Consiglio urgente: il mio ragazzo va da una psicologa ma sta peggio di prima?!

Inviata da Anna · 16 mag 2014 Terapia di coppia

Buongiorno a tutti... Vorrei chiedere un vostro parere. Il mio fidanzato mi ha tenuto nascosto il fatto che va da una psicologa... fin qui nulla di male. Ognuno è libero di fare ciò che vuole. Questa psicologa l'ho conosciuta anch'io perchè prima il mio ragazzo aveva problemi durante il sesso nel senso che non riusciva a mantenere l'erezione. Dopo qualche incontro con la sessuologa (a uno di questi ho partecipato anch'io) ha risolto il problema. Però mi ha confessato parlando che ha continuato ad andarci perchè la sessuologa gli ha chiesto di farlo e ora parlano del suo lavoro. (secondo voi perchè ha continuato anche se il problema era risolto? ora però il problema si sta ripetendo, non capisco il perchè). Mi ha mentito dicendomi che era tranquillo, quando in realtà poi mi ha confessato di essere stressato, di non dormire di notte, e di avere problemi sul lavoro. Inoltre la psicologa gli ha prescritto delle gocce per dormire (i problemi di erezione sono tornati da qualche settimana).... e mi domando, perchè quando gli ho chiesto di smettere di prendere le gocce lui mi ha risposto che non può?! vengono sempre prescritti psicofarmaci ai pazienti? In questo caso lo è secondo voi? Mi ha detto che della sua vita è padrone lui e che non devo permettermi di fare certe affermazioni. io di affermazioni di certo non gliene farò più però mi domando come aiutarlo .... sono certa che sia succube di quella donna... che lo abbia ingannato colpendo sulle sue fragilità. Molti professionisti se ne approfittano delle persone solo per guadagnare soldi....Forse sono io che ho giudizi affrettati ma.. Ho avuto amici che si sono ritrovati in casi simili e quindi non mi fido di certi professionisti. Secondo voi come dovrei comportarmi?! La verità è che mi spiace dover restare in silenzio e non poter aiutare il mio compagno perché lui invece che confidarsi con me preferisce raccontare i fatti suoi ad una psicologa. Grazie a chi risponderà seriamente... buona serata a tutti.
Anna

Risposta inviata

A breve convalideremo la tua risposta e la pubblicheremo

C’è stato un errore

Per favore, provaci di nuovo più tardi.

Miglior risposta 19 MAG 2014

Gentile Anna,
1. innanzitutto la psicologa in questione è iscritta all'Albo degli psicologi della vostra provincia? Lo trova facilmente in Internet. Se non lo fosse sarebbe grave. Se è sessuologa è iscritta nell'albo Fissonline.
2. Le bugie del suo fidanzato: gli chieda il perchè! non è un segreto recarsi dallo psicologo, nè un disonore.
3. Lei può chiedere la stessa cosa alla psicologa, la prassi è quella di chiedere un incontro congiunto a tre: Lei, il fidanziato, la psy.
Cordialità.

Dr.Brunialti, psicoterapeuta, sessuologa, psicologa europea Psicologo a Rovereto

214 Risposte

731 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 MAG 2014

Gentile Anna, come lei stessa dice, il fatto che il suo compagno sia seguito da una collega e quello che succede in quella relazione terapeutica riguarda il suo compagno. E' importante che quanto succede in terapia lì vi rimanga. Penso che lei lo possa aiutare lasciandolo libero di lavorare con la psicologa e concentrandosi sul vostro rapporto che nulla ha a che fare con il loro. Non è automatico il ricorso ai farmaci. Li si usano solo in determinati casi. Cordiali saluti

Alessandro Degasperi Psicologo a Trento

91 Risposte

56 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 MAG 2014

Cara Anna, in linea generale un disturbo di erezione può essere legato a problemi nella gestione dello stress e ansia, quindi data l'insonnia e lo stress lavorativo confessati dal tuo compagno, questi potrebbero essere elementi che spiegano il ritorno del disturbo nel momento presente. Se il disturbo sessuale è un sintomo di una situazione ansiosa e di stress solitamente si chiede al paziente, anche se il sintomo è risolto, se vuole proseguire un percorso terapeutico per migliorare il benessere generale e prevenire l'insorgenza di altri sintomi o il ripetersi di quelli già presenti. Ovviamente si chiede il consenso a proseguire la terapia e si concordano con il paziente tempi e modalità.
Gli psicologi, se non hanno una formazione medica, non possono prescrivere farmaci ma i farmaci non sono da demonizzare perché possono essere molto utili in associazione con un trattamento psicologico. L'obiettivo solitamente è quello di aiutare nell'urgenza per poi elaborare modalità di gestione più adeguate e arrivare a togliere il sostegno farmacologico.
Capisco anche che lei si sente ferita dal comportamento del suo compagno che non si è confidato con lei, forse potrebbe pensare che lui non si fida e preferisce un'estranea ma dall'altra parte forse aveva solo paura di deluderla mostrando le sue debolezze...provi a parlare dei suoi sentimenti con il suo compagno senza porre l'accento su come lui si è comportato ma su come si sente lei.
Un caro saluto
Dott.ssa Elisa Zocchi

Dott.ssa Elisa Zocchi Psicologo a Samarate

109 Risposte

103 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 MAG 2014

Carissima, se ti sei rivolta a questo sito significa che hai bisogno di recuperare la tua fiducia nella 'categoria' e ti rispondo solo per questo. Il sintomo relativo al sesso, come altri sintomi, può essere risolto ma spesso non viene considerato come espressione un disagio più profondo e credo che questa sia la ragione per cui il ragazzo deve continuare la terapia. Per quanto riguarda l'aspetto farmacologico, non dici di quale prodotto si tratta, ma se ha indicazione ansiolitica, non è un vero e proprio 'psicofarmaco'. A questo punto dovresti far leva su un senso di maggiore rispetto per la privacy necessaria in ogni setting psicoterapeutico. Posso darti altri chiarimenti se ne avrai bisogno. Ciao
Dott.ssa Carla Panno

Dott.ssa Carla Panno Psicologo a Milano

1057 Risposte

648 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 MAG 2014

Gentile Anna,
non possiamo interferire con un rapporto terapeutico intrapreso dal suo partner. Solo lui potrò gestire il rapporto con la fiducia che questo comporta e garantire a sé la riservatezza. E' quindi preferibile che gestisca il tutto il suo ragazzo il quale penso non sia tenuto a raccontarle proprio tutto. Se poi in caso di eventuali future difficoltà le chiede specificatamente aiuto...
dr paolo zucconi sessuologo clinico e psicoterapeuta comportamentale a udine

Dr. Paolo G. Zucconi (sessuologia clinica & Psicoterapia) Psicologo a Udine

1087 Risposte

1570 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 MAG 2014

Gentile Anna,
anzitutto sarebbe bene verificare che sia una psicologa, dal momento che gli psicologi non possono in alcun modo prescrivere farmaci. E' probabile perciò che sia un medico psichiatra. E' bene anche sincerarsi che sia psicoterapeuta e informarsi sull'indirizzo usato. Per studi e attitudini gli psicologi hanno maggiori preparazione e competenze in psicologia e la psicoterapia altro non è che una terapia psicologica.
Fatte queste precisazioni non c'è nulla di strano che un professionista indichi al paziente che c'è un altro problema da risolvere oltre a quello per cui è stata richiesta la consulenza, problema che può anche essere precedente e rivestire un ruolo "causale" per cui va trattato. D'altra parte se il disturbo sessuale si è ripresentato ciò potrebbe significare un insufficiente trattamento o l'evenienza di altri fattori anche di carattere fisico o farmacologico

Valentina Sciubba Psicologo a Roma

1054 Risposte

726 voti positivi

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

19 MAG 2014

Gentile Anna,
gli psicologi non sono medici, quindi non possono prescrivere farmaci (dovrebbe fare chiarezza su questo punto).
Il suo partner si è rivolto ad un Collega psicologo o ad uno psichiatra?
Le disfunzioni sessuali possono avere diverse cause (legate allo stress, correlate ad una disfunzione organica o psicopatologica, dinamiche di coppia, assunzione di certi farmaci ecc.).
Gli farmaci vengono prescritti dai medici (in genere psichiatri se si tratta di psicofarmaci) se ovviamente se ne riconosce il bisogno. Il motivo è legato alla psicopatologia (diagnosi) o al disagio percepito.
Come mai ha chiesto al suo partner di interrompere l'assunzione dei farmaci?
Nessuno si sta approfittando delle debolezze di questa persona. Credo sia più importante e utile riflettere sul fatto che forse lei si sente "esclusa".
Ne parli con il suo compagno, eventualmente davanti ad un Collega per una consulenza di coppia, perché il suo bisogno di controllo tradisce delle insicurezze e probabilmente delle difficoltà interne alla coppia (di entrambi).

Cordiali saluti,
Dott. Giuseppe Del Signore - Psicologo, Psicoterapeuta Viterbo

Dott. Giuseppe Del Signore Psicologo a Viterbo

834 Risposte

761 voti positivi

Fa terapia online

Contatta

Ti è stata utile?

Grazie per la tua valutazione!

Psicologi specializzati in Terapia di coppia

Vedere più psicologi specializzati in Terapia di coppia

Altre domande su Terapia di coppia

Spiega il tuo caso ai nostri psicologi

Invia la tua richiesta in forma anonima e riceverai orientamento psicologico in 48h.

50 È necessario scrivere 24850 caratteri in più

La tua domanda e le relative risposte verranno pubblicate sul portale. Questo servizio è gratuito e non sostituisce una seduta psicologica.

Manderemo la tua domanda ai nostri esperti nel tema che si offriranno di occuparsi del tuo caso.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Il prezzo delle sedute non è gratuito e sarà soggetto alle tariffe dei professionisti.

Introduci un nickname per mantenere l'anonimato

La tua domanda è in fase di revisione

Ti avvisaremo per e-mail non appena verrà pubblicata

Questa domanda esiste già

Per favore, cerca tra le domande esistenti per conoscere la risposta

psicologi 17300

psicologi

domande 24850

domande

Risposte 88550

Risposte