquio singolo il fatto di avermi concesso dopo la maternità il part-time. Devo premettere che io stessa ho sempre chiesto di poter lavorare 6 o anche 7 ore anzichè le 5 che mi sono state concesse.
Ormai non ho più alcun diritto in azienda perchè io ho già avuto "la grazia" del part-time. Non posso più neanche far notare se ci sono degli errori in busta paga perchè no ho "diritto " di lamentarmi.
Sono veramente avvilita
Aiuttemi

Miglior risposta

Gentilissima,
in merito alla sua domanda posso dirle che il mobbing non può basarsi su queste uniche premesse da lei citate, inoltre i comportamenti vessatori devono teoricamente perdurare da più di sei mesi ed essere accompagnati da altre azioni che dimostrino la volontà di allontanarla dal mondo del lavoro. Vorrei capire qual'è il suo obiettivo? Cercare di bloccare questi commenti discriminatori oppure trovare giustizia in merito alla doppia discriminazione che lei sta subendo? Perché, mi sembra di capire, proprio di questo si tratta: lei ha usufruito di un legittimo diritto e A CAUSA di questo sta subendo un altro attacco ai suoi diritti. Si rivolga alla Consigliera di Parità della sua Regione che la aiuterà, attraverso una semplice conciliazione, a far rispettare i suoi diritti. Se invece l' obiettivo è recuperare la comunicazione distorta in azienda, allora la consulenza psicologica le darà gli strumenti migliori. Resto a disposizione.
Dott.ssa Alessandra Monticone

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

Gentile Sara,
più che una questione di mobbing da parte del suo capo, ritengo sia una questione di scarsa assertività da parte sua il non far rilevare nelle riunioni che la concessione del part-time per maternità non è una grazia ricevuta ma un diritto previsto dal Decreto Legislativo n.151/2001 sulla tutela della maternità, dalla Legge n. 53/2000 nonchè dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro.
Pertanto, invece di avvilirsi, può intraprendere un percorso di psicoterapia per migliorare la sua capacità di assertività e contemporaneamente rivolgersi ad un Sindacato di Categoria per avere chiarezza ulteriore sui suoi diritti.
Cordiali saluti.
Dr. Gennaro Fiore
medico-chirurgo, psicologo clinico, psicoterapeuta a Quadrivio di Campagna (Salerno).

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

IERI 10:33

Logo Dott. Gennaro Fiore Dott. Gennaro Fiore

5823 Risposte

16365 voti positivi

Buongiorno Sara,

comprendo il suo essere avvilita, come se ora avesse perso qualsiasi diritto e la facessero sentire perennemente in colpa. Ha parlato a parlare con il suo capo della situazione?cosa le dice? Le consiglio, visto il forte stress, di intraprendere un percorso psicologico, online o da un professionista della sua zona.
Resto a disposizione per eventuali chiarimenti, se vuole mi può scrivere
Cordiali saluti
Dott.ssa Alice Noseda

Ti è stata utile?

Si No

Grazie per la tua valutazione!

15 APR 2019

Logo Dott.ssa Alice Noseda Dott.ssa Alice Noseda

1086 Risposte

926 voti positivi

Domande simili:

Vedi tutte le domande
La mia vita non ha senso. Aiuto

3 Risposte, Ultima risposta il 23 Ottobre 2017

Bambino di quasi 6 anni

5 Risposte, Ultima risposta il 20 Agosto 2016

Come posso risolvere?La psicoterapia non funziona...

7 Risposte, Ultima risposta il 14 Febbraio 2019

Perchè sono così volubile?

1 Risposta, Ultima risposta il 06 Giugno 2018

Non so cosa voglio, sono in crisi con il mio fidanzato

1 Risposta, Ultima risposta il 20 Marzo 2019

Come definireste una ragazza con più storie nel suo passato

1 Risposta, Ultima risposta il 21 Marzo 2017

Malpractice?

2 Risposte, Ultima risposta il 27 Settembre 2017

Tristezza

10 Risposte, Ultima risposta il 08 Dicembre 2015