Accesso Psicologi Registra il tuo centro gratis

Continuare a mentire...

Inviata da Mia il 22 gen 2015 Crisi adolescenziali

Ciao, mi chiamo Martina e fra qualche giorno compio 18 anni.
Per riassumere, 5 anni fa conobbi un ragazzo che rispettava ogni regola del mio mondo adolescenziale: viveva nel mondo del rap, è più grande di me di 7 anni, ma non mi importava l'età, quello era il mio sogno da bambina..finì perché non mi sentivo considerata e io ingenuamente continuavo a seguirlo..finché non conobbi un altro ragazzo decisamente migliore, siamo stati insieme 3 mesi finché il mio ex non tornò a corteggiarmi e ci ricaddi. Siamo stati insieme due anni, due anni dove continuavo a mentire a me stessa e a lui, avevo capito che quei 3 mesi passati con l'altro ragazzo erano stati davvero significativi..solo che continuavo a ripetermi che stavo meglio così, mentendo e non creandomi problemi: non avevo bisogno di pensare, vivevo in una bolla di trasgressione e ingenuità. Avevo pensato di chiudere quella relazione di menzogne e cambiare, ma ho sempre avuto problemi con quello che fu il mio ragazzo (la morte di sua nonna, perdita del lavoro ecc) ed è durata due anni. Il giorno che abbiamo fatto due anni noi litigavamo per ogni cosa ed eravamo in pausa, chiesi al ragazzo dei 3 mesi di vederci e con grande sorpresa mi disse si. Inutile dire che mi son trovata meglio e decisi di cambiare, chiusi la storia di due anni e tornai con il ragazzo dei tre mesi, colui che è il mio attuale ragazzo. Stiamo insieme da quasi 10 mesi. Solo che ho commesso un errore enorme. In questi 10 mesi il mio ex mi ha scritto parecchie volte, ci siamo visti e ho provato più volte a spiegargli perché è finita, cercando di allontanarlo. Mentendo al mio ragazzo attuale.
Non gli ho mai detto di sentire e vedere il mio ex e avevo appena acquistato la sua massima fiducia. Finché tre giorni fa mi ha teso una sorta di trappola e ho confessato tutto. Inizialmente avrebbe voluto chiuderla, ma ha deciso di darmi un'ultima possibilità perché pensa che io possa ancora cambiare.
Ovviamente non si fida più di me ed è molto freddo, si aspetta solo che io gli dica la verità ogni minuto, dubbitando di tutto.
Non posso essere contraria, ringrazio solo di aver scelto di stare ancora con me, non mi importa in che modo, io voglio seriamente cambiare.
Il problema è che quando mi chiede perché ho mentito non so dargli una spiegazione. So solo che ho vissuto nella menzogna ed è diventata un'abitudine mentire. Ma non voglio farlo e ho davvero bisogno di aiuto. Ho bisogno di riconquistare la fiducia e smettere di mentire.
In questo momento sono solo depressa e pessimista, penso che le cose non andranno più apposto, solo perché so che è sempre stato normale per me mentire e mi chiedo come possa cambiare la mia mente così bruscamente.
Non so come muovermi, passo le giornate a piangere e a cercare di trovare una soluzione, ma sono solo in un buco nero.
Chiedo scusa per quanto ho scritto e ringrazio già da subito per eventuali risposte..

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta

Cara Martina,
a volte, di fronte ad una scelta complicata si sceglie il minore dei mali e forse queste bugie ti sono sembrate la soluzione più semplice che non parlare apertamente al tuo primo ragazzo del fatto che avevi capito di non essere così attratta da lui come credevi ed in seguito, al tuo secondo ragazzo sull'avere mantenuto i contatti con l'ex.. Ma come vedi in entrambi i casi i problemi non si sono risolti perchè l'uno non ha considerato finita la vostra relazione e l'altro ha cominciato a sospettare di te, smascherandoti... Penso che "mentire" potrebbe essere per te un modo per non affrontare le situazioni ma come vedi crea molta confusione e rischia di compromettere un rapporto a cui tieni. Ne vale la pena?

Dssa Daniela Sirtori - Monza

D.ssa Daniela Sirtori Psicologo a Villasanta

246 Risposte

212 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

buona sera,
l'insicurezza di base genera spesso indecisione, sei molto giovane e questo, in un periodo di piena adolescenza è a mio parere normale;
quando si pongono davanti diverse alternative possiamo essere indecisi su quale scegliere pechè ognuna ha degli aspetti positivi.
io mi focalizzerei su te stessa, su cosa vorresti essere, fare, diventare....
Spero di esserti stata utile
Dott.ssa Verusca Gorello
Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Verusca Gorello Psicologo a Roma

57 Risposte

26 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Martina, mi sembra di capire che ciò che ti attrae del ragazzo n.1 (chiedo scusa ma è solo per capirci) sia racchiuso nelle parole "è più grande di me di 7 anni, ma non mi importava l'età, quello era il mio sogno da bambina...vivevo in una bolla di trasgressione e ingenuità". Il ragazzo n.2 invece, probabilmente (e lo si capisce anche dal suo comportamento), è una persona 'normale' o, quantomeno molto vicina agli schemi di comportamento che tu hai intorno. Essere attratti da ciò che è 'fuori dagli schemi abituali' è assolutamente normale alla tua età, ma come hai potuto constatare tu sei maggiormente attratta da ciò che è più vicino al tuo conosciuto, che ti fa sentire protetta e rassicurata. in questo momento tu sei all'interno di una scelta difficilissima: scelgo ciò che è trasgressione e spensieratezza ma differente da quello che io sono, o ciò che è rassicurante e accogliente ma un po' 'noioso'? In pratica tu stai ponendoti il grande quesito: rimango ancora nella bolla adolescenziale (piccola) o divento una persona adulta? Ogni passaggio (ma soprattutto quello che riguarda l'adolescenza) comporta dei cambiamenti dolorosi, e tu, cara Martina lo stai sperimentando sulla tua pelle. La scelta mi sembra tu l'abbia già fatta hai bisogno di farla diventare davvero tua. La menzogna è solo un mezzzo che tu hai utilizzato per ottenere un prolungamento del tuo stato adolescenziale. Se sai di non essere una persona che mente nel quotidiano, non ti preoccupare e buona crescita.

Dottoressa Rita Gnuva Psicologo a Castellanza

6 Risposte

5 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Martina, leggendo le tue parole mi chiedo se quando parli del mentire ti riferisci solo a questa situazione o se per te è un problema che va oltre e che avverti come non più controllabile, mi chiedo anche quali sono i tuoi pensieri quando piangi e cosa intendi quando parli di buco nero..
Questi sono degli aspetti su cui sarebbe necessario soffermarsi per capire se stiamo parlando solo di un problema di coppia, o anche di altro.
Se ti riferisci solo al problema con il tuo ragazzo, ti consiglierei di confrontarti con lui su quanto ti fa stare male questa situazione cercando di spiegargli quello che provi e cercando di ricostruire insieme a lui, con pazienza, le basi per costruire l'inizio di un nuovo rapporto, in cui potrai appoggiarti a lui nei momenti di difficoltà.
Nell'eventualità in cui senti che il problema non si ferma solo al vostro rapporto di coppia e c'è dell'altro o in ogni caso senti di non poter proprio gestire la situazione, ti consiglierei di rivolgerti ad uno psicologo per fare qualche colloquio in cui poter comprendere al meglio la situazione.
Rimango a disposizione per eventuali domande o richiesta di aiuto.

Dott.ssa Monica Muschetto

Dott.ssa Monica Muschetto Psicologo a Padova

22 Risposte

8 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Martina, le tue parole mi hanno colpito e volevo rimandarti alcune semplici considerazioni....Non per sminuire l'ansia in cui evidentemente quello che stai vivendo ora ti getta, ma il tuo scritto mi ha dato interessanti suggestioni e vorrei farti notare che ne hai fatta di strada, che sei stata coraggiosa e, in qualche modo, onesta con te stessa..
A me sembra che tu sia in realtà semplicemente pronta a "sperimentare" e "trovare" modi tuoi di esprimerti e di tracciare la tua rotta. Appare chiaro che, nella sacrosanta età della sperimentazione, quale dovrebbe essere l'età dell'adolescenza, una parte di tè ha scoperto e utilizzato la "menzogna" (che bada bene, può anche essere usata a scopo tutelativo). Ed è altrettanto chiaro che se fino ad ora ne hai "apprezzato" i risvolti difensivi, ora tu ne stia "assaggiando" i limiti, le contraddizioni e i confini.
Cara Martina hai appena 18 anni e qualsiasi cosa tu sia stata, non per forza deve restarti appiccicata sulla pelle, perchè non pensare invece, che ti sia servita per capire come vorresti essere e per farti scoprire proprio che la tua natura magari ha altre inclinazioni...
Nel modo che hai di raccontarti, annuso sì, tanta paura, ma sento forte anche una spinta vitale alimentata da un preziosissimo desiderio: quello di scoprire te stessa.
E un desiderio così intenso non potrà che essere un valido alleato per trovare i tuoi modi di essere (e quando ne avrai bisogno, anche i modi per cercare aiuto)
Nel mentre non mi resta che augurarti un viaggio ricco di emozioni.
Katiuscia Del Dottore

Dott.ssa Katiuscia Del Dottore Psicologo a Genova

1 Risposta

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Cara Martina, non capisco quando dici che per te mentire è diventata un abitudine. Da quanto hai raccontato hai provato solo a tenere lontano il tuo ex, per paura che potesse nuovamente rompere il tuo attuale rapporto. Hai mentito, ma, mi sembra di capire, solo per proteggere e, soprattutto, solo in questi ultimi mesi.
Non sarà difficile per te ora costruire un rapporto basato sulla sincerità, piuttosto, bisogna capire se il tuo ragazzo è disposto a costruire un rapporto di fiducia. Si dice che la fiducia "si guadagna" ma se non si rischia, non si può capire quanto l'altro sia sincero e degno di fiducia.
Prova a chiarirti con il tuo ragazzo, spiegagli che le bugie che hai detto erano segno della paura che hai di perderlo, e quindi dell'amore che provi per lui. Dovete solo provare a fidarvi l'uno dell'altro, poi tutto andrà come deve andare...
In bocca al lupo
dott. Valentina Valentini

Dott.ssa Valentina Valentini Psicologo a Sorrento

22 Risposte

15 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Crisi adolescenziali

Vedere più psicologi specializzati in Crisi adolescenziali

Altre domande su Crisi adolescenziali

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 19850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 15700

psicologi

domande 19850

domande

Risposte 79300

Risposte